"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele"

| L'alpinista Simone Moro, bersagliato dagli haters, risponde a tono su Facebook. Intanto il basco Alex Txikon ha concluso senza esiti la prima giornata di ricerche, sfidando i pericoli del Mummery. Domani si ricomincia

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

“Non tirate fuori la storia del 2016. Non eravate lì e non sapete nulla di cosa è successo e come sono andate le cose. Inoltre ora è tempo di pregare e stare vicino alle famiglie non di esprimere opinioni, sentenze, anatemi, minacce o mandarmi messaggi di odio e maledizioni. Non aiutano e non cambiano la situazione ed io non ho voglie di polemiche. Scannatevi su un altro profilo non il mio per cortesia”. Può sembrare incredibile ma anche in un momento tragico come questo, quando ci sono alpinisti che stanno rischiando la vita in un ultimo estremo tentativo di capire cosa è accaduto sullo Sperone Mummery del Nanga Parbat, gli “alpinisti da tastiera”, al caldo dei loro salotti, continuano ad attaccare Il grande rocciatore bergamasco. E’ vero, bel 2016, quando lui e altri conquistarono il Nanga in inverno ci furono dissapori con Daniele Nardi; quando poi c’è l’emergenza l’alpinismo torna ai suoi valori fondanti. E Moro, in più occasioni, ha espresso tutta la sua vicinanza a Daniele, Tom e alle loro famiglie e segue con apprensione l’evolversi della situazione. Gli insulti e le polemiche contro l’alpinista bergamasco non si contano più, sui suoi profili social. Non vale la pena nemmeno di riportarne il contenuto nè il senso. 

Anche il basco Andrè Txikon (nella foto) aveva avuto più di un contrasto con Daniele, un uomo vero, che se deve discutere lo fa in modo diretto e non dietro le spalle, ma oggi l’alpinista basco sta sfidando, con altri due colleghi pachistani, le valanghe e le insidie della parete del Mummery, per trovare le tracce dei due dispersi da domenica. Stanno mettendo a rischio la loro vita. Purtroppo senza risultati, per ora. Hanno trovato, al campo 2, la tenda di Daniele e Tom, con alcuni effetti personali, ma niente di più. Nessuna traccia anche nel tratto tra il campo 3 e il campo 4, a oltre 6 mila metri che sarebbe stato raggiunto prima di interrompere le comunicazioni con la base. Domani, sempre a bordo degli elicotteri dell’Esercito pakistano, il team di soccorritori, di cui fa parte anche un medico, riprenderà le ricerche.

 

Ecco la nota di oggi: “Alex Txikon pochi minuti prima delle 11, ora italiana, ha chiamato per informare che era nei pressi di campo 1, in discesa. In mattinata la sua squadra aveva raggiunto il plateau di seracchi sopra campo 2, a 300 metri in linea d’aria da campo 3. Con loro avevano i droni con i quali hanno provato in tutti i modi ad esplorare ogni possibilità sul terreno che potesse segnalare una traccia della presenza di Daniele e Tom, riuscendo a farne volare uno fino a 6500 metri di quota. Un drone è stato perso durante la perlustrazione. Ma non è stato visto nulla. Nemmeno campo 3.
La temperatura molto bassa sulla parete Diamir e il rischio elevato di caduta di valanghe non hanno consentito al gruppo di raggiungere a piedi campo 3. Per gli stessi motivi si è deciso di non proseguire nelle ricerche e di rientrare al campo base che è stato raggiunto nel pomeriggio. Le relazioni dettagliate di Txikon alla famiglia e al Gruppo di ricerca hanno consentito di valutare un’ulteriore ricognizione nella giornata di domani con obbiettivo principale l’esplorazione della zona della via Kinshofer, la via di salita e discesa maggiormente percorsa e normalmente attrezzata con corde che rimangono infisse in parete, che potrebbe essere stata scelta dai Nardi e Ballard per la discesa. La speranza rimane accesa e si affida alla generosità di Alex e del gruppo di amici che stanno operando al Nanga Parbat. Ringraziamo anche i tanti amici che in questo momento stanno dimostrando tutto il loro affetto alla famiglia di Daniele”.


