Missionario spagnolo ucciso in Burkina Faso

| Padre Antonio, 72 anni, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco: l’ex colonia francese, in preda a bande armate e jihadisti, dallo scorso dicembre ha come inghiottito Luca Tacchetto e la sua fidanzata Edith Blais

+ Miei preferiti
Tre colpi di pistola a poca distanza dalla comunità di Ougadougu, in Burkina Faso: è morto così Padre Antonio César Fernández, 72 anni, missionario salesiano di origine spagnola che aveva scelto di vivere nel martoriato Paese africano fin dagli anni Ottanta. All’attracco mortale, secondo le forze di sicurezza locali, avrebbero preso parte una ventina di jihdisti, in un agguato avvenuto sulla strada che riportava padre Padre Antonio al suo villaggio da Lomé, in Togo, dove aveva partecipato ad una riunione: illesi i due confratelli che viaggiavano insieme a lui. Antonio César Fernández era nato a Pozoblando, in Spagna, nel 1946: è il primo sacerdote ucciso nel 2019.

La notizia riaccende l’attenzione sul Burkina Faso, ex colonia francese dove la violenza jihadista dilaga senza controllo, al punto da far dichiarare al governo lo stato di emergenza per numerose province. Pochi giorni fa, l’African Center for Strategic Studies ha rivelato che nel 2018 il numero delle vittime per atti terroristici nella zona del Sahel, è stato di 1.082, il doppio dell’anno precedente. Il Foreign Office britannico, sul suo sito, è stato molto chiaro riguardo alla pericolosità del Burkina Faso: “Chiunque sia presente nel paese per turismo, attività umanitarie, giornalismo o affari, è visto come un potenziale obiettivo per sequestri a scopo terroristico o di riscatto. Qualsiasi precauzione possa venire messa in atto, non riuscirà a mitigare questo altissimo rischio”. Dello stesso tenore la Farnesina: “Si sconsigliano viaggi a qualsiasi titolo nel Burkina Faso”. I sequestri di persona, come gli omicidi, sono all’ordine del giorno: nel gennaio scorso è stato rapito e giustiziato Kirk Woodman, un ingegnere canadese responsabile delle miniere bourkinabè e vicepresidente della “Progress Minerals”. Nelle mani di terroristi o bande armate restano tutt’oggi Kenneth Elliot, medico australiano sequestrato nel 2016, e l’italiano Luca Tacchetto, scomparso a metà dello scorso dicembre insieme alla fidanzata canadese Edith Blais. Sul caso dei due giovani, il primo ministro Trudeau aveva affermato di aver avuto notizia che la ragazza fosse viva, ma un altro mese di silenzio è trascorso senza nessuna novità di rilievo.

Galleria fotografica
Missionario spagnolo ucciso in Burkina Faso - immagine 1
Missionario spagnolo ucciso in Burkina Faso - immagine 2
Missionario spagnolo ucciso in Burkina Faso - immagine 3
Africa
OTTO ITALIANI MORTI SUL BOEING ETIOPE
OTTO ITALIANI MORTI SUL BOEING ETIOPE
E' precipitato dopo il decollo da Addis Abeba, era diretto a Nairobi. Tutti morti i 157 passeggeri, 33 erano stranieri. La Farnesina conferma la presenza di italiani: i primi nomi. Il report di Al Jazeera
Denunciava calcio-scandali, reporter ucciso
Denunciava calcio-scandali, reporter ucciso
Il giornalista ghanese Ahmed Hussein-Suale vittima di un agguato davanti a casa ad Accra. Due killer in moto lo hanno ucciso: da tempo era minacciato di morte. Un parlamentare aveva promesso soldi a chi lo avesse aggredito
Cingo, Tshisekedi junior nuovo presidente
Cingo, Tshisekedi junior nuovo presidente
Vince il leader dell'opposizione ma gli osservatori e la Chiesa Cattolica contestano i risultati. Il vincitore sarebbe un altro candidato ma anche il partito al governo denuncia brogli. Il ritratto
"Mia sorella felice del viaggio, poi è sparita"
"Mia sorella felice del viaggio, poi è sparita"
Melanie Blais, sorella di Edith svanita nel nulla con il fidanzato Luca Tocchetto il 15 dicembre nel Burkina Faso, ha mobilitato il governo canadese perché intensifichi le ricerche. Fatale la visita a un parco naturale? Le ultime foto
"Finiti in un'area molto pericolosa"
"Finiti in un
Un manager canadese che vive nel Burkina ha iniziato un'indagine per ritrovare Edith Blais e Luca Tacchetto. "Le zone vicine al Togo sono pericolose, non dimentichiamoci che i bianchi sono visti come nemici". Rapiti?
Profughi in mare abbandonati da giorni
Profughi in mare abbandonati da giorni
Nave Ong con 32 migranti, donne e bambini compresi, naviga nel Mediterraneo dal 22 dicembre senza possibilità di sbarcare gli immigrati. L'Europa, Italia compresa, chiude i porti. Non solo per colpa dei "governi xenofobi"
Silvia viva e prigioniera nella giungla
Silvia viva e prigioniera nella giungla
La cooperante italiana rapita in Kenya il 20 novembre sarebbe ancora nella giungla al confine con la Somalia. La Farnesina tratta per il riscatto mentre la polizia ha già arrestato decine di presunti complici
Silvia rapita, arrestato alto funzionario
Silvia rapita, arrestato alto funzionario
La polizia keniota incarcera un dirigente del Servizio Parchi, stessa sorte per un sergente. Forse coinvolti nel rapimento della cooperante italiana di cui si sono perse le tracce