Chiudono le gallerie d'arte, il futuro è on-line

| La crisi stringe in una morsa molte gallerie d'arte, alcune storiche. Chiudono una dopo l'altra. E nelle aste si vendono solo i grandi nomi. Resistono le più importanti. Boom del mercato on-line

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Nel 2017 le vendite sul mercato globale dell’arte sono cresciute del +12% rispetto al 2016, raggiungendo i 63.7 miliardi di dollari. Questo a fronte di un volume delle transazioni che è aumentato solo del +8%. Una crescita, quella del mercato dell’arte, trainata, come sempre, da Stati Uniti, Cina e Regno Unito che, insieme, rappresentano l’83% dell’intera torta e registrano fatturati in forte crescita. Torta che vede le gallerie detenere il 53% del suo valore, mentre il 47% è in mano alle case d’asta che, nel 2017, hanno aumentato le proprie quote del +4%. Sono questi alcuni dei principali dati sul mercato dell’arte e dell’antiquariato che emergono da The Art Market 2018, la seconda edizione del rapporto curato da Claire McAndrew di Arts Economics  per UBS e Art Basel  e uscito a circa tre mesi dall’apertura della fiera di Basilea (14-17 giugno 2018).

LE GALLERIE? QUELLE DI FASCIA ALTA TRAINANO IL MERCATO

 Visto nel suo insieme, il mercato delle gallerie d’arte ha realizzato nel 2017 un fatturato stimato attorno ai 33.7 miliardi di dollari, facendo registrare un +4% sul 2016. A fronte di questo dato generale, che farebbe pensare ad un andamento positivo del business delle gallerie, il rapporto curato da Claire McAndrew di Arts Economics mette in evidenza come tale trend sia dovuto, unicamente, alle grandi realtà con fatturati superiori ai 50 milioni di dollari (+10% sul 2016), mentre le gallerie con un turn over inferiore ai 500.000 dollari all’anno sono in declino (-4%). Ma anche ai piani alti del mercato non tutto quello che luccica è oro e, come mette in evidenza il rapporto, la crescita registrata per le gallerie che navigano nella fascia più alta del mercato è, di fatto, la metà di quella registrata per lo stesso segmento nel 2016.

 

I dati quindi confermano il lungo momento di difficoltà che il modello business delle gallerie sta vivendo in questo primo inizio di XXI secolo. Difficoltà ribadita anche dai numeri relativi alla nascita di nuove gallerie: in 10 anni l’apertura di nuove gallerie d’arte è calata drasticamente con le inaugurazioni del 2017 inferiori del -87% rispetto al 2007 e un rapporto aperture/chiusure, passato dal 5/1 del 2007 al 0.9/1 nel 2017. Alla base di questa situazione, che vede oggi la bilancia demografica delle gallerie assolutamente negativa: la difficoltà a trovare nuovi clienti; la situazione economica e lo sviluppo della domanda per l’arte e l’antiquariato; oltre ai costi per la partecipazione alle fiere.

 

Fiere che, però, continuano a rappresentare il principale canale di vendita di questo settore: il 46% delle vendite passa da qui (+5% rispetto al 2016), per un valore complessivo stimato attorno a 15.5 miliardi di dollari (+17%) a fronte di una spesa sostenuta per la partecipazione che, complessivamente, si attesta sui 4.6 miliardi. Ma a pesare sulle spalle delle gallerie di tutto il mondo è, soprattutto, la grande difficoltà che queste realtà hanno nell’accesso ai finanziamenti e al credito, specie nella fase di start-up. Tanto che oggi, il 67% delle gallerie ha un tasso di indebitamento attorno al 10% –  ma si tratta in molti casi di attività già avviate da tempo e solide -, mentre il restante 33% si colloca in fasce che vanno dal 10 al 25% (18% del totale), 25-50% (10%), 50-75% (3%) e oltre il 75% (2%). Mentre il margine di guadagno è, nel 41% dei casi, attorno al 30%. Percentuale che sale tra il 30 e il 50% in un altro 47% dei casi e vola oltre il 50% solo nel restante 11%. 