Per sapere qualcosa di più di Daniele, chi è veramente questo alpinista nato in pianura, bisogna leggere questo servizio dell’amico Dario Ricci sul Sole24ore.

 https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2019-03-04/tra-ricordi-e-progetti-scoperta-daniele-nardi-alpinista-e-amico-183421.shtml?uuid=AB9KcWaB&fbclid=IwAR302u74Ru0lmQqLyCFeEHGq4i0BH8vI4RdUENKdq0voscn0Zo9BUojD4h8

Galleria fotografica
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele" - immagine 1
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele" - immagine 2
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele" - immagine 3
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele" - immagine 4
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele" - immagine 5
Asia
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Centinaia di ospiti di alberghi sono stati filmati in segreto e trasmessi in diretta streaming online. Un’unità speciale della polizia è riuscita a smantellare la rete, ma il fenomeno non si arresta
Hong Kong e la “bolla del mattone”
Hong Kong e la “bolla del mattone”
L’ex colonia britannica sta facendo i conti con speculazioni edilizie che cambiano il volto della città, facendole perdere parte delle costruzioni del passato. A rischio scomparsa anche la casa di Bruce Lee
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
L'alpinista Simone Moro pronto a tentare l'impresa di recuperare i corpi ma solo se è la volontà delle famiglie. Indiscrezione dal Cai: finanzieremo l'operazione. Padre e sorella di Tom: "Resti lassù". Famiglia Nardi: "Nessuna decisione"
Libera killer del gas nervino
Libera killer del gas nervino
Una delle due donne vietnamite accusate di aver ucciso con il gas nervino il fratellastro di Kim Jong-un nell'aeroporto di Kuala Lumpur, assieme a una complice, lascia il carcere: "Bella sorpresa, non me l'aspettavo"
NANGA PARBAT COME MOBY DICK
Daniele e Tomek emuli di Achab
NANGA PARBAT COME MOBY DICK<br>Daniele e Tomek emuli di Achab
I corpi di Daniele Nardi, Tom Ballard e Tomek Mackiewicz, morto nel 2018 sul Nanga, riposano nel cuore dei ghiacciai eterni. La parabola dell'alpinista polacco forse spiega le ragioni oscure e irrazionali di una scelta per molti suicida
"Caro Daniele, eri così prudente e scrupoloso"
"Caro Daniele, eri così prudente e scrupoloso"
Lo straziante addio di Stefania, la fidanzata di ToM Ballard e il vivido ritratto di Claudio Nardi dell'amico Bruno Diotiallevi. La lettera a Daniele del suo meteorologo Filippo Thierry: "Incidente in parete". Il report di Txikon
"DANIELE E TOM ABBRACCIATI
PER SEMPRE SUL GHIACCIAIO"
"DANIELE E TOM ABBRACCIATI<br>PER SEMPRE SUL GHIACCIAIO"
L'alpinista Alex Txikon interrompe le ricerche di Daniele e Tom dopo una marcia di 32 km dal Mummery al campo base. Impossibile recuperare i corpi dei forti rocciatori dispersi dal 24 febbraio. Il dolore delle famiglie
Nanga Parbat, forse travolti
da una valanga enorme
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme
Ancora nessuna traccia di Daniele Nardi e Tom Ballard, dispersi da 10 giorni sulla "montagna assassina". Domenica segnalata una valanga sul Mummery preceduta da un grande boato. Domani nuove ricerche
Ancora veleni dal Nanga Parbat: insulti all'alpinista Simone Moro
Ancora veleni dal Nanga Parbat: insulti all
Mentre proseguono senza esito le ricerche di Nardi e Ballard, dispersi da 7 giorni, Simone Moro, uno dei grandi dell'alpinismo mondiale, ha eliminato un post su FB in cui celebrava la conquista della vetta nel 2016. Insulti e polemiche
IL FANTASMA DI MUMMERY
e l'inquietante profezia su Daniele
IL FANTASMA DI MUMMERY<br>e l
Lo scalatore aveva rivelato di avere avuto una visione dello scalatore inglese ucciso da una valanga nel 1895 sul Nanga Parbat: "Perché sei venuto a trovarmi?...". Le 68 vittime della "montagna assassina". La strage dei Talebani