Ancora veleni dal Nanga Parbat: insulti all'alpinista Simone Moro

| Mentre proseguono senza esito le ricerche di Nardi e Ballard, dispersi da 7 giorni, Simone Moro, uno dei grandi dell'alpinismo mondiale, ha eliminato un post su FB in cui celebrava la conquista della vetta nel 2016. Insulti e polemiche

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

Il bergamasco Simone Moro (NELLA FOTO), un grande dell’alpinismo italiano e internazionale, che ha vinto la sfida invernale con il Nanga Pargat proprio nel febbraio 2016, aveva pubblicato un post sul suo profilo Facebook per celebrare un’impresa leggendaria, con un retroscena illuminante di un modo di vivere la montagna. La sua compagna di cordata, Tamara Lunger, salita con lui e due alpinisti pakistani, si fermò a 70 metri dalla vetta (8162 mt.) stremata e decise di fermarsi. Un gesto di grandissimo valore umano, nel segno di un rispetto assoluto della vita (propria e altrui) e del coraggio che ci vuole per considerare i propri limiti, un esercizio che dovrebbe valere sempre, e non solo nel mondo delle imprese estreme. Moro, che è un uomo duro e dal carattere complesso, aveva ricevuto molte critiche cattive perché quel post sembrava poco opportuno nel momento in cui si erano perse le tracce, proprio sulla “montagna assassina” di Daniele Nardi e di Tom Ballard. E proprio nel 2016, Daniele Nardi, in un lungo video su YouTube (che linkiamo) ricostruiva quanto avvenne prima della fortunata ascensione, quando Moro gli disse esplicitamente che non avrebbe scalato con lui “per mancanza di feeling”, invitandolo a tornare a casa o a tentare l’impresa in solitaria. L’ossessione del Nanga Pargat che lo inseguiva da anni divenne così una cocente e mai superata delusione. Moro racconta che “aveva ammirato lo Sperone Mummery” ma che il suo istinto di “Winter Maestro” (è uno dei suoi soprannomi) gli aveva suggerito di non provarci nemmeno. “Ci sono continue valanghe e cadute di spezzoni di ghiaccio continui, grandi come automobili”. E Reinhold Messner, che in quello spaventoso canalone perse nel 1970 il fratello Gunther, travolto da una valanga, aggiunse che “l’impresa di scalarlo era troppo pericolosa, e dopo il Mummery c’è un plateau ingombro di neve dove si affonda e raggiungere la vetta da quella via è quasi impossibile”. 

RIMOSSO IL POST CELEBRATIVO

Simone Moro ha immediatamente rimosso il post che ricordava la sua incredibile impresa e ha precisato che non si era reso conto di quanto stava accadendo al Mummery e ha scritto: “Sto seguendo le vicende che coinvolgono il nostro connazionale e collega Daniele Nardi e il suo compagno Tom Ballard, pregando per loro e sperando in un miracolo.

PER UNA TRISTE COINCIDENZA DI DATE, l'anniversario della prima salita invernale al Nanga Parbat del 26 febbraio 2016 ha coinciso con i momenti drammatici che stanno coinvolgendo i due alpinisti impegnati sulla stessa montagna. La programmazione del mio post a ricordo della nostra salita del 2016 ha attuato la pubblicazione di foto e riflessioni su quella giornata nel giorno previsto. Io NON ero ancora stato informato della situazione attuale e drammatica al Nanga e dunque la pubblicazione è avvenuta senza sapere nulla dell'inopportunità di celebrare in un momento in cui c'è sperare e pregare. Volevo dunque chiarire che non è stata mancanza di sensibilità o, peggio, di menefreghismo la pubblicazione del mio post. L'ho dunque rimosso e spero di pubblicarne un altro molto presto che celebri il lieto fine delle operazioni di salvataggio dei due alpinisti Daniele e Tom sullo sperone Mummery del Nanga Parbat”. 

Niente. Ancora commenti con critiche e insulti, a cui l’alpinista non ha più risposto ma senza cancellarli.

A Vanity Fair News Mora ha detto: «Non voglio essere né cinico né bugiardo, ma quando mi hanno detto la prima volta, martedì, cosa stava accadendo e mi hanno spiegato che non c’erano comunicazioni da due giorni ho pensato all’ipotesi peggiore. Non sa quanto vorrei sbagliarmi, Conosco la via non perché l’abbia salita, ma sono stato un anno della mia vita sotto il Nanga Parbat prima di salirlo d’inverno. Lo sperone Mummery è una vita mitica. Io l’ho guardata e riguardata, l’ho ammirata e basta. Io ne ho sempre avuto paura perché secondo me ha un coefficiente di pericolosità mostruosamente più alto rispetto al rischio che io voglio prendermi nella vita, Da quella via ho sempre visto venire giù valanghe, milioni di metri cubi di ghiaccio perché in cima ci sono due seracchi sospesi che scaricano blocchi grandi quanto automobili. È come trovarsi sotto un palazzo di 10 piani che sta crollando».

