Sciopero a oltranza per i giornalisti di Condé Nast

| Annunciato da un comunicato sindacale, lo stato di agitazione è scattato dopo il licenziamento improvviso di tre giornaliste. È il secondo caso in Italia dopo quello recente di “Askanews”

+ Miei preferiti
La crisi senza fine dell’editoria sta azzerando un mondo, letteralmente. Perfino “Condé Nast”, casa editrice di alcuni dei più noti periodici mondiali che sembrava un paradiso a parte, sta attraversando un momento enorme difficoltà.

Lo dicono a chiare lettere una perdita di cento milioni di dollari in un anno, la fuga in ordine sparso di alcuni fra i più celebri editors e il licenziamento di 200 dipendenti.

Neanche la proverbiale abilità di Anna Wintour, dal 1988 dispotica e potente direttrice di “Vogue”, la più autorevole rivista di moda, è riuscita finora a risolvere i problemi della corazzata americana che nel 2013 controllava 137 pubblicazioni nel mondo.

Drastica la cura dei vertici di “Condé Nast Italia”, gioiello della compianta Franca Sozzani, costretta a chiudere testate storiche come “L’Uomo Vogue”, “Vogue Bambini”, “Vogue Sposa” e “Vogue Gioiello”, a cui proprio in queste ore si è aggiunto un comunicato sindacale che annuncia l’inizio dei licenziamenti e la proclamazione di uno sciopero a oltranza.

Pubblichiamo integralmente il testo dell’assemblea dei giornalisti, esprimendo la piena e totale solidarietà ai tanti colleghi in difficoltà.

 

Comunicato sindacale dei giornalisti Condé Nast

“Il 26 gennaio l’azienda ha convocato tre colleghe per annunciare loro il licenziamento ai sensi della legge Fornero. Questo è avvenuto nonostante mesi di trattative e incontri volti a gestire senza traumi la chiusura di 4 testate del gruppo, annunciata a luglio, mentre era in atto un contratto di solidarietà difensiva, appena conclusosi.

I giornalisti della Condé Nast, riunitisi in assemblea, esprimono l’assoluta contrarietà alla risoluzione dei rapporti di lavoro, dichiarano lo stato di agitazione e entrano in sciopero a oltranza, fino alla revoca delle tre lettere di licenziamento e all’apertura di un tavolo di confronto con l’azienda e tutte le rappresentanze sindacali.

Chiedono contestualmente il ricollocamento delle colleghe in un’altra testata del gruppo.

L’azienda ha preso la sua decisione in modo unilaterale e senza che ci fosse stato l’incontro di verifica conclusiva della solidarietà, solidarietà che è costata moltissimo ai giornalisti in termini economici e di qualità del lavoro.  Nei due anni in cui essa è stata in vigore, sono usciti dall’azienda 26 giornalisti, che si sommano ai 29 già usciti con quella precedente.

I giornalisti Condé Nast esprimono la propria preoccupazione sul fatto che, a oggi, l’unico piano di rilancio editoriale ipotizzato dall’azienda sia il taglio del personale e senza il ricorso agli ammortizzatori previsti per legge “per intervenire nei casi di reale sofferenza economica delle aziende”.

E ripropongono pubblicamente tre domande che da mesi non ottengono risposta:

1. Il nuovo corso aziendale consiste nell’accelerazione della crisi della carta e nella dismissione delle testate per andare verso una commistione sempre più forte con la pubblicità e fuori dalla deontologia giornalistica?

2. Come sono stati usati i soldi risparmiati grazie al contratto di solidarietà?

3. È possibile che tagliare posti di lavoro sia l’unica strada individuata per far quadrare i conti?”

60 secondi
Turisti "boorish", via da Venezia
Turisti "boorish", via da Venezia
Il Guardian affronta il tema della nuova ondata di divieti per i turisti che vanno a Venezia. Vietato sedersi, mangiare per strada, bagnarsi in laguna, la musica in barca. Multe in vista. I comitati: "Non si può più fare niente"
Aghi nelle fragole, panico nei market
Aghi nelle fragole, panico nei market
Taglia di 100 mila dollari a chi farà scoprire il misterioso sabotatore e un suo emulo. Ritirate in Australia le confezioni di sei produttori. Grave pericolo per i consumatori, specie i bambini. Ingenti danni finanziari
Il primo brano di Bowie vale poco
Il primo brano di Bowie vale poco
Battuta all’asta a Londra la primissima incisione di David Jones, il futuro “Duca Bianco”: ha cambiato proprietario per poco più di 44mila euro
Delusione Sovranisti e socialdemocratici
Delusione Sovranisti e socialdemocratici
Svezia, i primi non sfondano e si fermano al 18%, i socialdemocratici tengono ma perdono 3 punti. Moderati seconda forza. Difficile trovare una maggioranza
Riforma pensioni, proteste a Mosca
Riforma pensioni, proteste a Mosca
Centinaia di arresti, preso anche un leader dell'opposizione. Cartelli contro Putin e il governo. La polizia usa manganelli e lacrimogeni
Credeva fosse un ladro e lo uccide
Credeva fosse un ladro e lo uccide
Poliziotta entra in quello che credeva il suo appartamento e uccide l'inquilino. Aveva sbagliato ingresso. La vittima è un uomo di colore, proteste della comunità nera per l'uso delle armi
Fanno sesso in pieno giorno, sono due preti
Fanno sesso in pieno giorno, sono due preti
È successo a Miami Beach, dove un passante ha segnalato alla polizia la scena. Gli agenti intervenuti hanno constatato che si trattava di due sacerdoti
Accoltella Ernie lupo-poliziotto: arrestato
Accoltella Ernie lupo-poliziotto: arrestato
Ernie aveva appena impedito ad un rapinatore di derubare due donne ed è stato accoltellato in modo grave. Tra le imputazioni, crudeltà verso gli animali
Navalni, ancora una condanna
Navalni, ancora una condanna
L'oppositore di Putin condannato a 30 giorni di carcere per una protesta illegale a Mosca contro la riforma della pensioni. Non sarà alle manifestazioni dei prossimi giorni
Il killer di Lennon resta in carcere
Il killer di Lennon resta in carcere
Respinta per la decima volta da una corte di New York l'istanza per la libertà condizionata presentata da Mark Chapman, in carcere dagli Anni '80. "Ha ucciso un uomo solo per avere notorietà, pericolo per la società"