Corea del Sud, paradiso delle patenti

| Ogni anno, migliaia di cinesi volano sull’isola di Jeju, le “Hawaii of Korea”, per prendere la patente: è più pratico, veloce, costa meno e intorno c’è in un vero paradiso terrestre

+ Miei preferiti
È sempre scoraggiante rimanere bloccati nel traffico, ma mai quando al di là del finestrino c’è un’isola semi-tropicale è ancora peggio. Jeju è il nuovo paradiso delle vacanze della Corea del Sud, un’isola vulcanica a 160 km dalla punta sud-occidentale della penisola. È particolarmente popolare ai turisti cinesi, che ogni anno fanno registrare 300.000 presenze, attirati dalle spiagge di Jeju, lo shopping, il gioco d'azzardo. E dalle patenti di guida. Molti costruiscono un’intera vacanza intorno al “Driver’s Licence Examination Centre”, dove passano giorni interi a compilare moduli, mettersi in fila e fare gli esami. Se hanno la fortuna di passare al primo colpo, c’è tutto il tempo per andare in spiaggia.

Le vacanze costruite attorno ad uno scopo pratico non sono nuove: in tanti oggi attraversano il globo per sottoporsi a interventi di chirurgia estetica, fertilità o semplicemente per assistere ad una partita di calcio. Ci sono città che hanno costruito la loro reputazione intorno alle specialità: Los Algodones, in Messico, è “Molar City” per i cittadini americani che volano da quelle parti per risparmiare sui lavori dentali, mentre Hoi An, in Vietnam, è famosa per la sartorie che realizzano impaccabili abiti su misura a prezzi stracciatissimi.

Il turismo della patente sull’isola di Jeju è un fenomeno recente, ma sta crescendo rapidamente. Secondo il Driver’s Licence Examination Centre, solo quest'anno sono stati certificati 2.172 cittadini cinesi, con una media di 62 a settimana. Nel 2010, il totale annuale era di appena 68.

Il rapporto qualità-costo è una motivazioni enormi in questo segmento di 'turismo pratico': per gli aspiranti automobilisti cinesi, prendere la patente in Corea del Sud rappresenta un vantaggio enorme. Non solo un viaggio a Jeju costa come l'iscrizione ad una scuola guida nelle grandi metropoli cinesi, ma è anche molto più veloce. I tour operator cinesi offrono cinque giorni di vacanza per ottenere la licenza per le “Hawaii della Corea del Sud”: i pacchetti partono da circa 8.800 yuan (1.100 euro circa) e includono perfino visite turistiche alle bellezze di Jeju. L’hotel, le pratiche dei documenti per la patente, il trasporto e le guide sono incluse, basta aggiungere al conto finale i voli e i pasti. Può sembrare costoso, ma i pacchetti di guida a Pechino possono superare i 15.000 yuan (2.200 euro) e richiedere mesi e mesi per essere completati.

Il trucco è che la Cina, come molti altri paesi, permette di sostituire le licenze valide di altre nazioni con una patente locale. Così, una volta passato l’esame, i cinesi tornano in patria e possono convertire la patente sudcoreana semplicemente superando un test scritto. Ma c’è un altro motivo per cui i turisti cinesi ritengono che l’iter coreano per la patente sia una scelta migliore: l’esame di guida cinese è molto severo, quello coreano molto più semplice. In entrambi i paesi include controlli medici, esami scritti, una prova di guida su percorso chiuso e uno su strada. Ma in Cina, la prova scritta si articola su 100 domande contro le 40 della Corea del Sud e perfino il punteggio da raggiungere è più complicato: per passare l’esame, la Cina richiede un punteggio finale del 90%, mentre in Corea del Sud basta il 60%.

A questo si aggiungono i tempi pratici: a causa della forte domanda, in Cina ogni passaggio del test può richiedere settimane prima di essere completato. E coloro che per caso non superano uno solo dei passaggi sono costretti a ricominciare da capo. A Jeju, al contrario, spesso basta un solo pomeriggio per completare più passaggi dell’esame.

