Arkhangelsk, l'attentato è anarchico

| Svolta nelle indagini sull'attacco suicida contro la sede FSB, con morti e feriti. L'autore era uno studente 17enne che, prima di farsi esplodere, aveva scritto un post su un forum antagonista

+ Miei preferiti

Era di matrice anarchica l'attentato suicida della scorsa settimana contro la sede FSB, i servizi segreti; autore un anarchico adolescente residente nella città settentrionale di Arkhangelsk. Il diciassettenne si è fatto saltare in aria negli uffici dell'agenzia di sicurezza dell’FSB, i servizi segreti russo, provocando due morti e tre feriti. L’attentatore era lo studente Mikhail Zhlobitsky (nella foto, un secondo prima di azionare il detonatore) che ha usato uno pseudonimo su un forum anarchico, appena sette minuti prima dell’azione. S’era firmato come Sergei Nechayev - un rivoluzionario russo del XIX secolo che ha sostenuto l’uso della violenza in nome del socialismo - sulla piattaforma di social media VKontakte.

L'attacco ha aggravato la posizione degli anarchici del paese in un momento in cui già hanno dovuto affrontare una pressione crescente da parte delle autorità, in seguito non solo minacce ma anche decine di attentati a bassa intensità. L'FSB ha avviato negli ultimi mesi diversi casi contro i giovani attivisti. Gli anarchici in Russia formano un movimento relativamente piccolo, ma con una storia che risale al 1850. Gli attacchi alle autorità  in passato hanno incluso l'incendiare le auto della polizia, e lanciare cocktail Molotov presso gli uffici del partito al governo della Russia Unita. L'ultima volta che un attacco ha ucciso qualcuno era all'inizio del XX secolo. Sulla scia dei bombardamenti, i media russi si sono concentrati sul fatto che l'adolescente aveva espresso opinioni violente. "Anarchismo: la madre del terrore", leggi un titolo sulla prima pagina del principale pro-cremlino russo Moskovsky Komsomolets il giorno dopo l'attentato.

Gli anarchici, che hanno detto all'AFP di non conoscere Zhlobitsky, temevano che le sue azioni avrebbero rinvigorito un giro di vite lanciato dai servizi di sicurezza all'inizio di quest’anno. Nessun eroismo in questo”."Non lo conoscevamo", disse un anarchico di un gruppo che si autodifesa del popolo.

Rifiutando di dare il suo nome a causa del maggiore controllo da parte dei servizi di sicurezza, ha detto di "rispettare" la scelta di Zhlobitsky. Ma ha sottolineato che il gruppo non ha sostenuto il metodo, e ha descritto l'incidente come la "tragica morte di un ragazzo di 17 anni”. Il gruppo aveva creato il forum aperto sul Telegramma dove Zhlobitsky ha inviato l’avvertimento. Un altro in Perm, una città negli Urali, pubblicato su Facebook che aveva appreso l'incidente di Arkhangelsk in una telefonata da un ufficiale dell’FSB. Nella città  meridionale  di Krasnodar la polizia politica aveva convocato 60 anarchici per interrogarli, ha detto Valentina Dekhtyarenko attivista dei diritti AFP. tra loro anche attivisti di diverse nazionalità, in particolare greca. 

Nel mese di marzo, un anarchico della Crimea ha rivelato che i servizi di sicurezza AFP lo avevano torturato. Da allora è fuggito dalla penisola. Dal 2017, l'FSB ha avviato una serie di inchieste, in sintonia con l’Interpol, contro anarchici di Pietroburgo. Avtonom.org, un sito web anarchico, ha denunciato gli arresti e sostiene che i fermati sono stati torturati durante la custodia.

Per la giornalista di sinistra Ilya Budraitskis questi arresti rappresentano una nuova minaccia per i ribelli russi. "Hanno arrestato giovani di diverse città che non si conoscevano, li hanno raggruppati in un unico gruppo e hanno costruito un caso intorno a un'organizzazione fantasma", ha detto Budraitskis all'AFP.

La repressione dei servizi di sicurezza faceva parte dell'"ossessione antirivoluzionaria" dello stato russo, ha affermato. "L'ordine di combattere la minaccia rivoluzionaria percepita viene dall'alto", ha detto Budraitskis.

Budraitskis ritiene che l’attentato di Arkhangelsk sia un gesto personale, ma avrebbe innestato un'ulteriore repressione da parte dell’FSB. "E 'la loro logica", ha detto. "Sarà usato per inseguire altri gruppi". [ma.nu.]

 
60 secondi
Assolti padre e fratello, avevano ucciso Sanaa
Assolti padre e fratello, avevano ucciso Sanaa
Il delitto in Pakistan ad aprile, secondo i giudici "non ci sono né prove, né testimoni". Rischiavano la pena di morte. La triste storia della 25enne unita perché voleva sposare un italiano
L'assassina vuole tornare dai suoi figli
L
Chiara Alessandri, 44 anni, ha ucciso a martellate Stefania Crotti, 42 anni, madre di una figlia di 7 ma ora vuole i domiciliari. "Andrei a casa da mia madre". Istanza al riesame. "Preoccupata per i miei bimbi"
L'odio e la violenza, l'amore e il perdono
L
Nel romanzo di Marika Campeti ("Il vicolo delle Belle", ed. Apollo) le storie di donne diverse ma unite da un fattore comune, immerse in culture che generano ogni tipo di violenza e di sopraffazione
Playstation e calcio, la trappola del pedofilo
Playstation e calcio, la trappola del pedofilo
Condannato a 22 anni di carcere un 28enne inglese che attirava le sue vittime con la scusa di giocare su una playstation. il giudice "inorridito dalla sua depravazione". La testimonianza di un minore violentato
Impeachment Trump, arriva la smentita
Impeachment Trump, arriva la smentita
Il procuratore speciale Mueller smentisce lo scoop di Buzzfeed, definendo "non accurato". Ma il media USA conferma le rivelazioni. Lo staff di Trump ironizza: "Fakenews". L'avvocato: "Vogliono distruggere il presidente"
Gillette, ma davvero tutti gli uomini sono cattivi?
Gillette, ma davvero tutti gli uomini sono cattivi?
Fa discutere la campagna pubblicitaria delle famose lamette. Nel video, in accordo con #MeToo, si propone un modello contrario alla "mascolinità tossica" e violenta. La destra Usa insorge: "Boicottiamo i prodotti, basta luoghi comuni"
I Toninelli-boys bocciano la Tav e il Nord si ribella
I Toninelli-boys bocciano la Tav e il Nord si ribella
I governatori di Lombardia e Piemonte pronti al referendum dopo lo scontato No della commissione costi/benefici. I grillini hanno scelto i tecnici tra gli oppositori all'opera. Sabato i "Si Tav" tornano in piazza
"Chiedo asilo, in patria mi vogliono torturare"
"Chiedo asilo, in patria mi vogliono torturare"
Una 18enne araba è barricata da ore in un albergo dell'aeroporto di Bangkok in Thailandia. Non vuole tornare a casa perché la aspetta un matrimonio combinato e teme violenze e torture da parte della famiglia
Raggi la star del Rigoletto
Raggi la star del Rigoletto
Abito su misura dello stilista Camillo Bona: "Per esaltare la bellezza e la personalità di Virginia Raggi"
A Torino tutto il mondo dei No
A Torino tutto il mondo dei No
Anarchici, autonomi dei centri sociali da tutta Italia per manifestare l'8 dicembre contro la Tav. Una rete logistica con bus e accoglienza. Ma chi paga? In piazza anche i fautori del Sì. Timori per incidenti