Regeni, perquisita a Cambridge
la casa della tutor

| Blitz di pm e Ros dei carabinieri con l'assistenza delle autorità inglesi nella casa di Cambridge della docente Maha Abdel Rahman. Lei si era sempre rifiutata di collaborare con gli inquirenti italiani

+ Miei preferiti

Perquisiti l'ufficio e l'abitazione della professoressa dell'Università di Cambridge, Maha Abdel Rahman, tutor del ricercatore rapito, torturato e ucciso al Cairo nel febbraio del 2016. Gli inquirenti della Procura di Roma che indagano sulla morte del ricercatore hanno acquisito pc, pen-drive, hard disk e cellulare. La perquisizione è stata effettuata dopo l'audizione della docente svolta dal pm Sergio Colaiocco affiancato dagli uomini del Ros e dello Sco e in collaborazione con le autorità del Regno Unito.

"I supporti informatici e i documenti acquisiti - spiega una nota diffusa dalla Procura di Roma - saranno utili a fare definitiva chiarezza, in modo univoco ed oggettivo, sul ruolo della professoressa nei fatti di indagine". La docente, si apprende, resta persona informata sui fatti.

La professoressa avrebbe affermato che l'argomento della ricerca da realizzare al Cairo fu una libera scelta di Giulio Regeni. In una nota diffusa dalla Procura di Roma si spiega che "grazie alla piena e fattiva collaborazione con le autorità del Regno Unito, gli investigatori del Cambridgeshire ed italiani hanno proceduto ad effettuare le attività di indagine richieste dall'autorità giudiziaria italiana nell'ordine europeo di investigazione dell'ottobre scorso". Nel comunicato è detto che "la professoressa Maha Abdel Rahman ha accettato di rispondere a tutte le domande poste dagli investigatori inglesi, confermando le dichiarazioni già precedentemente rese".

 
60 secondi
Il buio social di Miley Cyrus
Il buio social di Miley Cyrus
Oltre 2.000 foto cancellate da Instagram e fans in fibrillazione: darà l’annuncio delle nozze, ha pronto un nuovo album o è opera degli hacker?
La misteriosa morte del medico dei vaccini
La misteriosa morte del medico dei vaccini
Freddato in un campeggio davanti alla famiglia, il suo caso potrebbe collegarsi a quelli di altri sette casi simili, avvenuti nell’arco di appena due anni
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
E' accaduto in segreto il 24 maggio, non aveva mai rinnegato l'operato del padre, il pianificatore dell'Olocausto. Aveva sposato un neo-nazista e partecipava ai raduni delle Ss
Invito a pranzo con strage
Invito a pranzo con strage
Una ragazza indiana conosciuta per la scarsa abilità in cucina ha preparato un pranzo per 120 persone. Sono finiti in ospedale in 88, e di questi 5 non ce l’hanno fatta
"Ero in crisi, ho commesso gravi errori"
"Ero in crisi, ho commesso gravi errori"
La drammatica e totale confessione di monsignor Carlo Alberto Capella, ex diplomatico della Santa Sede, condannato a 5 anni di carcere per detenzione e scambio di immagini pornografiche
All you can eat, letteralmente
All you can eat, letteralmente
Un ristorante di Chengdu, in Cina, aperto da pochi mesi, ha lanciato una promozione: 15 giorni di formula mangia quanto vuoi. I clienti l’hanno fatto, portando il locale al tracollo
"Dovete morire!" ai poliziotti, maestra licenziata
"Dovete morire!" ai poliziotti, maestra licenziata
Docente torinese ripresa dalla tv mentre insulta e minaccia i poliziotti durante la manifestazione antifascista del 22 febbraio. E' stata licenziata e prosegue anche l'inchiesta giudiziaria per istigazione a delinquere
Baco Fb, diffusi 14 milioni di post privati
Baco Fb, diffusi 14 milioni di post privati
Un errore ha eliminato la privacy per milioni di post di singoli profili e di gruppi. A maggio i tecnici di Facebook sono riusciti a renderlo inerte. Ennesimo choc dopo gli scandali Cambridge Analytica e accordi con big cinesi
Lemon&Alcol, Coca Cola oltre il mito
Lemon&Alcol, Coca Cola oltre il mito
Il colosso Usa cerca nuovi consumatori e nuovi mercati con tre bevande a base di aromi di frutta e una piccola percentuale di alcol. Nel mirino i giovani asiatici ma presto anche in Europa
Stupro, un miliardo di risarcimento
Stupro, un miliardo di risarcimento
Hoper Cheston aveva 14 anni quando fu stuprata da un vigilante di una società privata, in Georgia, Usa. L'aggressore condannato a 20 anni, per la società un miliardo di dollari come risarcimento