Ultimatum alla Terra

| I maggiori climatologi del mondo hanno presentato un documento in vista del “Cop24” di dicembre. Un allarme che detta tempi e obiettivi, ma racconta anche a cosa assisteremo, senza interventi definiti “epocali”

+ Miei preferiti
Si chiama “SR15”, è un corposo campanello d’allarme lanciato all’umanità intera: il tempo di agire per salvare il pianeta è arrivato. Restano forse 12 anni prima di assistere a sconvolgimenti e cambiamenti climatici irreversibili che cambieranno per sempre la vita sulla Terra.

L’SR15 è un rapporto dell’Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change), una commissione intergovernativa voluta dall’ONU, frutto delle ricerche congiunte di 91 fra i massimi esperti mondiali di 40 paesi diversi: 250 pagine in cui si analizzano oltre 6.000 studi e 42mila recensioni che arrivano tutti alla medesima conclusione. Dal 1950 ad oggi, la temperatura del pianeta è salita di 0,17 gradi centigradi per ogni decennio, scenario che se non cambierà, è destinato a portare il pianeta a superare la soglia di +1,5 gradi in uno scenario compreso fra il 2030 ed il 2052, con previsioni nemmeno tanto azzardate che parlano di +3 gradi senza un’inversione di tendenza così urgente da definirla “senza precedenti storici”.

Una batosta al celebre accordo sul clima di Parigi, in cui era stato ipotizzato un tempo di manovra decisamente più ampio prima di assistere all’irreparabile, quantificato intorno all’anno 2100.

L’unica notizia che potrebbe portare un po’ di conforto è che, secondo gli esperti, il pianeta è malato grave, ma non ancora spacciato: “Il nostro ruolo non è determinare se l’accordo di Parigi sia fattibile o meno. Quello che abbiamo spiegato sono le condizioni e i tempi per arrivare al traguardo: ora tocca a chi prende le decisioni assumersi la responsabilità del futuro”, ha precisato Henri Waisman, fra i curatori del rapporto.

Gli esperti, questa volta, non le mandano a dire: se non saranno prese misure in tempo, il 1,5 grado in più mettere a serio rischio alcuni atolli, destinati a scomparire a causa dell’innalzamento di mari e oceani dovuto allo scioglimento dei ghiacci. Scenari apocalittici: con 2 gradi in più, difficilmente potrebbero sopravvivere le barriere coralline, gli ecosistemi più fragili, la biodiversità e le specie animali non migratorie. Gli Stati Uniti, l’Asia e l’Europa del sud, assisterebbero ad un graduale processo di desertificazione, costringendoci a convivere con inondazioni, siccità e uragani, ma anche e soprattutto con rischi sulla salute, il cibo e l’acqua per 420 milioni di persone. “Il riscaldamento persisterà per millenni e continuerà a provocare cambiamenti climatici sempre più devastanti”.

Un capitolo del rapporto è dedicato alle soluzioni, riassunte in alcuni percorsi possibili: limitare in modo drastico la domanda di energia delle industrie, dei trasporti e degli immobili per ridurre le emissioni di CO2 del 45% entro il 2030, ma con l’idea di azzerarle nel 2050, data in cui le energie rinnovabili dovranno coprire almeno l’80% del fabbisogno. Quindi rimozione della CO2 con riforestazione e stoccaggio del carbonio.

Alla fine, una raccomandazione: nessuno può sentirsi esentato dallo sforzo. Serve una comunanza di forze e sforzi, soprattutto economici, del mondo intero, che per una volta dovrebbe mettere al bando gli interessi nazionali per il bene comune. Parole grosse.

L’appuntamento è per la “Cop24”, la conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, primo appuntamento dopo l’accordo di Parigi, previsto a Katowice, cuore carbonifero della Polonia, dal 3 al 14 dicembre. “L’umanità è di fronte ad una nuova guerra: contro se stessa”.

Ambiente
La Kim Kardashian delle anatre strega New York
La Kim Kardashian delle anatre strega New York
E' un maschio di anatra mandarina, forse fuggito da qualche zoo, liberato da qualcuno rimasto sconosciuto oppure emigrato dalla lontana California. Ora nuota in un laghetto del Central Park, fotografato da migliaia di curiosi e turisti
Milano, ecco il primo bus elettrico
Milano, ecco il primo bus elettrico
Un bus a due piani in servizio da oggi riservato ai turisti che vogliono visitare la città. Autonomia 250 km, tempo di ricarica delle batterie 5 ore
Cambiamenti clima, protesta a Bruxelles
Cambiamenti clima, protesta a Bruxelles
Marcia pacifica con 65mila persone per richiamare i potenti della terra a rivedere le politiche ambientali. Allarme Onu
Madre e figlia sbranate da un Grizzly
Madre e figlia sbranate da un Grizzly
E' accaduto nello Yukon, in Canada, l'orso le ha attaccate fuori dal loro cottage. Il marito ha trovato i corpi e ucciso un Grizzly a poca distanza. Il dolore della comunità franco-canadese. La piccola aveva 10 mesi
Il missionario trafitto dalle frecce
Il missionario trafitto dalle frecce
"Gesù vi ama!"Finito in tragedia il tentativo di un religioso Usa di avvicinare la tribù che vive nell'isola North Sentinel nell' Oceano Indiano. Gli indigeni lo hanno ucciso per difendere la loro integrità. Il perdono dei familiari
Rifiuti, siluro a Di Maio dai Lumbard
Rifiuti, siluro a Di Maio dai Lumbard
Il presidente della Regione Lombardia Fontana attacca il vice premier grillino: "Se i nostri inceneritori inquinano non bruceremo più i rifiuti del Sud"
No Tap, uova e vernice nella sede M5s
No Tap, uova e vernice nella sede M5s
Il ministro Barbara Lezzi segnala su Facebook l'attacco alla sede di Lecce da parte di attivisti No Tap. Solidarietà ai dirigenti locali
il Tap inquina, tre indagati
il Tap inquina, tre indagati
Carabinieri del Noe nelle sedi di Melendugno, Lecce e Roma per acquisire la documentazione sui lavori del gasdotto. Sospetti sull'inquinamento di una falda a causa dei lavori
CALIFORNIA BURNING
Morti e città incenerite dai roghi
CALIFORNIA BURNING<br>Morti e città incenerite dai roghi
Nel Nord dello Stato l'incendio più devastante della storia, 800 mila gli sfollati. Le fiamme alimentate dal vento e dalla siccità, 11 morti bruciati nelle auto e 35 dispersi. Devastata anche Malibu
Strage di cuccioli e allevamenti lager
Strage di cuccioli e allevamenti lager
Cani e gatti venduti nei negozi provengono da allevamenti non controllati e reduci da viaggia estenuanti e in condizioni disagiate, in Inghilterra su 80 mila cuccioli importanti in un anno, molti sono destinati a morire