Yingqin Cui, titolare della “Jeju Island HD Driving School”, è collegato con una scuola guida locale, e nel pacchetto viaggio più gettonato include 13 ore complessive di formazione, di cui quattro di corso pratico e sei di guida su strada. In base alla sua esperienza, sono pochi quelli che non riescono a ottenere la patente.

Le licenze sudcoreane non sono solo accessibili, ma anche versatili: negli anni fra il 1940 ed il 1960, una serie di convenzioni delle Nazioni Unite ha creato la patente di guida internazionale che permette di guidare e noleggiare auto in paesi stranieri. La Cina non ha partecipato a queste convenzioni, rendendo le patenti cinesi incompatibili all’estero, mentre quelle sudcoreane lo sono, trasformandole in qualcosa di molto ambito per i viaggiatori.

Anche la lingua è un altro fattore importante: nel Regno Unito, ad esempio, gli esami di guida possono essere somministrati solo in inglese o gallese. A Jeju, la domanda e l’esame scritto sono disponibili anche in cinese e inglese. Per finire con l’ultimo dei punti a favore di Jeju: a differenza del continente, sull'isola non c’è l’obbligo del visto per i turisti cinesi. E poi, dicono in tanti, vuoi mettere aspettare il giorno dell’esame seduto su una spiaggia, accanto ad un barbecue?

Asia
Caso Huawei, la vendetta cinese
Caso Huawei, la vendetta cinese
Arrestati dal 10 dicembre due cittadini canadesi che lavorano in Cina, con accuse non ancora chiare. Probabile ritorsione dopo l'arresto della top manager Huawei arrestata in Canada per i suoi contatti con l'Iran
Lady Huawei libera su cauzione
Lady Huawei libera su cauzione
La Cina aveva convocato l'ambasciatore Usa per protestare contro l'arresto della manager, accusata di avere ceduto tecnologie agli iraniani. Cauzione da 7 milioni 500 mila dollari. Non può lasciare il Canada
Kim beffa Trump, nuova base missilistica
Kim beffa Trump, nuova base missilistica
I media Usa pubblicato le foto di una base missilistica in grado di ospitare i missili a largo raggio. Il Pentagono non conferma né smentisce
Soldato di Kim diserta e fugge al Sud
Soldato di Kim diserta e fugge al Sud
E' accaduto al confine con la Nord Corea. Il militare sarà interrogato dagli ufficiali dell'Esercito del Sud
Il Sol Levante schiera gli F-35 invisibili
per bloccare l'espansione cinese
Il Sol Levante schiera gli F-35 invisibili<br>per bloccare l
Il Giappone acquista dagli Usa 100 F-35 nella versione adatta alle portaerei. Pronta la trasformazione di alcuni cacciatorpedinieri. Un severo monito alle mire espansionistiche della Cina. Commessa da 200 miliardi di dollari
Cina, arrestato il reporter Lu Guang
Cina, arrestato il reporter Lu Guang
E' uno dei più noti fotografi cinesi e vive negli Stati Un iti da tempo. E' stato fermato nel Xinijang, stava facendo un reportage sull'inquinamento. L'intervento del governo Usa
Hanno tentato per 26 volte di salvare l'aereo
Hanno tentato per 26 volte di salvare l
L'analisi della scatola nera del volo 610 ha ricostruito gli ultimi muniti prima dello schianto nel Mare di Giava, con 189 morti. Un guasto nel software ha impedito ai piloti di modificare la rotta. Interrogativi ancora irrisolti
Il corpo del missionario Usa non si trova
Il corpo del missionario Usa non si trova
John Allen Chau, 26 anni, voleva convertire gli indigeni ma è stato trafitto dalle frecce. Le autorità impegnate nel recupero del corpo, forse sepolto nella giungla
Giappone, la terra dei giovani suicidi
Giappone, la terra dei giovani suicidi
Dati sconcertanti raccontano di un aumento esponenziale di giovanissimi che scelgono di togliersi la vita. Il governo ha promesso di diminuirli della metà entro pochi anni
Lion Air, recuperata la scatola nera
Lion Air, recuperata la scatola nera
Il relitto dell'aereo precipitato in mare è stato raggiunto senza difficoltà dai sommozzatori. L'analisi dei file consentirà di chiare le cause di un incidente costato 188 morti, tra cui l'italiano Andrea Manfredi