Chiudono le gallerie d'arte, il futuro è on-line

| La crisi stringe in una morsa molte gallerie d'arte, alcune storiche. Chiudono una dopo l'altra. E nelle aste si vendono solo i grandi nomi. Resistono le più importanti. Boom del mercato on-line

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Nel 2017 le vendite sul mercato globale dell’arte sono cresciute del +12% rispetto al 2016, raggiungendo i 63.7 miliardi di dollari. Questo a fronte di un volume delle transazioni che è aumentato solo del +8%. Una crescita, quella del mercato dell’arte, trainata, come sempre, da Stati Uniti, Cina e Regno Unito che, insieme, rappresentano l’83% dell’intera torta e registrano fatturati in forte crescita. Torta che vede le gallerie detenere il 53% del suo valore, mentre il 47% è in mano alle case d’asta che, nel 2017, hanno aumentato le proprie quote del +4%. Sono questi alcuni dei principali dati sul mercato dell’arte e dell’antiquariato che emergono da The Art Market 2018, la seconda edizione del rapporto curato da Claire McAndrew di Arts Economics  per UBS e Art Basel  e uscito a circa tre mesi dall’apertura della fiera di Basilea (14-17 giugno 2018).

LE GALLERIE? QUELLE DI FASCIA ALTA TRAINANO IL MERCATO

 Visto nel suo insieme, il mercato delle gallerie d’arte ha realizzato nel 2017 un fatturato stimato attorno ai 33.7 miliardi di dollari, facendo registrare un +4% sul 2016. A fronte di questo dato generale, che farebbe pensare ad un andamento positivo del business delle gallerie, il rapporto curato da Claire McAndrew di Arts Economics mette in evidenza come tale trend sia dovuto, unicamente, alle grandi realtà con fatturati superiori ai 50 milioni di dollari (+10% sul 2016), mentre le gallerie con un turn over inferiore ai 500.000 dollari all’anno sono in declino (-4%). Ma anche ai piani alti del mercato non tutto quello che luccica è oro e, come mette in evidenza il rapporto, la crescita registrata per le gallerie che navigano nella fascia più alta del mercato è, di fatto, la metà di quella registrata per lo stesso segmento nel 2016.

 

I dati quindi confermano il lungo momento di difficoltà che il modello business delle gallerie sta vivendo in questo primo inizio di XXI secolo. Difficoltà ribadita anche dai numeri relativi alla nascita di nuove gallerie: in 10 anni l’apertura di nuove gallerie d’arte è calata drasticamente con le inaugurazioni del 2017 inferiori del -87% rispetto al 2007 e un rapporto aperture/chiusure, passato dal 5/1 del 2007 al 0.9/1 nel 2017. Alla base di questa situazione, che vede oggi la bilancia demografica delle gallerie assolutamente negativa: la difficoltà a trovare nuovi clienti; la situazione economica e lo sviluppo della domanda per l’arte e l’antiquariato; oltre ai costi per la partecipazione alle fiere.

 

Fiere che, però, continuano a rappresentare il principale canale di vendita di questo settore: il 46% delle vendite passa da qui (+5% rispetto al 2016), per un valore complessivo stimato attorno a 15.5 miliardi di dollari (+17%) a fronte di una spesa sostenuta per la partecipazione che, complessivamente, si attesta sui 4.6 miliardi. Ma a pesare sulle spalle delle gallerie di tutto il mondo è, soprattutto, la grande difficoltà che queste realtà hanno nell’accesso ai finanziamenti e al credito, specie nella fase di start-up. Tanto che oggi, il 67% delle gallerie ha un tasso di indebitamento attorno al 10% –  ma si tratta in molti casi di attività già avviate da tempo e solide -, mentre il restante 33% si colloca in fasce che vanno dal 10 al 25% (18% del totale), 25-50% (10%), 50-75% (3%) e oltre il 75% (2%). Mentre il margine di guadagno è, nel 41% dei casi, attorno al 30%. Percentuale che sale tra il 30 e il 50% in un altro 47% dei casi e vola oltre il 50% solo nel restante 11%. 

 

ASTE:  GRANDE AUMENTO SOLO PER LE OPERE SUPER QUOTATE

 

Come per quello delle gallerie, anche il mercato delle aste naviga con il vento in poppa solo quando si parla della fascia alta. I numeri di The Art Market 2018, d’altronde, parlano chiaro: le aste di arte e antiquariato nel 2017 hanno totalizzato un fatturato di 28.5 miliardi di dollari con una crescita del +27% rispetto al 2016. Un trend positivo che vede il dominio assoluto degli Stati Uniti (35%), della Cina (33%) e del Regno Unito (16%). Ma sopratutto guidato dalla vendita delle opere con un valore superiore ad un 1 milione di dollari: l’unico segmento di mercato cresciuto nell’ultimo anno, con un exploit incredibile dei lavori aggiudicati per oltre 10 milioni, cresciuti del +125% nel 2017 e addirittura del +148% in dieci anni. E se tutti i settori fanno registrare buone performance, a spiccare è, anche quest’anno, quello della Post War and Contemporary Art il quale, raggiungendo i 6.2 miliardi di dollari di fatturato fa registrare un +12% sul 2016. Percentuale dove a pesare molto sono i risultati ottenuti dagli artisti viventi, aumentati del +19% per un totale di 2.9 miliardi di dollari. Bene anche gli Old Masters che, al netto del Leonardo venduto da Christie’s, crescono del +11% (+64% con il Salvator Mundi).

 

IL FUTURO DEL MERCATO È ONLINE

 

Prosegue, infine, l’ottimo andamento del mercato dell’arte online che nel 2017 ha raggiunto i 5.4 miliardi di dollari segnando un +10% sul 2016 e arrivando a pesare per l’8% sul totale delle vendite d’arte fatte nel mondo. Un mercato, quello online, che in 5 anni ha aumentato del +75% il propri volume, ma che sopratutto è diventato un canale chiave per raggiungere nuovi clienti: i galleristi intervistati dai curatori del rapporto ha, infatti, dichiarato, che il 45% dei propri acquirenti online del 2017 sono nuovi e così il 41% di coloro che acquistano online dalle case d’asta. Cifre che fanno dichiarare agli operatori che lo sviluppo dei canali online sarà fondamentale per la crescita del mercato nei prossimi 5 anni.

Arte News
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Erano comparsi nel giro di poche ore e solo ora, dopo la "confessione" su Instagram è arrivata la conferma, la firma è quella del grande street-artist, Bansky. Tema, l'immigrazione. La storia e l'analisi
Quella strana coppia che fa sognare i fans
Quella strana coppia che fa sognare i fans
Arte e musica con il rapper Kanye West e Takashi Murakami per realizzare le copertine sull'onda dell'estetica superflat dell'artista giapponese