Torino si tinge dei colori sognanti di Mirò

| Da oggi sino al 14 gennaio a Palazzo Chiablese 130 opere in prestito dalla Fundacio Pilar. Date, orari e ticket

+ Miei preferiti
(nostro servizio)
di DAVIDE CUCINOTTA
Tornano a Torino le grandi mostre internazionali: da oggi fino al 14 gennaio a Palazzo Chiablese è aperta al pubblico "Mirò. Sogno e colore", una raccolta di 130 opere, quasi tutti oli di grande formato, provenienti dalla Fondazione Pilar e Joan Mirò a Maiorca e realizzate dall'artista nel suo periodo più felice e fecondo, dal 1956 al 1983. L'esposizione è organizzata da Arthemisia, che a Palazzo Chiablese recentemente ha portato mostre dedicate a Tamara de Lempicka, Matisse e Toulouse-Lautrec. A presentata ieri dalla direttrice dei Musei Reali, Enrica Pagella, che ha sottolineato la volontà di legare sempre di più i Musei alle grandi mostre per un percorso sempre più divulgativo, e il direttore della Fondazione, Francisco Copado Carraiero che ha illustrato il valore della prima personale di Mirò a Torino.

Tra i capolavori, frutto di un eccezionale prestito della Fundació Pilar i Joan Miró a Maiorca - che vanta una collezione di circa 5mila pezzi donati dall'artista e da sua moglie, che include pennelli, tavolozze e attrezzi del mestiere rimasti lì dal giorno della sua morte - figurano opere come OiseauxFemme au clair de luneFemme dans la rue, esposte a Torino per raccontare la sperimentazione ricercata da Miró all'interno delle principali correnti artsitiche del Novecento, dal Dadaismo all'Espressionismo.

Al centro della rassegna c'è l'isola di Maiorca, un "luogo del cuore" per l'artista, dove nacque sua madre, dove vivevano i nonni materni e dove lo stesso Miró si trasferì definitivamente nel 1956 per trascorrervi i suoi ultimi 30 anni di vita. Fu in questa lussureggiante perla delle Baleari, protetto dal silenzio, che il pittore anticonformista potè realizzare il desiderio di creare, in un ampio spazio, uno studio tutto suo in cui poter dar forma alle sue brillanti immagini mentali. 

Sogno e colore restituisce l'interiorità dello scultore e ceramista spagnolo, il suo modo di pensare, l'attaccamento a quelle radici fatte di mare e mulini, donne e paesaggi. Un universo che rivive nelle sue tele, in quel linguaggio personalissimo, ricco di simboli, forme e colori.

Pittore, ceramista e scultore, Mirò sosteneva che erano le cose più semplici a dargli delle idee, come l'arte popolare, la vita dei contadini e le luci e i colori del Mediterraneo: sembra difficile a credersi, dal momento che la sua arte è tutt'altro che semplice da leggere ed interpretare.

Si può dire che nella sua fase giovanile, i "genitori" dell'arte di Mirò siano stati, rispettivamente, il Cubismo da un lato e il Fauvismo dall'altro. Nei suoi primi dipinti i colori vivaci richiamano le opere dei cubisti Juan Gris e Fernand Léger, che Mirò aveva osservato esposti ad una mostra nel 1912, mentre le pennellate decise rimandano ai fauves francesi, a Cézanne e a Van Gogh.

Due le città che oggi possono, più di altre, darci un assaggio di questo incredibile artista. Da un lato troviamo ovviamente la sua Barcellona, a cui Mirò era tanto legato da lasciare ben tre "opere di benvenuto". La Fondazione Joan Mirò, inaugurata nel 1972 sulla collina del Montjuïc, che conserva oltre 11mila opere tra tele, disegni e sculture. La famosissima e coloratissima scultura Donna ed uccello, che con i suoi 22 metri d'altezza si scorge già da Plaça d'Espanya. E infine due mosaici: il pavimento del Pla de l'Os, nel cuore delle Ramblas, e un grande murales in ceramica che si trova nientemeno che al Terminal2 dell'aeroporto della città.

Gli orari. Palazzo Chiablese di Torino apre ai visitatori la mattina dalle 9.30 alle 19.30. Il lunedì, apre alle 14.30. Nella giornata di giovedì la chiusura è posticipata invece alle 22.30, i visitatori hanno 3 ore in più a disposizione per ammirare i dipinti di Mirò e della sua fantastica mostra.

Prezzi dei biglietti. L'ingresso con tagliando intero al costo di 13 euro, il ridotto spende 11 euro. I biglietti si possono acquistare online tramite il portale di TicketOne, che con la prevendita arrivano a costare 14,50 euro. E' possibile reperire maggiori informazioni sulla mostra dal sito ufficiale. museireali.beniculturali.it 

Joan Miró – Sogno e colore

Mercoledì 4 ottobre a domenica 14 gennaio 2018 ore 09:30 - 19:00

Piazza S. Giovanni, 2, Palazzo Chiablese - Polo Reale, Piazzetta Reale 10122 Torino

Arte News
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Erano comparsi nel giro di poche ore e solo ora, dopo la "confessione" su Instagram è arrivata la conferma, la firma è quella del grande street-artist, Bansky. Tema, l'immigrazione. La storia e l'analisi