Caccia al trans "Carolina", in fuga dopo morte amico

| Dopo la scoperta del cadavere del manager Enrico Maccari nella casa dell'uomo che per ora non si trova. La polizia vuole interrogarlo. Sul corpo nessun segno di violenza. Forse stroncato da un malore durante un incontro

+ Miei preferiti

«Carolina» o «Luisa» il transessuale nel cui appartamento in via Fratelli Pozzi 1 è stato trovato morto martedì il manager di Giubiasco Enrico Maccari. La Squadra mobile in queste ore sta sentendo amici e conoscenti del trans colombiano (di una trentina d'anni, rischia di essere accusato di occultamento di cadavere o di omissione di soccorso) nella speranza di ottenere informazioni utili al suo fermo. Gli inquirenti stanno inoltre setacciando i siti online di incontri a sfondo sessuale dove, stando alle informazioni in nostro possesso, l'annuncio di «Carolina» cancellato proprio il giorno del ritrovamento del corpo. Nel frattempo la vicenda ha trovato spazio anche sui media colombiani.E’ sparito il trans colombiano propriotario della casa dove è stato trovato senza vita il manager Enrico Maccari, di cui non si avevano più notizie dalla sera di Natale.

Originario di Lecco, Maccari aveva 55 anni ed era residente a Giubiasco in Canton Ticino (Svizzera). Poche settimane prima di scomparire aveva assunto l’incarico di direttore di uno stabilimento chimico-farmaceutico.L'uomo aveva 55 anni, era nato a Lecco ma viveva a Giubiasco, frazione di Bellinzona, capoluogo del Canton Ticino. L'auto di Maccari era stata trovata grazie al gps il 29 dicembre scorso all'angolo tra viale Monza e via Pozzi, quindi vicino all'appartamento dove è stato rinvenuto il cadavere. Nell'abitacolo della vettura c'erano alcune scatole di medicinali, il computer e altri oggetti personali, ma non i documenti, le carte di credito e i due telefoni cellulari. Nei giorni precedenti alla scomparsa non aveva mostrato segni di malessere o preoccupazione; i figli ripetono di averlo visto sereno.

Galleria fotografica
Caccia al trans "Carolina", in fuga dopo morte amico - immagine 1
60 secondi
Assolti padre e fratello, avevano ucciso Sanaa
Assolti padre e fratello, avevano ucciso Sanaa
Il delitto in Pakistan ad aprile, secondo i giudici "non ci sono né prove, né testimoni". Rischiavano la pena di morte. La triste storia della 25enne unita perché voleva sposare un italiano
L'assassina vuole tornare dai suoi figli
L
Chiara Alessandri, 44 anni, ha ucciso a martellate Stefania Crotti, 42 anni, madre di una figlia di 7 ma ora vuole i domiciliari. "Andrei a casa da mia madre". Istanza al riesame. "Preoccupata per i miei bimbi"
L'odio e la violenza, l'amore e il perdono
L
Nel romanzo di Marika Campeti ("Il vicolo delle Belle", ed. Apollo) le storie di donne diverse ma unite da un fattore comune, immerse in culture che generano ogni tipo di violenza e di sopraffazione
Playstation e calcio, la trappola del pedofilo
Playstation e calcio, la trappola del pedofilo
Condannato a 22 anni di carcere un 28enne inglese che attirava le sue vittime con la scusa di giocare su una playstation. il giudice "inorridito dalla sua depravazione". La testimonianza di un minore violentato
Impeachment Trump, arriva la smentita
Impeachment Trump, arriva la smentita
Il procuratore speciale Mueller smentisce lo scoop di Buzzfeed, definendo "non accurato". Ma il media USA conferma le rivelazioni. Lo staff di Trump ironizza: "Fakenews". L'avvocato: "Vogliono distruggere il presidente"
Gillette, ma davvero tutti gli uomini sono cattivi?
Gillette, ma davvero tutti gli uomini sono cattivi?
Fa discutere la campagna pubblicitaria delle famose lamette. Nel video, in accordo con #MeToo, si propone un modello contrario alla "mascolinità tossica" e violenta. La destra Usa insorge: "Boicottiamo i prodotti, basta luoghi comuni"
I Toninelli-boys bocciano la Tav e il Nord si ribella
I Toninelli-boys bocciano la Tav e il Nord si ribella
I governatori di Lombardia e Piemonte pronti al referendum dopo lo scontato No della commissione costi/benefici. I grillini hanno scelto i tecnici tra gli oppositori all'opera. Sabato i "Si Tav" tornano in piazza
"Chiedo asilo, in patria mi vogliono torturare"
"Chiedo asilo, in patria mi vogliono torturare"
Una 18enne araba è barricata da ore in un albergo dell'aeroporto di Bangkok in Thailandia. Non vuole tornare a casa perché la aspetta un matrimonio combinato e teme violenze e torture da parte della famiglia
Raggi la star del Rigoletto
Raggi la star del Rigoletto
Abito su misura dello stilista Camillo Bona: "Per esaltare la bellezza e la personalità di Virginia Raggi"
A Torino tutto il mondo dei No
A Torino tutto il mondo dei No
Anarchici, autonomi dei centri sociali da tutta Italia per manifestare l'8 dicembre contro la Tav. Una rete logistica con bus e accoglienza. Ma chi paga? In piazza anche i fautori del Sì. Timori per incidenti