Fondazione Manzoni: "Distrutti 39 falsi"

| I quadri abilmente falsificati facevano parte di alcune collezioni private, "un passo importante per tutelare le opere autentiche". Indagini dei carabinieri, provvedimenti del Tribunale di Milano

+ Miei preferiti

Trentanove quadri attribuiti a Piero Manzoni, ma dichiarati falsi dal Tribunale Civile di Milano, sono stati distrutti, in base a quanto stabilito dalla sentenza.

Le opere erano di proprietà del baritono Giuseppe Zecchillo e la Fondazione Piero Manzoni, in accordo con l’erede del collezionista, ha letteralmente fatto a pezzi i 39 dipinti contraffatti, tutti Achromes di diverse tecniche, dalle tele grinzate ai cotoni, dai pacchi ai polistiroli.

“Zecchillo – spiegano dalla Fondazione Manzoni – negli anni Novanta aveva creato un’associazione chiamata ‘Amici di Piero Manzoni’ con la quale tentava di promuovere e sostenere la diffusione di racconti diffamatori a sostegno delle opere – quasi sempre non autentiche – di proprietà dei soci. Ma i numerosi interventi legali della Fondazione Manzoni e la collaborazione con il Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri hanno fermato la circolazione di questi quadri falsi. Dieci opere già di proprietà Gianni Schubert sono state infatti anch’esse distrutte dal Nucleo di Monza nel 2016”. “I collezionisti di Manzoni – prosegue la nota della Fondazione – possono dunque dormire tranquilli; la Fondazione dell’artista non solo ha definito rigorosamente il corpus delle opere autentiche – che presto saranno su di un nuovo catalogo generale on line – ma, come anche questo ultimo episodio conferma, si muove con fermezza contro chi cerca di diffondere opere false”.

60 secondi
Attaccano le navi per trasportare cocaina
Attaccano le navi per trasportare cocaina
L'ultima tecnica dei narcos, simulano assalti per riempire i container dei cargo di droga. Ma il comandante della "Grande Italia" ha dato l'allarme, la polizia è intervenuta sventando l'operazione. A bordo 1,3 tonnellate di cocaina
Violenza a prostituta, Ulrich arrestato
Violenza a prostituta, Ulrich arrestato
Il ciclista tedesco in cella a Francoforte, una donna ha chiamato la polizia dopo una presunta violenza avvenuta in un albergo di lusso. Era in riabilitazione da alcol e droghe. Giorni fa arrestato a Maiorca
Terremoto, escursionisti bloccati sul vulcano
Terremoto, escursionisti bloccati sul vulcano
Emergenza in Indonesia, squadre di emergenza stanno cercando di salvare i turisti rimasti intrappolati dopo il sisma
Sparatoria con tre morti a New Orleans
Sparatoria con tre morti a New Orleans
Nel quartiere francese, anche sette feriti gravi. Non si sa se è terrorismo o un episodio di una guerra tra gang. Ed esplode la polemica in Usa per la pistola di plastica stampata in 3d. Il sogno di killer e terroristi
Quel pallone che spia la Casa Bianca
Quel pallone che spia la Casa Bianca
Donato da Putin a Trump, è l'ultimo modello Adidas dei Mondiali 2018 con un chip all'interno che può trasmettere dati ai dispositivi digitali. Allarme dell'agenzia Bloomberg
FCA, verso un lento recupero
FCA, verso un lento recupero
Recuperano i tre titolo della galassia Fca dopo il calo dei giorni scorsi, bene anche Ferrari che aveva avuto la performance peggiore
Drogarono vittima, stupratori condannati
Drogarono vittima, stupratori condannati
In tre avevano violentato una 22enne, fidanzata di uno degli aggressori. Le avevano somministrato una dose di uno psicofarmaci. Due sconteranno 12 anni, il terzo 8 anni
Il buio social di Miley Cyrus
Il buio social di Miley Cyrus
Oltre 2.000 foto cancellate da Instagram e fans in fibrillazione: darà l’annuncio delle nozze, ha pronto un nuovo album o è opera degli hacker?
La misteriosa morte del medico dei vaccini
La misteriosa morte del medico dei vaccini
Freddato in un campeggio davanti alla famiglia, il suo caso potrebbe collegarsi a quelli di altri sette casi simili, avvenuti nell’arco di appena due anni
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
E' accaduto in segreto il 24 maggio, non aveva mai rinnegato l'operato del padre, il pianificatore dell'Olocausto. Aveva sposato un neo-nazista e partecipava ai raduni delle Ss