 

ASTE:  GRANDE AUMENTO SOLO PER LE OPERE SUPER QUOTATE

 

Come per quello delle gallerie, anche il mercato delle aste naviga con il vento in poppa solo quando si parla della fascia alta. I numeri di The Art Market 2018, d’altronde, parlano chiaro: le aste di arte e antiquariato nel 2017 hanno totalizzato un fatturato di 28.5 miliardi di dollari con una crescita del +27% rispetto al 2016. Un trend positivo che vede il dominio assoluto degli Stati Uniti (35%), della Cina (33%) e del Regno Unito (16%). Ma sopratutto guidato dalla vendita delle opere con un valore superiore ad un 1 milione di dollari: l’unico segmento di mercato cresciuto nell’ultimo anno, con un exploit incredibile dei lavori aggiudicati per oltre 10 milioni, cresciuti del +125% nel 2017 e addirittura del +148% in dieci anni. E se tutti i settori fanno registrare buone performance, a spiccare è, anche quest’anno, quello della Post War and Contemporary Art il quale, raggiungendo i 6.2 miliardi di dollari di fatturato fa registrare un +12% sul 2016. Percentuale dove a pesare molto sono i risultati ottenuti dagli artisti viventi, aumentati del +19% per un totale di 2.9 miliardi di dollari. Bene anche gli Old Masters che, al netto del Leonardo venduto da Christie’s, crescono del +11% (+64% con il Salvator Mundi).

 

IL FUTURO DEL MERCATO È ONLINE

 

Prosegue, infine, l’ottimo andamento del mercato dell’arte online che nel 2017 ha raggiunto i 5.4 miliardi di dollari segnando un +10% sul 2016 e arrivando a pesare per l’8% sul totale delle vendite d’arte fatte nel mondo. Un mercato, quello online, che in 5 anni ha aumentato del +75% il propri volume, ma che sopratutto è diventato un canale chiave per raggiungere nuovi clienti: i galleristi intervistati dai curatori del rapporto ha, infatti, dichiarato, che il 45% dei propri acquirenti online del 2017 sono nuovi e così il 41% di coloro che acquistano online dalle case d’asta. Cifre che fanno dichiarare agli operatori che lo sviluppo dei canali online sarà fondamentale per la crescita del mercato nei prossimi 5 anni.

Arte News
The denim artist
The denim artist
Sembrano opere d’arte declinate in modo maniacale sul blu, ma è solo guardando da vicino che si capisce l’incredibile forma d’arte di Ian Berry, giovane inglese che ha scelto i jeans come forma d’arte
Christie's, artisti italiani battono record
Christie
La Milan Modern and Contemporary si chiude con un bilancio positivo, 14 milioni di euro, venduto il 93 per cento del catalogo. Tra gli artisti più apprezzati dai collezionisti, Licini e Boetti
Magica Maastricht, tra spazio e tempo
Magica Maastricht, tra spazio e tempo
Qualità e fascino, primato per la rassegna olandese, tra meravigliose ceramiche, le sculture e i ritratti. Incontro tra mondi artistici lontani e diversi
Mercato arte boom nel mondo, Italia Terzo Mondo
Mercato arte boom nel mondo, Italia Terzo Mondo
Bilancio da 20 miliardi anno ma norme e leggi antiquate, burocrazia ingestibile, classe politica del tutto impreparata e peso fiscale penalizzante per chi vende e per chi compra. Analisi
Simboli e misteri nelle tele dei grandi artisti
Simboli e misteri nelle tele dei grandi artisti
Gli esperti della Tate Modern di Londra scoprono una figura femminile celata nel "Portrait of a Girl" di Modigliani. Un polmone umano nella Venere di Botticelli, simbolo del ciclo della vita
Hangar, 10 mila euro per un'idea da vero artista
Hangar, 10 mila euro per un
Valorizzare i progetti legati a teatro, danza, musica e fotografia. Coinvolti Museo Egizio e Camera. Negrin: "Aiutare i giovani talenti del territorio"
Arte in Italia, tutte le mostre da non perdere
Arte in Italia, tutte le mostre da non perdere
Febbraio ricco di appuntamenti. Alla fondazione Prada Zang Tuma Tuum Iniziamo da Post Zang Tuma Tuuum a cura di Germano Celat, una emozionante rassegna sull'arte italiana tra le due guerre mondiali. Avanguardia a Lucca
Medialismo, così sofisticato e così dimenticato
Medialismo, così sofisticato e così dimenticato
Ricordando Montesano, Cascavilla, De Luca, De Paris, Mazzoni, FPassarella, Mastrangelom Kastelic, Igort, Lamberti, Maurizio Cannavacciuolo, Pisano, Viel, Fantin, Formento-Sossella, Vittone e Tozzi. Le avanguardie
Angoscianti Mutazioni di Francis Bacon
Angoscianti Mutazioni di Francis Bacon
Mostra a palazzo Cavour a Torino dal 2 marzo al 20 maggio, in mostra 60 disegni e collage realizzati tra il '77 e il '92. Artista "maledetto", omosessuale e dedito a una vita disordinata, nel segno di un profondo dolore esistenziale
Indimenticabile Modigliani, da Parigi a Londra
Indimenticabile Modigliani, da Parigi a Londra
Evente artistico di straordinario valore nella Tate Modern di Londra, opere in rigorosa sequenza cronologia, ritratti e disegni del primo Novecento. Il Regno Unito dopo il successo mondiale del Salone d'Automne a Parigi