Aereo precipita in mare
morto anche ex ciclista di Massa

| Un Boeing 737 dell'indonesiana Lion Air si schianta nell'Oceano 13 minuti dopo il decollo. Tra le vittime Andrea Manfredi, 26 anni, ex ciclista professionista in Asia per lavoro, di Massa. Commozione nel mondo dello sport

+ Miei preferiti

Si chiama Andrea Manfredi, aveva 26 anni, abitava a Massa con la famiglia e stava realizzando il sogno il sogno di diventare un manager nella produzione di biciclette hi-tech. Era sull' aereo della compagnia indonesiana Lion Air, con 188 passeggeri a bordo più l’equipaggio, precipitato in mare, lui era l'unico straniero a bordo. I suoi profili facebook sono stati inondati di centinaia di messaggi con l'emoticon di una lacrima e parole di cordoglio e di affetto. Gli amici si sono stretti attorno ai familiari di un ragazzo che aveva abbandonato la carriera di ciclista professionista per dedicarsi agli aspetti più tecnologici della bici di ultima generazione.

Non ci sono sopravvissuti del volo JT610, dicono le autorità governative.  Il Boeing 737 MAX8 era era partito da Jakarta, la capitale, diretto alla città di Pangkal Pinang al largo dell'isola di Sumatra. Frammenti del velivolo e rottami sono stati recuperati vicino a una piattaforma petrolifera, non distante da Jakarta. I familiari delle vittime si sono radunati negli aeroporti di Jakarta e Pangkal Piang in febbrile attesa di notizie. 

Alle 4 ora italiana una nota ufficiale:” È stato confermato che l'aereo è precipitato in mare", ha detto Yusuf Latif, portavoce della National Search and Rescue Agency, via SMS: l’aereo ha perso contatto con i radar 13 minuti dopo il decollo. Ma il il portavoce di Lion Air Danang Mandala Prihantoro ha aggiunto che "la sua posizione non può ancora essere accertata". I resti sono stati trovati nel punto in cui il Boeing aveva perso i contatti con la torre di controllo.

"Non possiamo dare alcun commento in questo momento - ha detto Edward Sirait, amministratore delegato del Lion Air Group - stiamo cercando di raccogliere tutte le informazioni e i dati".

Lion Air è una delle compagnie aeree più giovani e più grandi dell'Indonesia, con voli nazionali e internazionali. Nel 2013, uno dei suoi Boeing 737-800 jet aveva mancato la pista di atterraggio sull'isola di Bali, schiantandosi in mare ma senza causare vittime tra le 108 persone a bordo. Non troppo tempo fa, un altro jet indonesiano era precipitato a sua volta in mare per cause sconosciute causando la morte di 180 persone. 

C’era anche un passeggero italiano di cui la Farnesina non ha ancora reso noto il nome. Il Boeing 737-800 era decollato alle 6:20 circa ora locale (00:20 in Italia). A bordo c’erano 189 persone (tra passeggeri ed equipaggio). Secondo i soccorritori non ci sono sopravvissuti. Tra le vittime ci sono un neonato e due bambini piccoli. I funzionari indonesiani della squadra dei soccorsi hanno reso noto che alcuni resti umani delle vittime sono stati recuperati.

A riferire della presenza dell’italiano tra i passeggeri è stato il presidente di Lion Air Edward Sirait. L’italiano, insieme a un pilota indiano, erano gli unici due non indonesiani a bordo.

Sono ancora ignote le cause dell’incidente, ma la compagnia aerea privata ha riferito che il velivolo domenica aveva avuto un problema tecnico e dopo il decollo il pilota aveva chiesto e ottenuto il permesso a rientrare a causa di un guasto. Il pilota e il co-pilota devono essersi resi conto che qualcosa non andava e infatti avevano richiesto, e ricevuto, l’autorizzazione per rientrare a Giacarta poco prima di perdere il contatto radar.

Asia
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
L'alpinista Simone Moro pronto a tentare l'impresa di recuperare i corpi ma solo se è la volontà delle famiglie. Indiscrezione dal Cai: finanzieremo l'operazione. Padre e sorella di Tom: "Resti lassù". Famiglia Nardi: "Nessuna decisione"
Libera killer del gas nervino
Libera killer del gas nervino
Una delle due donne vietnamite accusate di aver ucciso con il gas nervino il fratellastro di Kim Jong-un nell'aeroporto di Kuala Lumpur, assieme a una complice, lascia il carcere: "Bella sorpresa, non me l'aspettavo"
NANGA PARBAT COME MOBY DICK
Daniele e Tomek emuli di Achab
NANGA PARBAT COME MOBY DICK<br>Daniele e Tomek emuli di Achab
I corpi di Daniele Nardi, Tom Ballard e Tomek Mackiewicz, morto nel 2018 sul Nanga, riposano nel cuore dei ghiacciai eterni. La parabola dell'alpinista polacco forse spiega le ragioni oscure e irrazionali di una scelta per molti suicida
"Caro Daniele, eri così prudente e scrupoloso"
"Caro Daniele, eri così prudente e scrupoloso"
Lo straziante addio di Stefania, la fidanzata di ToM Ballard e il vivido ritratto di Claudio Nardi dell'amico Bruno Diotiallevi. La lettera a Daniele del suo meteorologo Filippo Thierry: "Incidente in parete". Il report di Txikon
"DANIELE E TOM ABBRACCIATI
PER SEMPRE SUL GHIACCIAIO"
"DANIELE E TOM ABBRACCIATI<br>PER SEMPRE SUL GHIACCIAIO"
L'alpinista Alex Txikon interrompe le ricerche di Daniele e Tom dopo una marcia di 32 km dal Mummery al campo base. Impossibile recuperare i corpi dei forti rocciatori dispersi dal 24 febbraio. Il dolore delle famiglie
Nanga Parbat, forse travolti
da una valanga enorme
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme
Ancora nessuna traccia di Daniele Nardi e Tom Ballard, dispersi da 10 giorni sulla "montagna assassina". Domenica segnalata una valanga sul Mummery preceduta da un grande boato. Domani nuove ricerche
Ancora veleni dal Nanga Parbat: insulti all'alpinista Simone Moro
Ancora veleni dal Nanga Parbat: insulti all
Mentre proseguono senza esito le ricerche di Nardi e Ballard, dispersi da 7 giorni, Simone Moro, uno dei grandi dell'alpinismo mondiale, ha eliminato un post su FB in cui celebrava la conquista della vetta nel 2016. Insulti e polemiche
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele"
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele"
L'alpinista Simone Moro, bersagliato dagli haters, risponde a tono su Facebook. Intanto il basco Alex Txikon ha concluso senza esiti la prima giornata di ricerche, sfidando i pericoli del Mummery. Domani si ricomincia
IL FANTASMA DI MUMMERY
e l'inquietante profezia su Daniele
IL FANTASMA DI MUMMERY<br>e l
Lo scalatore aveva rivelato di avere avuto una visione dello scalatore inglese ucciso da una valanga nel 1895 sul Nanga Parbat: "Perché sei venuto a trovarmi?...". Le 68 vittime della "montagna assassina". La strage dei Talebani
Daniele e Tom, attesa angosciosa
rinviata la spedizione francese
Daniele e Tom, attesa angosciosa<br>rinviata la spedizione francese
Riprendono le operazioni di soccorso, gli alpinisti russi rinunciano a causa delle valanghe. Niente soldi, non parte la missione francese con i droni. Trattativa conclusa solo dopo ore