Torino, in 12 mila per la Madonna del Bronzino

| Con 12 mila visitatori s'è chiusa l'esposizione della Madonna del pittore Cosimo di Mariano detto il Bronzino. L'iniziativa di Intesa San Paolo coronata da un successo imprevedibile e che fa riflettere sul ruolo della cultura

+ Miei preferiti

Con 12.330 visitatori si chiude oggi presso lo Spazio Trentacinque, la sala espositiva nella Serra bioclimatica del grattacielo Intesa Sanpaolo a Torino, l’esposizione del capolavoro Madonna con il Bambino, sant’Elisabetta e san Giovannino di Agnolo di Cosimo di Mariano, detto il Bronzino proveniente dal Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli, aperta il 21 dicembre scorso. (Il dato include le prenotazioni per la giornata del 7 gennaio.) Lo rende noto un comunicato di Intesa SanPaolo. 

Come di consueto ormai per le iniziative realizzate nel grattacielo, a poche ore dall’apertura delle prenotazioni si è registrato il tutto esaurito, confermando che esso ha guadagnato il suo posto nel cuore dei torinesi come centro di cultura, oltre che sede per i duemila dipendenti Intesa Sanpaolo che vi lavorano. Il risultato rappresenta infatti il massimo possibile dati i vincoli di sicurezza e organizzativi imposti, tra cui la prenotazione obbligatoria e l’apertura esclusivamente pomeridiana nei giorni feriali. 

Con quest’opera, l’attività espositiva di Intesa Sanpaolo presso il grattacielo di Torino chiude il 2017 con circa 30 mila visitatori, dopo il Ritratto del conte Antonio di Porcia di Tiziano in prestito dalla Pinacoteca di Brera in mostra ad aprile e i Promessi Sposi cancellati di Emilio Isgrò esposto a maggio in occasione del Salone del Libro. 

“Che Torino risponda con tanto entusiasmo alle nostre proposte culturali ed artistiche presso il grattacielo ci incoraggia a proseguire su questa strada con iniziative di altissima qualità. Coniugare arte classica e contemporaneità è una sfida che possiamo considerare vinta anche in termini di conservazione e massima valorizzazione delle opere. Lo dimostra la fiducia di istituzioni di prim’ordine come la Pinacoteca di Brera e il Museo di Capodimonte che ci accordano i loro capolavori da esporre al grattacielo. Lavorare con i più autorevoli e importanti musei al mondo ci rende orgogliosi ed è possibile grazie alla credibilità della Banca e delle Gallerie d’Italia per la serietà e la dedizione dimostrate anche nella produzione culturale e nella diffusione della conoscenza del patrimonio artistico del nostro Paese”, commenta Michele Coppola, Direttore Centrale Arte, Cultura e Beni Storici di Intesa Sanpaolo. 

Rimanendo in tema di tutela e valorizzazione del patrimonio artistico nazionale, Torino sarà nuovamente al centro delle iniziative culturali della Banca con l’apertura a marzo alla Reggia di Venaria della mostra nazionale delle opere restaurate grazie ad Intesa Sanpaolo nell’ambito di “Restituzioni”, il programma di restauri di beni artistici e architettonici curato e sostenuto da Intesa Sanpaolo con cadenza biennale, in stretta collaborazione con gli organismi pubblici di tutela, Soprintendenze e istituzioni museali.

Arte News
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Erano comparsi nel giro di poche ore e solo ora, dopo la "confessione" su Instagram è arrivata la conferma, la firma è quella del grande street-artist, Bansky. Tema, l'immigrazione. La storia e l'analisi