Quando mamma ha avuto un orgasmo

| A 26 anni suonati, il figlio di Meg Ryan e Dennis Quaid ha accettato di vedere la più celebre e iconica scena interpretata da sua madre: il finto orgasmo di “Harry ti presento Sally”

+ Miei preferiti
Quando mamma Meg ha lasciato una traccia indelebile nella storia del cinema, fingendo l’orgasmo in “Harry ti presento Sally” era il 1989: Jack non c’era ancora. Sarebbe nato il 24 aprile 1992 da una coppia di celebrità ai tempi sposati, Meg Ryan e Dennis Quaid.

Eppure, in 26 anni di vita, quella scena per Jack è stata un vero incubo: gli è stata ricordata e rinfacciata milioni di volte da amici, conoscenti e compagni di scuola. Ma lui ha stretto i denti, aspettando di superare di un bel po’ la maggiore età, prima di sentirsi pronto a vederla: troppo imbarazzo, a vedere mamma attraversata da fremiti di piacere. A chi gli chiedeva se avesse mai visto la scena che avrebbe consacrato Meg Ryan a regina della commedia americana, Jack rispondeva sempre la stessa frase: “Quando tua madre è la protagonista di una scene di orgasmo più celebre di tutti i tempi, non fai i salti mortali per guardare quel film”.

Ma la prova, assicurano i media americani, Jack l’ha superata piangendo per un’ora circa, “Non per imbarazzo ma per orgoglio, perché mamma era di una bellezza e una bravura straordinaria”. E il motivo per cui ha accettato di guardarla, fra l’altro, ha un suo perché: attore anche lui, Jack Quaid si sta preparando a girare una rom-com e “Harry ti presento Sally” rappresenta una delle massime espressioni possibili del genere.

Il figlio di Meg e Dennis ha debuttato nel 2012 in “Hunger Games”, replicando l’anno successivo con un cameo anche in “Hunger Games: la ragazza di fuoco”. Nel 2016 è entrato nel cast di “Vinyl”, serie musicale per la televisione in cui interpreta Clark Morelle.

Galleria fotografica
Quando mamma ha avuto un orgasmo - immagine 1
60 secondi
Raggi la star del Rigoletto
Raggi la star del Rigoletto
Abito su misura dello stilista Camillo Bona: "Per esaltare la bellezza e la personalità di Virginia Raggi"
A Torino tutto il mondo dei No
A Torino tutto il mondo dei No
Anarchici, autonomi dei centri sociali da tutta Italia per manifestare l'8 dicembre contro la Tav. Una rete logistica con bus e accoglienza. Ma chi paga? In piazza anche i fautori del Sì. Timori per incidenti
Brasile, Haddad accusato di corruzione
Brasile, Haddad accusato di corruzione
L'ex sindaco di San Paolo, candidato alle ultime presidenziali, accusato di avere ricevuto una mazzetta per pagare la campagna elettorale. "Non ci sono prove, solo dichiarazioni di persone screditate"
'Ndrangheta, sequestrati beni per 212 milioni
Blitza della Guardia di Finanza a Reggio Calabria e in mezza Italia. Imprenditori vicino al clan dei Piromalli controllavano attività edilizie e forniture di materiali
Il delitto d’onore che divide la Russia
Il delitto d’onore che divide la Russia
Scopre sua moglie e suo fratello a letto insieme e li uccide a colpi di fucile: per i social è un vero eroe
Arkhangelsk, l'attentato è anarchico
Arkhangelsk, l
Svolta nelle indagini sull'attacco suicida contro la sede FSB, con morti e feriti. L'autore era uno studente 17enne che, prima di farsi esplodere, aveva scritto un post su un forum antagonista
L'ex uomo più grasso mondo è cleptomane
L
Era arrivato a pesare 454 chili, dopo un'operazione "solo" 158. La fidanzata lo ha lasciato e lui a ripreso a mangiare quantità enormi di cibo. Deve essere di nuovo curato ma in Inghilterra ci sono polemiche: "Costa troppo"
Trump, l'onda blu spazzata via
Trump, l
Il presidente entra a gamba tesa nelle elezioni Midterm. In Nevada attacca i dem "li manderemo in frantumi" ma i sondaggi sti li danno vincenti al Congresso mentre i Gop prevarrebbero in Senato
Il matrimonio infranto di Miguel Bosè
Il matrimonio infranto di Miguel Bosè
Il cantante si separa dallo scrittore Nacho Palau, i quattro figli adottivi divisi due parte e due dall'altra. Nati con "gravidanze di sostegno"
Una panchina rossa in memoria di Manuela
Una panchina rossa in memoria di Manuela
Davanti all'ufficio della Uil di Brescia, dove la vittima lavorava, è stata messa una panchina rossa: "Manuela era una ragazza dolcissima". Il gip: "L'assassino non ha mai dato segni di pentimento"