Giustiziato "killer del laccio emostatico"

| L'uomo, 55 anni, era stato condannato nel 2004 alla pena capitale per avere strangolato quattro donne con un laccio emostatico. Pochi istanti prima dell'iniezione letale ha chiesto perdono ai familiari delle vittime

+ Miei preferiti
Steve Allen Shore, 55 anni, il "killer del laccio emostatico", reo-confesso di avere ucciso quattro donne negli anni '90 in Texa, compresa una ragazzina di 14 anni, è stato giustiziato nella tarda serata con un'inizione letale nel carcere di Huntsville, Texas. E' il condannato a entrare, dopo un anno di pausa, nella cella della morte, poichè il procuratore generale è in genere contraria all'applicazione della pena capitale. Ma, in questo caso, ha ritenuto opportuno dare il via libera all'esecuzione a cui erano presenti i familiari delle vittime. Shore ha chiesto di avere un po' di tempo, prima che gli psicofarmaci e poi il veleno fosse iniettato nelle sue vene, di dire alcune parole. Ha voluto rivolgersi ai familiari delle donne che ha ucciso in modo orribile pregando che credessero al suo pentimento e al suo dispiacere: "Io vorrei potrere tornare indietro nel tempo perch quanto successo non fosse ai avvenuto, i'm soryy, mi dispiace. Ora muoio in pace con la mia coscienza". Il suo cuore ha cessato di battere 8 minuti dopo, senza alcun tipo di inconveniente. Prima le sostanze che lo hanno sedato, poi quelle che hanno bloccato l'attività cardiaca. Il "killer del laccio" emostatico" era solito avvicinare le vittime con un pretesto, poi le sequestrava e infine le uccideva stringendo al collo il laccio di gomma, torcendolo sino a quando non  subentrava la morte per soffocamento. Il primo delitto nel '92, l'ultimo sei anni dopo. Preso per caso. La polizia lo aveva fermato dopo un'aggressione a sfondo sessuale nei confronti di una ragazzina; fu sottposto alla prova del Dna, comparandolo con i referti degli altri omicidi e il risultato suonò come una condanna per il brillante rappresentante di commercio dalla doppia vita. Dopo poco tempo coffesso ai giudici tutti i delitti, anche se c'è il sospetto che abbia ucciso altre volte in altri stati. Questa sua disponibilità non glia però evitato l'esecuzione capitale. Condannato nel 2004, ha atteso tutti questi anni  nel braccio della morte dei carceri texani. Avrebbe dovuto essere giustiziato già ad ottobre ma la sentenza era stata rinviata per una questione procedurale. Respinti anchegli ultimi ricorsi, la squadra di agenti adetti alla cella della morte sono andati a prenderlo nella sua cella, dove aveva consumato il suo ultimo pasto, per accompagnarlo nell'anticamera collegata alla stanza dove c'è il letto dove i condannati vengono saldamente legati. Al grido macabro di "Dead Man Walking", l'uomo in tuta arancione ha compiuto i pochi passi che lo separavano dal luogo dell'esecuzione. Prima, ha potuto farsi la doccia e parlare al telefono con i suoi familiari. E' apparso sereno e consapevole del male commesso. Fuori dal carcere, una delegazione di attivisti contrari alla pena capitale, che hanno denunciato, ancora una volta, la crudelta - e l'inutilità - della pena di morte che però, negli Usa, gode ancora di molta popolarità.

60 secondi
Il buio social di Miley Cyrus
Il buio social di Miley Cyrus
Oltre 2.000 foto cancellate da Instagram e fans in fibrillazione: darà l’annuncio delle nozze, ha pronto un nuovo album o è opera degli hacker?
La misteriosa morte del medico dei vaccini
La misteriosa morte del medico dei vaccini
Freddato in un campeggio davanti alla famiglia, il suo caso potrebbe collegarsi a quelli di altri sette casi simili, avvenuti nell’arco di appena due anni
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
E' accaduto in segreto il 24 maggio, non aveva mai rinnegato l'operato del padre, il pianificatore dell'Olocausto. Aveva sposato un neo-nazista e partecipava ai raduni delle Ss
Invito a pranzo con strage
Invito a pranzo con strage
Una ragazza indiana conosciuta per la scarsa abilità in cucina ha preparato un pranzo per 120 persone. Sono finiti in ospedale in 88, e di questi 5 non ce l’hanno fatta
"Ero in crisi, ho commesso gravi errori"
"Ero in crisi, ho commesso gravi errori"
La drammatica e totale confessione di monsignor Carlo Alberto Capella, ex diplomatico della Santa Sede, condannato a 5 anni di carcere per detenzione e scambio di immagini pornografiche
All you can eat, letteralmente
All you can eat, letteralmente
Un ristorante di Chengdu, in Cina, aperto da pochi mesi, ha lanciato una promozione: 15 giorni di formula mangia quanto vuoi. I clienti l’hanno fatto, portando il locale al tracollo
"Dovete morire!" ai poliziotti, maestra licenziata
"Dovete morire!" ai poliziotti, maestra licenziata
Docente torinese ripresa dalla tv mentre insulta e minaccia i poliziotti durante la manifestazione antifascista del 22 febbraio. E' stata licenziata e prosegue anche l'inchiesta giudiziaria per istigazione a delinquere
Baco Fb, diffusi 14 milioni di post privati
Baco Fb, diffusi 14 milioni di post privati
Un errore ha eliminato la privacy per milioni di post di singoli profili e di gruppi. A maggio i tecnici di Facebook sono riusciti a renderlo inerte. Ennesimo choc dopo gli scandali Cambridge Analytica e accordi con big cinesi
Lemon&Alcol, Coca Cola oltre il mito
Lemon&Alcol, Coca Cola oltre il mito
Il colosso Usa cerca nuovi consumatori e nuovi mercati con tre bevande a base di aromi di frutta e una piccola percentuale di alcol. Nel mirino i giovani asiatici ma presto anche in Europa
Stupro, un miliardo di risarcimento
Stupro, un miliardo di risarcimento
Hoper Cheston aveva 14 anni quando fu stuprata da un vigilante di una società privata, in Georgia, Usa. L'aggressore condannato a 20 anni, per la società un miliardo di dollari come risarcimento