"Spray urticanti per difendere gli agenti"

| Sindacato della polizia penitenziaria dopo l'ennesima aggressione chiede che agli agenti siano affidati strumenti efficaci per contenere la violenza, come spray urticanti o teaser. Segretario Osapp: "Paghiamo un prezzo altissimo"

+ Miei preferiti
Un detenuto extracomunitario 44enne, in carcere per lesioni personali, minacce ed altro, recluso da alcune ore nel reparto Nuovi Giunti della Casa Circondariale di Torino, prendeva a morsi il dito della mano sinistra di un agente Penitenziaria. Il detenuto è stato tratto in arresto dalla polizia Penitenziaria per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate. Commenta Leo Beneduci, segretario generale Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria): "A rimetterci è soltanto la polizia penitenziaria unico baluardo della legalità nelle carceri che come sempre paga un prezzo altissimo in termini di aggressioni e situazioni pregiudizievoli per l'ordine e la sicurezza penitenziaria" . Pii: "Soltanto abnegazione spirito di sacrificio ed elevatissima professionalità sopperiscono alle mancanze funzionali, oltre che strutturali, di una amministrazione penitenziaria alla deriva. E' giunta l'ora di dotare il personale d di strumenti idonei quale ad esempio lo spray antiaggressione che da tempo come sindacato chiediamo. Da quando le altre Forse di Polizia sono state dotate di tale strumento, le aggressioni sono notevolmente calate. Ci auguriamo quindi che con la nuova legislatura ciò avvenga a tutela dell'incolumità fisica di chi quotidianamente rischia la propria vita al servizio del paese>>. 

 

60 secondi
Il buio social di Miley Cyrus
Il buio social di Miley Cyrus
Oltre 2.000 foto cancellate da Instagram e fans in fibrillazione: darà l’annuncio delle nozze, ha pronto un nuovo album o è opera degli hacker?
La misteriosa morte del medico dei vaccini
La misteriosa morte del medico dei vaccini
Freddato in un campeggio davanti alla famiglia, il suo caso potrebbe collegarsi a quelli di altri sette casi simili, avvenuti nell’arco di appena due anni
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
Morta Gudrun, figlia prediletta di Himmler
E' accaduto in segreto il 24 maggio, non aveva mai rinnegato l'operato del padre, il pianificatore dell'Olocausto. Aveva sposato un neo-nazista e partecipava ai raduni delle Ss
Invito a pranzo con strage
Invito a pranzo con strage
Una ragazza indiana conosciuta per la scarsa abilità in cucina ha preparato un pranzo per 120 persone. Sono finiti in ospedale in 88, e di questi 5 non ce l’hanno fatta
"Ero in crisi, ho commesso gravi errori"
"Ero in crisi, ho commesso gravi errori"
La drammatica e totale confessione di monsignor Carlo Alberto Capella, ex diplomatico della Santa Sede, condannato a 5 anni di carcere per detenzione e scambio di immagini pornografiche
All you can eat, letteralmente
All you can eat, letteralmente
Un ristorante di Chengdu, in Cina, aperto da pochi mesi, ha lanciato una promozione: 15 giorni di formula mangia quanto vuoi. I clienti l’hanno fatto, portando il locale al tracollo
"Dovete morire!" ai poliziotti, maestra licenziata
"Dovete morire!" ai poliziotti, maestra licenziata
Docente torinese ripresa dalla tv mentre insulta e minaccia i poliziotti durante la manifestazione antifascista del 22 febbraio. E' stata licenziata e prosegue anche l'inchiesta giudiziaria per istigazione a delinquere
Baco Fb, diffusi 14 milioni di post privati
Baco Fb, diffusi 14 milioni di post privati
Un errore ha eliminato la privacy per milioni di post di singoli profili e di gruppi. A maggio i tecnici di Facebook sono riusciti a renderlo inerte. Ennesimo choc dopo gli scandali Cambridge Analytica e accordi con big cinesi
Lemon&Alcol, Coca Cola oltre il mito
Lemon&Alcol, Coca Cola oltre il mito
Il colosso Usa cerca nuovi consumatori e nuovi mercati con tre bevande a base di aromi di frutta e una piccola percentuale di alcol. Nel mirino i giovani asiatici ma presto anche in Europa
Stupro, un miliardo di risarcimento
Stupro, un miliardo di risarcimento
Hoper Cheston aveva 14 anni quando fu stuprata da un vigilante di una società privata, in Georgia, Usa. L'aggressore condannato a 20 anni, per la società un miliardo di dollari come risarcimento