Inquinamento, lo stop delle polveri sottili non basta

| Analisi della situazione delle metropoli alle prese con i provvedimenti per contenere i rischi per salute. L'inefficacia delle misure. Ci vuole un salto di qualità nel contrasto e un esame più realistico delle cause

+ Miei preferiti

di VITO PARISI

Viviamo tempi di cambiamenti epocali. Tra questi, è evidente che è in corso un cambio del clima, da alcuni percepito come un evento negativo e da altri, comunque una minoranza, come un evento con aspetti potenzialmente positivi. Cambiamento che è diventato, purtroppo, oggetto del dibattito politico con conseguente informazione al riguardo che ci giunge condita da corollari ideologici e, spesso, opportunistici. 

 La comunità scientifica, che non è affatto immune dal condizionamento ideologico, unica depositaria delle vere dinamiche sulle cause di questo cambiamento, è divisa al suo interno relativamente alle cause di questa importante novità. 

Nella breve storia dell’umanità, rispetto alla storia del nostro pianeta, i cambiamenti climatici si sono verificati periodicamente e non sono mai stati indotti dall’uomo, ma hanno avuto sempre un impatto significativo sull’umanità. 

Oggi, la modifica del clima è chiaramente anche, ma non solo, la conseguenza dell’attività dell’uomo negli ultimi due secoli. La rivoluzione industriale, con il suo impatto sulle risorse naturali e la successiva globalizzazione, hanno avuto e hanno tutt’ora un impatto più o meno significativo sul clima e di conseguenza sulla salute dell’uomo. 

L’utilizzo di fonti fossili per generare energia ha avuto conseguenze significative. Basti ricordare che nel dicembre del 1952 a Londra, a causa dello smog ( oggi definito “polvere sottile”) provocato dalle emissioni gassose, una nube di smog in soli 4 giorni causò 12.000 morti e 100.000 malati di patologie legate alla cattiva qualità dell’aria. 

Nel nostro paese mancano cifre precise suoi decessi causati dalle polvere sottili; a questo proposito si possono fare solo delle stime e sono stime delle autorità sanitarie. 

Con riferimento al solo bacino padano, principale motore economico dell’Italia e dell’Europa, i morti causati dalla cattiva qualità dell’aria sono decine di migliaia all’anno e riguardano tutte le fasce di popolazione . 

Torino e tutta l’area metropolitana non fanno eccezione, anzi in questa classifica relativa alla qualità dell’aria, siamo ubicati agli ultimi posti, con grave pregiudizio della salute dei nostri figli e dei nostri anziani. 

Le cause vanno ricercate nell’aumento del traffico privato, nell’assenza di politiche efficaci nei riguardi del trasporto pubblico nonché l’assoluta mancanza di progettazione di soluzioni valide anche per i prossimi decenni. 

Le istituzioni chiamate a rispondere a questa emergenza, che per lo più si verifica nel periodo invernale, diventato, in gran parte del Piemonte negli ultimi 40 anni, particolarmente siccitoso, si possono avvalere solamente di provvedimenti temporanei e non risolutivi. 

La combinazione della combustione delle caldaie che riscaldano le nostre case e il sempre maggior utilizzo dell’automobile, comportano un concentramento di polveri sottili estremamente pericoloso, cui si cerca di porre rimedio non con la scienza e la tecnologia ma con provvedimenti giuridici, finalizzati alla limitazione del traffico e alle conseguenti emissioni di PM10,  di scarso o di inutile effetto . 

Gli strumenti giuridici a cui fare riferimento, sono principalmente riconducibili agli artt.6 e 7 del vigente Codice della Strada, che consentono agli Enti proprietari delle Strade (art.6 per quanto concerne tutte le strade extra urbane e art. 7  per quanto concerne le strade urbane, quindi Sindaci e Prefetti) di emettere specifiche ordinanze che limitano la circolazione a tutti i veicoli o solamente ad alcune categorie degli stessi, con riferimento alla capacità di emissioni gassose definita dalla categoria del dispositivo meccanico di cui è munito il veicolo: Euro 0, 1, 2 e 3  per i veicoli più vetusti e Euro 4, 5 e 6 per i veicoli più recenti, con ulteriore distinzione sul tipo di alimentazione (GPL, metano, Benzina e Gasolio). 

