Osteria da Luca, record di "pessimo" su Tripadvisor

| Dopo i 1100 euro fatti pagare a quattro studenti giapponesi in un locale cino-egiziano, altro "furto": 350 euro per tre paste con il pesce. Secondo colpo: nello stesso locale 526 euro per una cena. Choccati tre turisti orientali

+ Miei preferiti

"Osteria da Luca" a Venezia, da non confondere con un locale omonimo che è fuori mura. Quello di cui si parla è nel centro storico. Finalmente si sa il nome di chi ha compilato - senza fattura - il conto da 1100 euro per una cena a Venezia. Su Tripadvisor ha collezionato 275 giudizi nella categoria "pessimo", mentre i positivi tutti elaborati da critici da una sola recensione, sono meno di 10. C'è chi insulta i titolari e il personale: "Maleducati, strafottenti, ti guardano per farti fretta così te ne vai". "Mentre pagavo il conto hanno allontanato mia moglie dal tavolo". "Bagni sporchi e polvere dappertutto". "Ladri, truffatori, evitate questo locale". "Prezzi sui menu ricaricati con il costo assurdo di acqua e servizio". "Pane vecchio", "Olio schifoso", "Pizze congelate e immangiabili", "La cassiera cinese alle mie rimostranze per il conto esorbitante rideva e diceva che non capiva l'italiano", "Ti invitano ad entrare, non cadete nella trappola". Impossibile riportare tutti i giudizi, questi sono solo una minima parte. "Servizio lento", "Cibi scotti", "Dolci dal sapore non decifrabile". "Due birre alla spina 16 euro". "Vino cattivo", e via su questa falsariga. Adesso il sindaco promette di intervenire, mentre gli strali dei clienti puntano al vicino "Casanova", soprattutto per il costo incredibile delle portate. Alcuni giornalisti hanno provato a replicare la tragica avventura dei quattro turisti giapponesi presentandosi sotto mentite spoglie nell'"Osteria da Luca" dove però Luca non c'è, essendo la gestione cinese-egiziana. Ordinando le stesse portate, quattro bistecche, una frittura di pesce, dolci e bevande, hanno totalizzato 382 euro. Un bel risparmio però. Un cliente italiano scrive che, alle sue proteste per un conto assurdo, il il titolare gli ha risposto così: "Questi italiani...vengono qui, vogliono mangiare bene e poi non vogliono pagare...". Irriferibili i commenti del malcapitato.

 Marco Gasparetti, portavoce della piattaforma 'Gruppo 5 Aprile' intanto ha consegnato a Finanza - che ha aperto un'inchiesta - e carabinieri le copie dello scontrino della carta di credito del giapponese che ha pagato il conto, ma la fattura non erano riusciti a farsela consegnare così non è stato possibile verificare l'ammontare delle singole ordinazioni: "C'è una beffa nella beffa e riguarda - aveva detto - le tre ragazze che erano nel gruppo e che, 'annusando' la possibile fregatura, hanno pensato bene di scegliere un locale diverso per mangiare solo una pizza". Mentre il comandante della Polizia municipale Marco Agostini su indicazione del sindaco ha già preso contatto con chi ha assistito all'accaduto, si moltiplicano le proposte per evitare che Venezia continui ad essere una trappola mangiasoldi per i viaggiatori. Partendo, peraltro, da un dato che lo stesso Gasparinetti tiene a precisare: nell'area marciana solo l'1% dei ristoranti è ancora nelle mani di imprenditori locali, una percentuale che sale al 50% nell'intero centro storico. La gran parte dei locali è passata di mano all'imprenditoria cinese, albanese e mediorientale. Venerdì lanceremo sulla nostra pagina Facebook una sorta di manuale - annuncia - su come 'sopravvivere' al Carnevale, con consigli dettagliati sulle situazioni da evitare". 

60 secondi
"Dovete morire!" ai poliziotti, maestra licenziata
"Dovete morire!" ai poliziotti, maestra licenziata
Docente torinese ripresa dalla tv mentre insulta e minaccia i poliziotti durante la manifestazione antifascista del 22 febbraio. E' stata licenziata e prosegue anche l'inchiesta giudiziaria per istigazione a delinquere
Baco Fb, diffusi 14 milioni di post privati
Baco Fb, diffusi 14 milioni di post privati
Un errore ha eliminato la privacy per milioni di post di singoli profili e di gruppi. A maggio i tecnici di Facebook sono riusciti a renderlo inerte. Ennesimo choc dopo gli scandali Cambridge Analytica e accordi con big cinesi
Lemon&Alcol, Coca Cola oltre il mito
Lemon&Alcol, Coca Cola oltre il mito
Il colosso Usa cerca nuovi consumatori e nuovi mercati con tre bevande a base di aromi di frutta e una piccola percentuale di alcol. Nel mirino i giovani asiatici ma presto anche in Europa
Stupro, un miliardo di risarcimento
Stupro, un miliardo di risarcimento
Hoper Cheston aveva 14 anni quando fu stuprata da un vigilante di una società privata, in Georgia, Usa. L'aggressore condannato a 20 anni, per la società un miliardo di dollari come risarcimento
"Hamas organizza il terrore in Palestina"
"Hamas organizza il terrore in Palestina"
L'ambasciatore israeliano a Roma Ofer Sachs lancia l'allarme: "Fondi umanitari destinati all'acquisto di armi e razzi, stanno tentando di violare i confini del Paese". Israele vuole il dialogo ma la capitale è Gerusalemme
Lady Kitty, che bella scoperta
Lady Kitty, che bella scoperta
Ha rubato l’attenzione di pubblico, medi e fotografi durante il Royal Wedding: nipote di Lady Diana, è considerata una delle più belle e desiderabili ragazze inglesi
Marcia-flop No Tav, il movimento spaccato
Marcia-flop No Tav, il movimento spaccato
Gli organizzatori: "Siamo in 3 mila". Per la questura 1500, da Torino 600 attivisti, dalla Valle 650, più 200/300 alla partenza. Scritte Br a Rosta. Capriola di Di Maio: "Pietra tombale sulla Tav". Il commmissario: "Mentono su tutto"
Dimissioni di massa per i preti cileni
Dimissioni di massa per i preti cileni
38 ecclesiastici del paese sudamericano hanno rassegnato le dimissioni nelle mani di Papa Francesco. Sono accusati di abusi: a rilevare i loro nomi il rapporto di un gruppo americano
Turchi, retata tra agli attivisti del Pkk
Turchi, retata tra agli attivisti del Pkk
Presi anche esponenti della rete di Gulem, colpite cellule jihadiste e gruppi di estrema sinistra, oltre mille le persone fermate
Meghan, ex fidanzato porno-attore
Meghan, ex fidanzato porno-attore
Biografia imbarazzante firmata da Andrew Morton per la promessa sposa di Harry. Toltre alla relazione con lettore Simon Rex, il suo passato di attistiva anti-trump e persino contro i detersivi. In vista altre 2 bio al vetriolo