Sciopero a oltranza per i giornalisti di Condé Nast

| Annunciato da un comunicato sindacale, lo stato di agitazione è scattato dopo il licenziamento improvviso di tre giornaliste. È il secondo caso in Italia dopo quello recente di “Askanews”

+ Miei preferiti
La crisi senza fine dell’editoria sta azzerando un mondo, letteralmente. Perfino “Condé Nast”, casa editrice di alcuni dei più noti periodici mondiali che sembrava un paradiso a parte, sta attraversando un momento enorme difficoltà.

Lo dicono a chiare lettere una perdita di cento milioni di dollari in un anno, la fuga in ordine sparso di alcuni fra i più celebri editors e il licenziamento di 200 dipendenti.

Neanche la proverbiale abilità di Anna Wintour, dal 1988 dispotica e potente direttrice di “Vogue”, la più autorevole rivista di moda, è riuscita finora a risolvere i problemi della corazzata americana che nel 2013 controllava 137 pubblicazioni nel mondo.

Drastica la cura dei vertici di “Condé Nast Italia”, gioiello della compianta Franca Sozzani, costretta a chiudere testate storiche come “L’Uomo Vogue”, “Vogue Bambini”, “Vogue Sposa” e “Vogue Gioiello”, a cui proprio in queste ore si è aggiunto un comunicato sindacale che annuncia l’inizio dei licenziamenti e la proclamazione di uno sciopero a oltranza.

Pubblichiamo integralmente il testo dell’assemblea dei giornalisti, esprimendo la piena e totale solidarietà ai tanti colleghi in difficoltà.

 

Comunicato sindacale dei giornalisti Condé Nast

“Il 26 gennaio l’azienda ha convocato tre colleghe per annunciare loro il licenziamento ai sensi della legge Fornero. Questo è avvenuto nonostante mesi di trattative e incontri volti a gestire senza traumi la chiusura di 4 testate del gruppo, annunciata a luglio, mentre era in atto un contratto di solidarietà difensiva, appena conclusosi.

I giornalisti della Condé Nast, riunitisi in assemblea, esprimono l’assoluta contrarietà alla risoluzione dei rapporti di lavoro, dichiarano lo stato di agitazione e entrano in sciopero a oltranza, fino alla revoca delle tre lettere di licenziamento e all’apertura di un tavolo di confronto con l’azienda e tutte le rappresentanze sindacali.

Chiedono contestualmente il ricollocamento delle colleghe in un’altra testata del gruppo.

L’azienda ha preso la sua decisione in modo unilaterale e senza che ci fosse stato l’incontro di verifica conclusiva della solidarietà, solidarietà che è costata moltissimo ai giornalisti in termini economici e di qualità del lavoro.  Nei due anni in cui essa è stata in vigore, sono usciti dall’azienda 26 giornalisti, che si sommano ai 29 già usciti con quella precedente.

I giornalisti Condé Nast esprimono la propria preoccupazione sul fatto che, a oggi, l’unico piano di rilancio editoriale ipotizzato dall’azienda sia il taglio del personale e senza il ricorso agli ammortizzatori previsti per legge “per intervenire nei casi di reale sofferenza economica delle aziende”.

E ripropongono pubblicamente tre domande che da mesi non ottengono risposta:

1. Il nuovo corso aziendale consiste nell’accelerazione della crisi della carta e nella dismissione delle testate per andare verso una commistione sempre più forte con la pubblicità e fuori dalla deontologia giornalistica?

2. Come sono stati usati i soldi risparmiati grazie al contratto di solidarietà?

3. È possibile che tagliare posti di lavoro sia l’unica strada individuata per far quadrare i conti?”

60 secondi
Il buio social di Miley Cyrus
Il buio social di Miley Cyrus
Oltre 2.000 foto cancellate da Instagram e fans in fibrillazione: darà l’annuncio delle nozze, ha pronto un nuovo album o è opera degli hacker?
La misteriosa morte del medico dei vaccini
La misteriosa morte del medico dei vaccini
Freddato in un campeggio davanti alla famiglia, il suo caso potrebbe collegarsi a quelli di altri sette casi simili, avvenuti nell’arco di appena due anni
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
E' accaduto in segreto il 24 maggio, non aveva mai rinnegato l'operato del padre, il pianificatore dell'Olocausto. Aveva sposato un neo-nazista e partecipava ai raduni delle Ss
Invito a pranzo con strage
Invito a pranzo con strage
Una ragazza indiana conosciuta per la scarsa abilità in cucina ha preparato un pranzo per 120 persone. Sono finiti in ospedale in 88, e di questi 5 non ce l’hanno fatta
"Ero in crisi, ho commesso gravi errori"
"Ero in crisi, ho commesso gravi errori"
La drammatica e totale confessione di monsignor Carlo Alberto Capella, ex diplomatico della Santa Sede, condannato a 5 anni di carcere per detenzione e scambio di immagini pornografiche
All you can eat, letteralmente
All you can eat, letteralmente
Un ristorante di Chengdu, in Cina, aperto da pochi mesi, ha lanciato una promozione: 15 giorni di formula mangia quanto vuoi. I clienti l’hanno fatto, portando il locale al tracollo
"Dovete morire!" ai poliziotti, maestra licenziata
"Dovete morire!" ai poliziotti, maestra licenziata
Docente torinese ripresa dalla tv mentre insulta e minaccia i poliziotti durante la manifestazione antifascista del 22 febbraio. E' stata licenziata e prosegue anche l'inchiesta giudiziaria per istigazione a delinquere
Baco Fb, diffusi 14 milioni di post privati
Baco Fb, diffusi 14 milioni di post privati
Un errore ha eliminato la privacy per milioni di post di singoli profili e di gruppi. A maggio i tecnici di Facebook sono riusciti a renderlo inerte. Ennesimo choc dopo gli scandali Cambridge Analytica e accordi con big cinesi
Lemon&Alcol, Coca Cola oltre il mito
Lemon&Alcol, Coca Cola oltre il mito
Il colosso Usa cerca nuovi consumatori e nuovi mercati con tre bevande a base di aromi di frutta e una piccola percentuale di alcol. Nel mirino i giovani asiatici ma presto anche in Europa
Stupro, un miliardo di risarcimento
Stupro, un miliardo di risarcimento
Hoper Cheston aveva 14 anni quando fu stuprata da un vigilante di una società privata, in Georgia, Usa. L'aggressore condannato a 20 anni, per la società un miliardo di dollari come risarcimento