Possono anche limitarsi a provvedere blocchi limitatamente ad alcune zone della citta (ZTL) 

Finora, le limitazioni di cui sopra, di fatto non hanno fatto scaturire nessun miglioramento della qualità dell’aria, specie nei periodi lungamente siccitosi di questi ultimi inverni. Ultimamente si è cercato d’intervenire anche cercando di ridurre le temperature del riscaldamento privato all’interno delle abitazioni, ma si tratta di provvedimenti di difficile attuazione a causa della difficoltà di controllo. 

Le soluzioni non sono immediate e richiedono quella strategia di lunga durata, finora mancata. Le facoltà d’ingegneria dovrebbe incominciare a fornire studi sulla mobilità urbana basata su veicoli ad emissione zero e su soluzioni strutturali del traffico; la politica dovrebbe impegnarsi nel trovare le risorse per implementare le linee di metropolitana e il traffico ferroviario locale, rendendolo realmente competitivo con il traffico privato. Milano ci ha provato con risultati più o meno apprezzabili; a Madrid conviene usare i mezzi pubblici, efficienti, puliti e rapidi. Londra, Parigi e Berlino ci hanno pensato 100 anni fa. E la differenza si vede. 

 

 

 

 

60 secondi
Attaccano le navi per trasportare cocaina
Attaccano le navi per trasportare cocaina
L'ultima tecnica dei narcos, simulano assalti per riempire i container dei cargo di droga. Ma il comandante della "Grande Italia" ha dato l'allarme, la polizia è intervenuta sventando l'operazione. A bordo 1,3 tonnellate di cocaina
Violenza a prostituta, Ulrich arrestato
Violenza a prostituta, Ulrich arrestato
Il ciclista tedesco in cella a Francoforte, una donna ha chiamato la polizia dopo una presunta violenza avvenuta in un albergo di lusso. Era in riabilitazione da alcol e droghe. Giorni fa arrestato a Maiorca
Terremoto, escursionisti bloccati sul vulcano
Terremoto, escursionisti bloccati sul vulcano
Emergenza in Indonesia, squadre di emergenza stanno cercando di salvare i turisti rimasti intrappolati dopo il sisma
Sparatoria con tre morti a New Orleans
Sparatoria con tre morti a New Orleans
Nel quartiere francese, anche sette feriti gravi. Non si sa se è terrorismo o un episodio di una guerra tra gang. Ed esplode la polemica in Usa per la pistola di plastica stampata in 3d. Il sogno di killer e terroristi
Quel pallone che spia la Casa Bianca
Quel pallone che spia la Casa Bianca
Donato da Putin a Trump, è l'ultimo modello Adidas dei Mondiali 2018 con un chip all'interno che può trasmettere dati ai dispositivi digitali. Allarme dell'agenzia Bloomberg
FCA, verso un lento recupero
FCA, verso un lento recupero
Recuperano i tre titolo della galassia Fca dopo il calo dei giorni scorsi, bene anche Ferrari che aveva avuto la performance peggiore
Drogarono vittima, stupratori condannati
Drogarono vittima, stupratori condannati
In tre avevano violentato una 22enne, fidanzata di uno degli aggressori. Le avevano somministrato una dose di uno psicofarmaci. Due sconteranno 12 anni, il terzo 8 anni
Il buio social di Miley Cyrus
Il buio social di Miley Cyrus
Oltre 2.000 foto cancellate da Instagram e fans in fibrillazione: darà l’annuncio delle nozze, ha pronto un nuovo album o è opera degli hacker?
La misteriosa morte del medico dei vaccini
La misteriosa morte del medico dei vaccini
Freddato in un campeggio davanti alla famiglia, il suo caso potrebbe collegarsi a quelli di altri sette casi simili, avvenuti nell’arco di appena due anni
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
E' accaduto in segreto il 24 maggio, non aveva mai rinnegato l'operato del padre, il pianificatore dell'Olocausto. Aveva sposato un neo-nazista e partecipava ai raduni delle Ss