Schumacher, neurologo ottimista ma la famiglia tace

| Mark Obermann, direttore di un centro clinico, apre uno barlume di speranza per il pilota tedesco dopo l'incidente del 2013: "Questi pazienti possono riprendersi anche dopo anni, uno studio norvegese lo conferma"

+ Miei preferiti

L’incidente sulle piste da sci di Maribel nel 2013 in Francia che ha spento forse per sempre la coscienza di Michael Schumacher, è di nuove al centro di nuove dichiarazioni.  Il prof.Mark Obermann direttore del Centro di neurologia della clinica Asklepios di Seesen, Ecco la dichiarazione dell’esperto ha voluto lanciare una speranza se non fi guarigione almeno di una ripresa da parte di pazienti come il pilota tedesco, afflitti da gravi traumi cerebrali. Secondo il neurologo, è possibile che questi malati “abbiano una sensibilità maggiore di quanto non sappiamo”, “sono in grado di recepire l’amore e l’fatto di chi li cura attraverso un semplice contatto con le mani” e che “il progresso della scienza potrebbe imprimere una svolta in tempi non lontanissimi. E infine: “Secondo uno studio condotto in Svezia tra il 30 e il 40 per cento dei pazienti hanno ripreso conoscenza dopo quattro anni. Molti tornano in vita, vedere i loro figli e nipoti come crescono, fanno progetti…”. Secondo Obermann, ci sarebbero riscontri “ n uno studio recente effettuato su persone in stato vegetativo. La famiglia Schumacher che non hai mai voluto rendere notoun bollettino medico sulle reali condizioni del congiunto, dopo due giorni dalle ottimistiche parole del neurologo, s’è chiusa in un silenzio ancora più impenetrabile. Che è  una risposta chiara alle news dei media sul pilota tedesco. Di totale disinteresse, se non di fastidio per possibili speculazioni.

60 secondi
Attaccano le navi per trasportare cocaina
Attaccano le navi per trasportare cocaina
L'ultima tecnica dei narcos, simulano assalti per riempire i container dei cargo di droga. Ma il comandante della "Grande Italia" ha dato l'allarme, la polizia è intervenuta sventando l'operazione. A bordo 1,3 tonnellate di cocaina
Violenza a prostituta, Ulrich arrestato
Violenza a prostituta, Ulrich arrestato
Il ciclista tedesco in cella a Francoforte, una donna ha chiamato la polizia dopo una presunta violenza avvenuta in un albergo di lusso. Era in riabilitazione da alcol e droghe. Giorni fa arrestato a Maiorca
Terremoto, escursionisti bloccati sul vulcano
Terremoto, escursionisti bloccati sul vulcano
Emergenza in Indonesia, squadre di emergenza stanno cercando di salvare i turisti rimasti intrappolati dopo il sisma
Sparatoria con tre morti a New Orleans
Sparatoria con tre morti a New Orleans
Nel quartiere francese, anche sette feriti gravi. Non si sa se è terrorismo o un episodio di una guerra tra gang. Ed esplode la polemica in Usa per la pistola di plastica stampata in 3d. Il sogno di killer e terroristi
Quel pallone che spia la Casa Bianca
Quel pallone che spia la Casa Bianca
Donato da Putin a Trump, è l'ultimo modello Adidas dei Mondiali 2018 con un chip all'interno che può trasmettere dati ai dispositivi digitali. Allarme dell'agenzia Bloomberg
FCA, verso un lento recupero
FCA, verso un lento recupero
Recuperano i tre titolo della galassia Fca dopo il calo dei giorni scorsi, bene anche Ferrari che aveva avuto la performance peggiore
Drogarono vittima, stupratori condannati
Drogarono vittima, stupratori condannati
In tre avevano violentato una 22enne, fidanzata di uno degli aggressori. Le avevano somministrato una dose di uno psicofarmaci. Due sconteranno 12 anni, il terzo 8 anni
Il buio social di Miley Cyrus
Il buio social di Miley Cyrus
Oltre 2.000 foto cancellate da Instagram e fans in fibrillazione: darà l’annuncio delle nozze, ha pronto un nuovo album o è opera degli hacker?
La misteriosa morte del medico dei vaccini
La misteriosa morte del medico dei vaccini
Freddato in un campeggio davanti alla famiglia, il suo caso potrebbe collegarsi a quelli di altri sette casi simili, avvenuti nell’arco di appena due anni
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
E' accaduto in segreto il 24 maggio, non aveva mai rinnegato l'operato del padre, il pianificatore dell'Olocausto. Aveva sposato un neo-nazista e partecipava ai raduni delle Ss