Dio salvi la patente

| Il numero uno della Lotus beccato in flagrante dalla polizia mentre sfrecciava con una delle sue auto. Per scongiurare la sospensione della patente, ha messo in moto i legali ma anche la stampa, che da giorni lo massacra

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Forse, se per tutta la vita costruisci mietitrebbie, prima o poi in un campo ci finisci. Allo stesso modo, se sotto le stanghette degli occhiali ti passano da anni bolidi su bolidi è solo questione di tempo, ma un acceleratore lo manderai a fondo corsa. Matematico.

Una premessa utile per raccontare l’avventura dai risvolti tragicomici di Jean-Marc Gales, Ceo della “Lotus Cars”, storico marchio specializzato in vetture estreme di Hethel, Inghilterra. Quela settimana fa, mister Gales si è lasciato prendere la mano, spingendo la sua Lotus fino a 160 km/h in un tratto in cui vigeva il ferreo limite di 110. Vabbé, fosse finita qui, ci sarebbe perfino da capirlo e sorriderci sopra, ma visto che le regole della strada inglesi sono inflessibili con chiunque beccato a non rispettare questo tipo di reati, Gales ha messo in moto un meccanismo impeccabile per limitare i danni della sua impresa ad una multa, senza alcuna ripercussione.

Una pattuglia dei suoi legali si è presentata in tribunale dopo aver costruito una tesi che i giornali hanno definito “surreale”: Gales, secondo gli avvocati, si sentiva moralmente obbligato a testare di persona la bontà delle vetture Lotus, avvertendo la forte responsabilità di rispondere in prima persona dei destini del marchio fondato nel 1952 dall’ex pilota Colin Chapman. La memoria difensiva si concludeva con un’aggiunta poco felice, “Gales guidava forte, ma con cognizione di causa perché sa guidare bene”, e l’auspicio che il numero uno della Lotus potesse continuare a svolgere i propri compiti, “nell’interesse stesso dell’Inghilterra”.

Ma la pagina peggiore di questa storia è la decisione del tribunale, che invece di azzerargli i 12 punti della patente, privandolo per almeno sei mesi della possibilità di guidare, ha accolto l’improbabile tesi difensiva a 1.300 euro e una tirata d’orecchi.

Il resto va da sé: sulla vicenda sono piombati uno dopo l’altro tutti i giornali inglesi, che nel più tipico humor anglosassone hanno concluso che alla Lotus sono proprio bravi: oltre a realizzare auto sportive, sanno anche come aggirare la legge.

Uomo d’affari laureato in scienze manageriali e ingegneria meccanica, classe 1964, lussemburghese di nascita, Jean-Marc Gales vanta una carriera di tutto rispetto ai vertici del mondo dell’auto: nel 1990 entra in BMW dove occupa diversi ruoli dirigenziali, nove anni dopo passa alla Volkswagen, per transitare subito dopo anche dal gruppo americano General Motors. Nel 2006 lo chiamano per ricoprire il ruolo di Direttore Commerciale della rete Mercedes-Benz, tre anni dopo diventa amministratore delegato di Citroën, per poi approdare nel gennaio del 2012 alla Lotus Cars.

60 secondi
Turisti "boorish", via da Venezia
Turisti "boorish", via da Venezia
Il Guardian affronta il tema della nuova ondata di divieti per i turisti che vanno a Venezia. Vietato sedersi, mangiare per strada, bagnarsi in laguna, la musica in barca. Multe in vista. I comitati: "Non si può più fare niente"
Aghi nelle fragole, panico nei market
Aghi nelle fragole, panico nei market
Taglia di 100 mila dollari a chi farà scoprire il misterioso sabotatore e un suo emulo. Ritirate in Australia le confezioni di sei produttori. Grave pericolo per i consumatori, specie i bambini. Ingenti danni finanziari
Il primo brano di Bowie vale poco
Il primo brano di Bowie vale poco
Battuta all’asta a Londra la primissima incisione di David Jones, il futuro “Duca Bianco”: ha cambiato proprietario per poco più di 44mila euro
Delusione Sovranisti e socialdemocratici
Delusione Sovranisti e socialdemocratici
Svezia, i primi non sfondano e si fermano al 18%, i socialdemocratici tengono ma perdono 3 punti. Moderati seconda forza. Difficile trovare una maggioranza
Riforma pensioni, proteste a Mosca
Riforma pensioni, proteste a Mosca
Centinaia di arresti, preso anche un leader dell'opposizione. Cartelli contro Putin e il governo. La polizia usa manganelli e lacrimogeni
Credeva fosse un ladro e lo uccide
Credeva fosse un ladro e lo uccide
Poliziotta entra in quello che credeva il suo appartamento e uccide l'inquilino. Aveva sbagliato ingresso. La vittima è un uomo di colore, proteste della comunità nera per l'uso delle armi
Fanno sesso in pieno giorno, sono due preti
Fanno sesso in pieno giorno, sono due preti
È successo a Miami Beach, dove un passante ha segnalato alla polizia la scena. Gli agenti intervenuti hanno constatato che si trattava di due sacerdoti
Accoltella Ernie lupo-poliziotto: arrestato
Accoltella Ernie lupo-poliziotto: arrestato
Ernie aveva appena impedito ad un rapinatore di derubare due donne ed è stato accoltellato in modo grave. Tra le imputazioni, crudeltà verso gli animali
Navalni, ancora una condanna
Navalni, ancora una condanna
L'oppositore di Putin condannato a 30 giorni di carcere per una protesta illegale a Mosca contro la riforma della pensioni. Non sarà alle manifestazioni dei prossimi giorni
Il killer di Lennon resta in carcere
Il killer di Lennon resta in carcere
Respinta per la decima volta da una corte di New York l'istanza per la libertà condizionata presentata da Mark Chapman, in carcere dagli Anni '80. "Ha ucciso un uomo solo per avere notorietà, pericolo per la società"