Dio salvi la patente

| Il numero uno della Lotus beccato in flagrante dalla polizia mentre sfrecciava con una delle sue auto. Per scongiurare la sospensione della patente, ha messo in moto i legali ma anche la stampa, che da giorni lo massacra

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Forse, se per tutta la vita costruisci mietitrebbie, prima o poi in un campo ci finisci. Allo stesso modo, se sotto le stanghette degli occhiali ti passano da anni bolidi su bolidi è solo questione di tempo, ma un acceleratore lo manderai a fondo corsa. Matematico.

Una premessa utile per raccontare l’avventura dai risvolti tragicomici di Jean-Marc Gales, Ceo della “Lotus Cars”, storico marchio specializzato in vetture estreme di Hethel, Inghilterra. Quela settimana fa, mister Gales si è lasciato prendere la mano, spingendo la sua Lotus fino a 160 km/h in un tratto in cui vigeva il ferreo limite di 110. Vabbé, fosse finita qui, ci sarebbe perfino da capirlo e sorriderci sopra, ma visto che le regole della strada inglesi sono inflessibili con chiunque beccato a non rispettare questo tipo di reati, Gales ha messo in moto un meccanismo impeccabile per limitare i danni della sua impresa ad una multa, senza alcuna ripercussione.

Una pattuglia dei suoi legali si è presentata in tribunale dopo aver costruito una tesi che i giornali hanno definito “surreale”: Gales, secondo gli avvocati, si sentiva moralmente obbligato a testare di persona la bontà delle vetture Lotus, avvertendo la forte responsabilità di rispondere in prima persona dei destini del marchio fondato nel 1952 dall’ex pilota Colin Chapman. La memoria difensiva si concludeva con un’aggiunta poco felice, “Gales guidava forte, ma con cognizione di causa perché sa guidare bene”, e l’auspicio che il numero uno della Lotus potesse continuare a svolgere i propri compiti, “nell’interesse stesso dell’Inghilterra”.

Ma la pagina peggiore di questa storia è la decisione del tribunale, che invece di azzerargli i 12 punti della patente, privandolo per almeno sei mesi della possibilità di guidare, ha accolto l’improbabile tesi difensiva a 1.300 euro e una tirata d’orecchi.

Il resto va da sé: sulla vicenda sono piombati uno dopo l’altro tutti i giornali inglesi, che nel più tipico humor anglosassone hanno concluso che alla Lotus sono proprio bravi: oltre a realizzare auto sportive, sanno anche come aggirare la legge.

Uomo d’affari laureato in scienze manageriali e ingegneria meccanica, classe 1964, lussemburghese di nascita, Jean-Marc Gales vanta una carriera di tutto rispetto ai vertici del mondo dell’auto: nel 1990 entra in BMW dove occupa diversi ruoli dirigenziali, nove anni dopo passa alla Volkswagen, per transitare subito dopo anche dal gruppo americano General Motors. Nel 2006 lo chiamano per ricoprire il ruolo di Direttore Commerciale della rete Mercedes-Benz, tre anni dopo diventa amministratore delegato di Citroën, per poi approdare nel gennaio del 2012 alla Lotus Cars.

60 secondi
Gillette, ma davvero tutti gli uomini sono cattivi?
Gillette, ma davvero tutti gli uomini sono cattivi?
Fa discutere la campagna pubblicitaria delle famose lamette. Nel video, in accordo con #MeToo, si propone un modello contrario alla "mascolinità tossica" e violenta. La destra Usa insorge: "Boicottiamo i prodotti, basta luoghi comuni"
I Toninelli-boys bocciano la Tav e il Nord si ribella
I Toninelli-boys bocciano la Tav e il Nord si ribella
I governatori di Lombardia e Piemonte pronti al referendum dopo lo scontato No della commissione costi/benefici. I grillini hanno scelto i tecnici tra gli oppositori all'opera. Sabato i "Si Tav" tornano in piazza
"Chiedo asilo, in patria mi vogliono torturare"
"Chiedo asilo, in patria mi vogliono torturare"
Una 18enne araba è barricata da ore in un albergo dell'aeroporto di Bangkok in Thailandia. Non vuole tornare a casa perché la aspetta un matrimonio combinato e teme violenze e torture da parte della famiglia
Raggi la star del Rigoletto
Raggi la star del Rigoletto
Abito su misura dello stilista Camillo Bona: "Per esaltare la bellezza e la personalità di Virginia Raggi"
A Torino tutto il mondo dei No
A Torino tutto il mondo dei No
Anarchici, autonomi dei centri sociali da tutta Italia per manifestare l'8 dicembre contro la Tav. Una rete logistica con bus e accoglienza. Ma chi paga? In piazza anche i fautori del Sì. Timori per incidenti
Brasile, Haddad accusato di corruzione
Brasile, Haddad accusato di corruzione
L'ex sindaco di San Paolo, candidato alle ultime presidenziali, accusato di avere ricevuto una mazzetta per pagare la campagna elettorale. "Non ci sono prove, solo dichiarazioni di persone screditate"
'Ndrangheta, sequestrati beni per 212 milioni
Blitza della Guardia di Finanza a Reggio Calabria e in mezza Italia. Imprenditori vicino al clan dei Piromalli controllavano attività edilizie e forniture di materiali
Il delitto d’onore che divide la Russia
Il delitto d’onore che divide la Russia
Scopre sua moglie e suo fratello a letto insieme e li uccide a colpi di fucile: per i social è un vero eroe
Arkhangelsk, l'attentato è anarchico
Arkhangelsk, l
Svolta nelle indagini sull'attacco suicida contro la sede FSB, con morti e feriti. L'autore era uno studente 17enne che, prima di farsi esplodere, aveva scritto un post su un forum antagonista
L'ex uomo più grasso mondo è cleptomane
L
Era arrivato a pesare 454 chili, dopo un'operazione "solo" 158. La fidanzata lo ha lasciato e lui a ripreso a mangiare quantità enormi di cibo. Deve essere di nuovo curato ma in Inghilterra ci sono polemiche: "Costa troppo"