La storia di Sam e Penguin

| Una donna vittima di un incidente e una piccola gazza caduta dal nido: una cura l’altra, ed entrambe si salvano. Una storia diventata un libro e un film che uscirà a breve

+ Miei preferiti
Sam Bloom è sempre stata una donna forte e atletica: nuotatrice infaticabile, amante del surf, della sua biciletta e soprattutto della sua famiglia, fatta di un marito, tre figli e tanta serenità.

Accade tutto all’improvviso nel 2013, durante una vacanza in Thailandia: Sam si appoggia alla ringhiera di un punto panoramico, durante un’escursione come tante. È un attimo: la ringhiera cede, trascinandosi la donna al suolo dopo un volo di diversi metri.

Dopo sette mesi d’ospedale e molti più interventi chirurgici, Sam è salva, ma i medici sono chiari: ha subito una grave frattura alla colonna vertebrale, non camminerà mai più.

Tornata a casa, in Australia, Sam è costretta a reinventarsi una vita, totalmente diversa, che non le permette più la libertà di scendere con la tavola fino al mare per sfidare le onde, di nuotare e di correre in biciletta lungo i percorsi che amava tanto.

Uno spirito libero, costretto su una sedia a rotelle: per lei, una vera condanna. Suo marito Cameron, un fotografo molto noto, ed i tre figli ce la mettono tutta, ma si rendono conto che della donna che era il fulcro della loro famiglia resta ormai ben poco. Sam Bloom si sta spegnendo un po’ per volta, ogni giorno di più: è triste, piange, non riesce più a sorridere per nulla, malgrado si sforzi di farlo.

Poi un giorno, succede qualcosa che all’apparenza non c’entra nulla, ma per chi ha voglia di crederci è un segno del destino, magari un aiuto lanciato da qualcuno lassù oppure solo un caso. Nessuno può saperlo.

Noah, il più piccolo dei tre figli di Sam e Cameron, tornando da scuola trova una piccola gazza caduta dal nido. La raccoglie, la porta a casa e chiede ai genitori il permesso di tenerla: tutti insieme la chiamano “Penguin”, pinguino, perché è bianca e nera.

È Sam, quando il resto della famiglia è a scuola e al lavoro, a prendersi cura di Penguin, che ha bisogno di aiuto. La accudisce, le cura le ferite, la riempie di attenzioni e nella sua mente, scatta una molla che si era fermata all’improvviso nel 2013: “Prima del suo arrivo mi sentivo inutile, incapace perfino di prendermi cura dei miei figli. Ma Penguin è diventata lo specchio in cui rivedere me stessa: entrambi eravamo scampate alla morte per un soffio, ed entrambi avevamo bisogno uno dell’altro per ricominciare a vivere”.

Quando Penguin ritorna in forze, è la gazza - incredibilmente - a prendersi cura di Sam, restituendole la fiducia e la voglia di lottare: passa le giornate seduta sulla sua spalla, gioca con i suoi capelli e quando lei piomba negli attacchi di depressione Penguin lo capisce e non lo permette, iniziando a cinguettarle qualcosa all’orecchio fin quando non reagisce. Penguin non sta in gabbia: per i Bloom è un’amica, non un animale da compagnia. Ogni tanto vola fuori, per sgranchirsi le ali, poi torna sempre a casa.

Poco per volta, vedendo che la gazza è tornata forte e in salute, anche Sam inizia ad accettare la sua nuova condizione, trovando la forza di continuare ad essere attiva e una presenza ancora necessaria alla sua famiglia.

Penguin resta con i Bloom per due anni: la sera in cui Sam Bloom sta partendo per l’Italia per prendere parte alle Paraolimpiadi, vola da una finestra aperta e non torna più. Qualcuno racconterà ai Bloom di averla vista dirigersi verso un boschetto, e a loro piace pensare che sia felice. Aveva esaurito il compito di Salvare Sam, ed era ora di tornare libera.

La storia della gazza è diventata un libro, “Penguin Bloom: the odd little bird who saved a family”, scritto da Bradley Trevor Greve, ed un film che uscirà a breve, prodotto da Reese Witherspoon e interpretato da Naomi Watts.

Video
Galleria fotografica
La storia di Sam e Penguin - immagine 1
La storia di Sam e Penguin - immagine 2
La storia di Sam e Penguin - immagine 3
La storia di Sam e Penguin - immagine 4
Animalia
Polli bolliti vivi o congelati lentamente
Polli bolliti vivi o congelati lentamente
Un'inchiesta del Guardian rivela le atroci condizioni degli allevamenti Usa, dove gli animali vengono sistematicamente torturati, picchiati, eliminati in modo crudele, tenuti al freddo o al caldo soffocante
New Zealand, sterminate 150 mila mucche
New Zealand, sterminate 150 mila mucche
Piano del governo per eliminare una malattia bovina, 50 mila capi sono già stati abbattuti, poi gli altre. E' la prima volta viene pianificato un piano simile. Presto per sapere se servirà davvero
La triste storia dei cani-giocattolo abbandonati
La triste storia dei cani-giocattolo abbandonati
Allevatori senza scrupoli hanno creato, attraverso manipolazioni genetiche, cani sempre più mini da esibire in costose borsette da proprietari esibizionisti. Ma talvolta diventano ingestibili. Parla la veterinaria Valeria Di Padova Blue
Zoo di Tirana, animali malati e denutriti
Zoo di Tirana, animali malati e denutriti
Leoni e orsi feriti e mutilati, in terribili condizioni di detenzione in recinti piccoli e degradati. Dodici superstiti messi in salvo, un team di veterinari sta cercando di salvarli
Vecchi e inutili, l'Esercito abbatte i cani
Vecchi e inutili, l
Opinione pubblica inglese indignata, uccisi in pochi anni con un'iniezione letale 1000 cani in servizio nell'Esercito, alcuni protagonisti di imprese eroiche e famosi per avere salvato decine di soldati
Salvo Bruce, cane orribilmente seviziato
Salvo Bruce, cane orribilmente seviziato
Caso horror in Gran Bretagna, un cane di 4 anni picchiato e poi bruciato da ignoti. Seviziato con un cacciavite è stato curato da un team di veterinari e ora è stato adottato. Indaga la polizia
Canguri torturati, sdegno in Australia
Canguri torturati, sdegno in Australia
Animali seviziati in modo orribile, gli autori ora ricercati dalla polizia hanno ripreso con un video le torture inflitte a due canguri, picchiati, bruciati e finiti con armi da fuoco
"Prima il lupo, poi uno della Lav"
"Prima il lupo, poi uno della Lav"
Consigliere veneto del gruppo misto posta sui social la foto di un lupo ucciso e auspica che il prossimo morto sia un consigliere dell'organizzazione animalista. Poi spiega: "Solo ironia"
Quando la natura fa sorridere
Quando la natura fa sorridere
Le irresistibili immagini di animali colti dagli obiettivi in pose curiose e simpatiche. Sono l’irresistibile gallery dell’edizione 2018 del “Comedy Wildlife Photography”
Non potrà avere un cane per 10 anni
Non potrà avere un cane per 10 anni
Un'inglese avrebbe provocato la morte del suo cane, trovato morto in mezzo ai rifiuti. Era denutrito e ridotto a uno scheletro. Agonia di tre settimane