World Press Photo al Forte di Bard

| Nell’ex complesso militare valdostano arrivano le immagini vincitrici del più celebre e prestigioso concorso di fotogiornalismo del mondo

+ Miei preferiti
Per chi ama la fotografia, “World Press Photo” è un po’ come Oscar per il cinema. Fondata ad Amsterdam nel 1955, è l’organizzazione dell’omonimo concorso di fotogiornalismo, il più grande, celebre e prestigioso al mondo, capace ad ogni edizione di raccontare l’attualità e le sue contraddizioni, le mutazioni della società e gli eventi cruciali dei nostri tempi. “Un modo per connettere il mondo con le storie che contano”, lo definisce Lars Boering, managing director della “World Press Photo Foundation”. L’edizione 2018 del World Press Photo 2018 ha attirato 4.548 fotografi da 125 paesi, autori di 73.044 immagini, di cui 312 selezionate da una giuria internazionale e nominate nelle otto categorie in cui è suddiviso il concorso.

Le foto vincitrici sono diventate, come da tradizione, una mostra itinerante attraverso un centinaio di località di 45 paesi diversi, che dal 7 dicembre al 6 gennaio del prossimo anno fa tappa anche al Forte di Bard, complesso fortificato voluto dai Savoia per presidiare la Valle d’Aosta.

Non manca il vincitore assoluto dell’edizione 2018, il venezuelano Ronaldo Schemidt, fotografo della “Agence France-Presse” e autore di un reportage sulla crisi del Venezuela. La sua drammatica foto raffigura un giovane in fuga, avvolto dalle fiamme, nel giorno della manifestazione contro il presidente Nicolàs Maduro, nel maggio del 2017.

Fra le foto vincitrici anche “Crisi Rohingya”, una foto di Patrick Brown realizzata per una campagna dell’Unicef, “Boko Haram”, di Adam Ferguson, per il “New York Times”, “L’attacco a Londra”, di Toby Melville per la Reuters, e “La battaglia di Mosul”, di Ivor Prickett, per il New York Times.

Tra i vincitori anche cinque italiani: Alessio Mamo, secondo nella categoria “Volti”, Luca Locatelli in quella “Ambiente”, Fausto Podavini, secondo nella categoria a lungo termine, Giulio di Sturco, secondo in Storie di Attualità e Francesco Pistilli, terzo nella categoria Notizie Generali.

 

Scheda pratica

World Press Photo 2018 – Forte di Bard

Orari


Dal 7 al 23 dicembre (martedì-venerdì 10.00-18.00. Sabato e domenica 10.00-19.00 Chiuso il lunedì
. Dal 26 dicembre al 6 gennaio: aperto tutti i giorni.


Feriali: 10.00-18.00, sabato, domenica e festivi 10.00-19.00.

Chiuso il 24.12 e 25.12, 31 dicembre aperto 10.00-17.00, 1° gennaio: ore 13.00-19.00.

Tariffe


Intero 8,00 euro, 
ridotto 6,00 euro, 
scuole e 6-18 anni 5,00 euro

http://www.worldpressphoto.org

Galleria fotografica
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 1
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 2
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 3
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 4
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 5
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 6
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 7
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 8
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 9
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 10
World Press Photo al Forte di Bard - immagine 11
Arte News
Basquiat, l'Angelo Maledetto torna a Torino
Basquiat, l
Un quadro valutato dai 20 ai 25 milioni di dollari e recuperato dal proprietario, lo skipper Sergio Rossi. Una storia complicata
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Delphi Lux, il cinema con doppio spettacolo
Ha aperto a Berlino un cinema in cui ogni sala è un’opera d’arte, molte ispirate a maestri del cinema. Colori decisi e installazioni a Led rendono l’attesa del film un piacere
L'arte vola nello spazio con Elon Musk
L
L'artista Trevor Paglen ha creato "Orbital Reflector", sarà come un museo ai margini dell'universo. Progetto del 2015. Il prototipo è già nel Nevada Museum of Art. Lancio con il Falcon9, razzo creato da Musk
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Mosca e New York, Venezia nel cuore
Al Metropolitan le celebrazione del 500°anniversario della nascita del Tintoretto, al museo Puskhin di Mosca la rassegna "Da Tiepolo a Canaletto a Guardi". Le date
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Firenze, il codice Leicester di Leonardo
Grande spazio per le celebrazioni leonardiane, affreschi, quadri e viaggio nella chiedere quattrocentesche
Le fantasy coffin di Paa Joe
Le fantasy coffin di Paa Joe
Bare dalle forme più strane, realizzate sulla base delle passioni o del lavoro del defunto. Da cinquant’anni, un artigiano ghanese è considerato il massimo artista dell’ultimo viaggio
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Trio di artisti iraniani alle Ogr
Sino al 30 settembre nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino gli artisti Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh ed Hesam Rahmanian
Soulages, il più grande dei pittori viventi
Soulages, il più grande dei pittori viventi
L'artista nato in Occitania nel 1919 celebrato in Svizzera ha una storia alle spalle da brividi. Il profeta del Tachisme ha attraversato indenne guerre e continenti. "I quadri guardano noi"
We love New York
We love New York
La Grande Mela vista attraverso l’obiettivo di un fotografo innamorato della sua città
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Si, i sette murales di Parigi sono di BANSKY
Erano comparsi nel giro di poche ore e solo ora, dopo la "confessione" su Instagram è arrivata la conferma, la firma è quella del grande street-artist, Bansky. Tema, l'immigrazione. La storia e l'analisi