Opere ricurve

| Un singolare artista giapponese ama realizzare sculture in miniatura fatte di banane. Una forma artistica nuova, iniziata per caso fra le mura domestiche

+ Miei preferiti

Sarà che le tele costano parecchio, e di questi tempi non è il caso di scialare, oppure che la primavera è sbocciata e la frutta di stagione riempie di colori le bancarelle di frutta e verdura. Sarà tutto questo, diamolo per buono giusto il tempo di darsi una spiegazione sulla crescita continua di un filone di artisti che ha deciso di dire basta a travertino, ciliegio e onice, per dedicarsi alla decorazione delle banane. Capofila della tendenza è un giapponese dal nome ovviamente difficile: Keisuke Yamada. Costui, armato di un cucchiaio, alcuni stuzzicadenti, molta pazienza e almeno una lente d'ingrandimento, ha iniziato anni fa a ornare ogni frutto gli portasse la mamma a fine pasto, fino a capire che è la banana, nient'altro che la banana, la tela migliore offerta da madre natura. Un giorno, si legge, ne osserva una dopo averla sbucciata e quasi per scherzo disegna un volto. Sta iniziando la seconda vita di Keisuke, 25 anni e  sguardo un po' spiritato, elettricista di giorno e bananista a tempo perso: anni di esercizi, tentativi e prove con centinaia di banane incise, fotografate per postate su qualche social e alla fine mangiate, probabilmente incidendo non poco sul bilancio familiare di casa Yamada, fino a trasformarlo in una celebrità in materia, che oggi è disponibile ad esporre in tutto il mondo, a patto di trovare una cella frigorifera dove sistemare le sue opere dopo la chiusura o un pubblico disposto a mangiarsi tutto al termine della performance.

A lui, dice sicuro, basta una mezzora per finire un'opera d'arte ricca di potassio: con il cucchiaio liscia la polpa, con gli stuzzicadenti la incide a piacere. Tutto qui.

Forse si tratta solo di un nuovo modo di interpretare l'arte, espressione umana intesa come la continua a ricerca di traguardi sempre nuovi da superare, ma la "banana art" imperversa fra oriente e occidente e promette nuovi scenari. Gli adepti della disciplina, peraltro qualcuno bravo davvero, molte volte si concentrano sulla buccia, notoriamente gialla ma che a contatto con l'aria produce in breve tempo un'ossidazione che tinge di scuro qualsiasi intaglio, così da permettere a chi lo sa fare di giocare sui chiaro-scuri, incidendo più a fondo dove serve e sfiorando appena nei punti dove invece non è il caso. Mentre altri banana-artist, come ad esempio Keisuke, preferiscono complicarsi un po' l'esistenza modellandone la polpa fino a realizzare un'infinita galleria di ritratti fantasiosi, alcuni ripresi da film (i mostri della saga "Pirati dei Caraibi" e di "Alien", ad esempio), altri ispirati a celebrità, simili agli originali nell'espressione del volto ma inevitabilmente trasfigurati nel fisico in tante banane. Fra le più recenti produzioni perfino William & Kate, diventati banane dall'aspetto regale, ma pur sempre banane.

Arte
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Erano comparsi nel giro di poche ore e solo ora, dopo la "confessione" su Instagram è arrivata la conferma, la firma è quella del grande street-artist, Bansky. Tema, l'immigrazione. La storia e l'analisi
Evviva, anche Barbie ha la cellulite
Evviva, anche Barbie ha la cellulite
Un grafico milanese, non nuovo all’interpretazione ironica delle tendenze del momento, se l’è presa con la bambola più celebre
Quella strana coppia che fa sognare i fans
Quella strana coppia che fa sognare i fans
Arte e musica con il rapper Kanye West e Takashi Murakami per realizzare le copertine sull'onda dell'estetica superflat dell'artista giapponese
Ogr, migranti registi con gli smartphone
Ogr, migranti registi con gli smartphone
Alle Officine Grandi Riparazioni di Torino mostre sull'immigrazione, tanto jazz e presto il live-techno-afro-beat di Tony Allen & Jeff Mills. Reverse Angle di Davide Ferrario, video-installazione a cura dei rifugiati
Niente record ma le aste italiane sono ok
Niente record ma le aste italiane sono ok
Bene Blindarte, Wannenes, Farsetti e Pandolfini. In vista Hambledon e Warhol, stazionari gli artisti italiani. Ripresa significativa degli affari dopo un lungo periodo opaco
Klimt e Schiele, la Bellezza e l'Abisso
Klimt e Schiele, la Bellezza e l
A Vienna per una delle mostre, a cura del London Museum, che ripercorre le tappe più importanti del Modernismo, a cento anni dalla scomparsa. Opere di Moser e Wagner. Sotheby's, un Matisse a 2 milioni e mezzo di euro
Donne reporter, mafia terrorismo moda
Donne reporter, mafia terrorismo moda
Sino al 2 settembre a Roma, Palazzo delle Esposizioni, una splendida rassegna di immagini delle più note fotografe italiane. In Val d'Aosta, nel forte di Bard, confronto tra Matisse e Cartier-Bresso. Da non perdere
Monet e gli americani, mostra all'Orangerie
Monet e gli americani, mostra all
Parigi ospita uno degli appuntamenti più importanti dell'anno, dedicata a Monet e all'influenza sugli astrattisti Usa. Aste, il mercato italiano è in ripresa. Gli artisti da seguire. Il 70° della Collezione Guggenheim
Art Basel, tutte le mostre da non perdere
Art Basel, tutte le mostre da non perdere
Le manifestazioni collaterali alla seguitissima fiera di Basilea, tra artisti noti e un parterre di interessanti promesse internazionali. Nomi e date