Cina choc, via ai campi di concentramento

| Istituiti nello Xinjiang per "rieducare" al marxismo-leninismo la minoranza musulmana uighira. Imprigionate migliaia di persone, bambini separati dalle famiglie. Assurde imposizioni

+ Miei preferiti

Ora i campi di concentramento si chiamano campi di istruzione. La Cina di Xi rivela un volto nuovo, dopo le aperture degli anni scorsi, molto più minaccioso e ideologico. L'estrema regione nord-occidentale dello Xinjiang ha infatti "legalizzato" i campi di internamento dove sono detenuti fino a un milione di musulmani della minoranza uighira di lingua turca. Nonostante le crescenti critiche internazionali, le autorità cinesi hanno rivisto la legislazione per consentire al governo regionale di permettere ufficialmente l'uso di "centri di istruzione e formazione" per incarcerare "persone influenzate dall’estremismo". Nei mesi scorsi erano state bandite dai market le confezioni di cibo Halal, giudicate come espressione di un modo di opporsi alla laicità dello Stato “marxista-leninista”. Le autorità cinesi negano però l'esistenza dei lager, ma dicono che “piccoli criminali vengono inviati ai centri di formazione professionale” in vista di un “recupero sociale”. Gli ex detenuti dicono di essere stati costretti a denunciare l'Islam e a professare fedeltà al partito comunista in quelli che definiscono campi di indottrinamento politico.

"È una giustificazione retrospettiva per la detenzione di massa di uiguri, kazaki e altre minoranze musulmane nello Xinjiang", ha detto al Guardian James Leibold, studioso delle politiche etniche cinesi della La Trobe University di Melbourne. "Si tratta di una nuova forma di rieducazione che non ha precedenti e non ha davvero una base giuridica, li vedo in seria difficoltà per cercare di creare una base giuridica a questa politica”. Ora, con le nuove norme, ”si possono stabilire centri di formazione professionale, organizzazioni di trasformazione dell'istruzione e dipartimenti di gestione per trasformare le persone influenzate dall'estremismo attraverso l’istruzione". Una nuova clausola impone la lingua mandarina anche nelle “conversazioni private” e l’istruzione professionale e legale, così come "educazione ideologica, riabilitazione psicologica e correzione del comportamento”. Già la legislazione originale annunciata nel 2017 vietava l'uso di veli, "discorsi e comportamenti estremi" e il rifiuto di ascoltare le trasmissioni radiofoniche e televisive pubbliche.

Pechino ha passato decenni a cercare di sopprimere il sentimento di indipendenza nello Xinjiang, alimentato in parte dalla frustrazione per l'afflusso di migranti provenienti dalla maggioranza Han cinese. Le autorità affermano che gli estremisti hanno legami con gruppi terroristici stranieri, ma hanno fornito poche prove a sostegno dell'affermazione.

I membri degli uiguri, dei kazaki e di altre minoranze musulmane che vivono all'estero dicono di non essere stati in grado di contattare i parenti in Cina, mentre le autorità collocano i bambini separati dai loro genitori detenuti o esiliati in decine di orfanotrofi statali in tutto lo Xinjiang. La Cina è stata sottoposta a crescenti pressioni da parte degli Stati Uniti e dell'Unione Europea dopo che in agosto un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha affrontato i diplomatici cinesi per le segnalazioni di detenzioni di massa arbitrarie e le dure misure di sicurezza nei confronti dei musulmani.

"Indipendentemente da queste revisioni, credo ancora che la pratica di detenere coercitivamente gli uiguri e altre minoranze musulmane nello Xinjiang in 'attraverso centri di trasformazione' non solo viola il diritto cinese, ma anche le norme giuridiche internazionali contro la privazione extragiudiziale della libertà", ha concluso Leibold.

 

Asia
Caso Huawei, la vendetta cinese
Caso Huawei, la vendetta cinese
Arrestati dal 10 dicembre due cittadini canadesi che lavorano in Cina, con accuse non ancora chiare. Probabile ritorsione dopo l'arresto della top manager Huawei arrestata in Canada per i suoi contatti con l'Iran
Lady Huawei libera su cauzione
Lady Huawei libera su cauzione
La Cina aveva convocato l'ambasciatore Usa per protestare contro l'arresto della manager, accusata di avere ceduto tecnologie agli iraniani. Cauzione da 7 milioni 500 mila dollari. Non può lasciare il Canada
Kim beffa Trump, nuova base missilistica
Kim beffa Trump, nuova base missilistica
I media Usa pubblicato le foto di una base missilistica in grado di ospitare i missili a largo raggio. Il Pentagono non conferma né smentisce
Soldato di Kim diserta e fugge al Sud
Soldato di Kim diserta e fugge al Sud
E' accaduto al confine con la Nord Corea. Il militare sarà interrogato dagli ufficiali dell'Esercito del Sud
Il Sol Levante schiera gli F-35 invisibili
per bloccare l'espansione cinese
Il Sol Levante schiera gli F-35 invisibili<br>per bloccare l
Il Giappone acquista dagli Usa 100 F-35 nella versione adatta alle portaerei. Pronta la trasformazione di alcuni cacciatorpedinieri. Un severo monito alle mire espansionistiche della Cina. Commessa da 200 miliardi di dollari
Cina, arrestato il reporter Lu Guang
Cina, arrestato il reporter Lu Guang
E' uno dei più noti fotografi cinesi e vive negli Stati Un iti da tempo. E' stato fermato nel Xinijang, stava facendo un reportage sull'inquinamento. L'intervento del governo Usa
Hanno tentato per 26 volte di salvare l'aereo
Hanno tentato per 26 volte di salvare l
L'analisi della scatola nera del volo 610 ha ricostruito gli ultimi muniti prima dello schianto nel Mare di Giava, con 189 morti. Un guasto nel software ha impedito ai piloti di modificare la rotta. Interrogativi ancora irrisolti
Il corpo del missionario Usa non si trova
Il corpo del missionario Usa non si trova
John Allen Chau, 26 anni, voleva convertire gli indigeni ma è stato trafitto dalle frecce. Le autorità impegnate nel recupero del corpo, forse sepolto nella giungla
Giappone, la terra dei giovani suicidi
Giappone, la terra dei giovani suicidi
Dati sconcertanti raccontano di un aumento esponenziale di giovanissimi che scelgono di togliersi la vita. Il governo ha promesso di diminuirli della metà entro pochi anni
Lion Air, recuperata la scatola nera
Lion Air, recuperata la scatola nera
Il relitto dell'aereo precipitato in mare è stato raggiunto senza difficoltà dai sommozzatori. L'analisi dei file consentirà di chiare le cause di un incidente costato 188 morti, tra cui l'italiano Andrea Manfredi