Poi: «Nardi era al suo quinto tentativo e aveva già salito il Nanga Parbat, certamente le abilità tecniche le hanno entrambi gli alpinisti. È innamorato di quella via ed è quello che la conosce meglio al mondo. Se è tornato per la quinta volta significa che in coscienza non la reputava così pericolosa. Salire quella via in inverno sarebbe la salita più importante della sua carriera e una delle più importante al mondo. Simone Moro un mese fa ha rinunciato a scalare il Manaslu, in Himalaya, ottava cima più alta al mondo, all’ultimo momento, nonostante gli costi della spedizione:  «Io sono uno resiliente, uno che sta anche fino all’ultimo giorno al campo base, ma quest’anno le sensazioni mi dicevano che era un inverno balordo. Quando ho visto tutta la neve e le valanghe ho seguito il mio naso e me ne sono andato. Mi chiamano “Winter Maestro”, ma se sono veramente un maestro devo anche insegnare che avere fifa o tornare a casa non è per forza da deboli».

 

Video
Asia
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Centinaia di ospiti di alberghi sono stati filmati in segreto e trasmessi in diretta streaming online. Un’unità speciale della polizia è riuscita a smantellare la rete, ma il fenomeno non si arresta
Hong Kong e la “bolla del mattone”
Hong Kong e la “bolla del mattone”
L’ex colonia britannica sta facendo i conti con speculazioni edilizie che cambiano il volto della città, facendole perdere parte delle costruzioni del passato. A rischio scomparsa anche la casa di Bruce Lee
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
L'alpinista Simone Moro pronto a tentare l'impresa di recuperare i corpi ma solo se è la volontà delle famiglie. Indiscrezione dal Cai: finanzieremo l'operazione. Padre e sorella di Tom: "Resti lassù". Famiglia Nardi: "Nessuna decisione"
Libera killer del gas nervino
Libera killer del gas nervino
Una delle due donne vietnamite accusate di aver ucciso con il gas nervino il fratellastro di Kim Jong-un nell'aeroporto di Kuala Lumpur, assieme a una complice, lascia il carcere: "Bella sorpresa, non me l'aspettavo"
NANGA PARBAT COME MOBY DICK
Daniele e Tomek emuli di Achab
NANGA PARBAT COME MOBY DICK<br>Daniele e Tomek emuli di Achab
I corpi di Daniele Nardi, Tom Ballard e Tomek Mackiewicz, morto nel 2018 sul Nanga, riposano nel cuore dei ghiacciai eterni. La parabola dell'alpinista polacco forse spiega le ragioni oscure e irrazionali di una scelta per molti suicida
"Caro Daniele, eri così prudente e scrupoloso"
"Caro Daniele, eri così prudente e scrupoloso"
Lo straziante addio di Stefania, la fidanzata di ToM Ballard e il vivido ritratto di Claudio Nardi dell'amico Bruno Diotiallevi. La lettera a Daniele del suo meteorologo Filippo Thierry: "Incidente in parete". Il report di Txikon
"DANIELE E TOM ABBRACCIATI
PER SEMPRE SUL GHIACCIAIO"
"DANIELE E TOM ABBRACCIATI<br>PER SEMPRE SUL GHIACCIAIO"
L'alpinista Alex Txikon interrompe le ricerche di Daniele e Tom dopo una marcia di 32 km dal Mummery al campo base. Impossibile recuperare i corpi dei forti rocciatori dispersi dal 24 febbraio. Il dolore delle famiglie
Nanga Parbat, forse travolti
da una valanga enorme
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme
Ancora nessuna traccia di Daniele Nardi e Tom Ballard, dispersi da 10 giorni sulla "montagna assassina". Domenica segnalata una valanga sul Mummery preceduta da un grande boato. Domani nuove ricerche
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele"
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele"
L'alpinista Simone Moro, bersagliato dagli haters, risponde a tono su Facebook. Intanto il basco Alex Txikon ha concluso senza esiti la prima giornata di ricerche, sfidando i pericoli del Mummery. Domani si ricomincia
IL FANTASMA DI MUMMERY
e l'inquietante profezia su Daniele
IL FANTASMA DI MUMMERY<br>e l
Lo scalatore aveva rivelato di avere avuto una visione dello scalatore inglese ucciso da una valanga nel 1895 sul Nanga Parbat: "Perché sei venuto a trovarmi?...". Le 68 vittime della "montagna assassina". La strage dei Talebani