La modella e il sultano

| Muhammad V di Kelantan ha abdicato per dedicarsi anima, e soprattutto corpo, a Oksana Voevodina, ex Miss Russia diventata sua moglie dopo un matrimonio (quasi) segreto

+ Miei preferiti
Ventinove milioni di malaysiani sono indecisi: non sanno se ridere o dispiacersi. Il loro re, il sultano Muhammad V di Kelantan, nome abbreviatissimo del brigadier generale Paduka Sri Muhammad V ibni Sultan Ismail Petra, ha appena abdicato, ed è la prima volta nella storia del Paese asiatico. Una rinuncia al trono che ha un motivo ufficiale, legato a motivi di salute, ed uno ufficioso che al contrario coincide con il nome di Oksana Voevodina, Miss Russia 2015 e con una collezione di scatti disponibile in rete che lasciano poco all’immaginazione.

Il sultano, 49 anni contro i 25 di colei che è stata ribattezzata la “Meghan Markle russa”, non si faceva vedere in giro da almeno due mesi. Periodo in cui è filtrata la notizia delle nozze con la bella Oksana, che avrebbe sposato con una sontuosa e quasi segreta cerimonia a Barvikha, uno dei sobborghi più esclusivi di Mosca, malgrado il veto imposto dal protocollo di corte.

Una notizia che dal palazzo reale di Kuala Lumpur non ha mai avuto alcuna conferma e numerosi “no comment”, tentando di liquidare la faccenda come semplici pettegolezzi. L’abdicazione non avrà alcun effetto sul governo malaysiano, perché la carica a cui Muhammad V ha rinunciato è in realtà elettiva: ogni cinque anni viene votato dai nove sultani del consiglio dei reggenti, che compongono i sultanati in cui è diviso il Paese del sud-est asiatico. E anche se Oksana Voevodina ha rinunciato al suo nome russo, assumendo quello di Rihana Oxana Gorbatenko, e si è convertita all’Islam, il sultano non avrà vita facile, dovendo tornare sul trono del Kelantan, uno dei più conservatori del Paese e dove non sarà semplice far accettare una donna di cui esistono ampie esposizioni epidermiche e più volte finita sui tabloid di mezzo mondo per alcune effusioni hot che hanno fatto la fortuna di un paio di talent a cui ha partecipato. I due si sarebbero conosciuti nel 2017 in Europa, un anno dopo la salita al trono del suo nuovo marito.

Muhammad V di Kelatan, classe 1969, ha studiato presso le più prestigiose scuole malaysiane, inglesi e tedesche: il 30 marzo 1979 viene nominato erede apparente con il titolo di “Tengku Mahkota”, salendo al trono nel maggio del 2009, quando suo padre Ismail Petra è colpito da un ictus. Conosciuto per la passione per le auto sportive e gli sport estremi, nel 2004 sposa Kangsadal Pipitpakdee, membro dell’ex famiglia reale di Pattani, da cui divorzia quattro anni dopo. 

Oksana Andreyeva Voevo, nata nel 1993, è figlia di un chirurgo ortopedico e un’ex modella nota in Unione Sovietica negli anni Novanta. Frequenta l’università “Plekhanov”, una delle più esclusive di Mosca, e nel 2015 conquista la fascia di Miss Russia. Ha un debole per gli skaters e i bikers, dichiarando anni fa di “essere attratta da ragazzi spericolati”. Più di recente ha invece ammesso di “essere alla ricerca di un uomo capofamiglia che però non deve guadagnare meno di me”. È stata accontentata.

Galleria fotografica
La modella e il sultano - immagine 1
La modella e il sultano - immagine 2
La modella e il sultano - immagine 3
La modella e il sultano - immagine 4
La modella e il sultano - immagine 5
La modella e il sultano - immagine 6
La modella e il sultano - immagine 7
La modella e il sultano - immagine 8
La modella e il sultano - immagine 9
La modella e il sultano - immagine 10
La modella e il sultano - immagine 11
La modella e il sultano - immagine 12
La modella e il sultano - immagine 13
Asia
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Corea del Sud, telecamere spia negli hotel
Centinaia di ospiti di alberghi sono stati filmati in segreto e trasmessi in diretta streaming online. Un’unità speciale della polizia è riuscita a smantellare la rete, ma il fenomeno non si arresta
Hong Kong e la “bolla del mattone”
Hong Kong e la “bolla del mattone”
L’ex colonia britannica sta facendo i conti con speculazioni edilizie che cambiano il volto della città, facendole perdere parte delle costruzioni del passato. A rischio scomparsa anche la casa di Bruce Lee
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
L'alpinista Simone Moro pronto a tentare l'impresa di recuperare i corpi ma solo se è la volontà delle famiglie. Indiscrezione dal Cai: finanzieremo l'operazione. Padre e sorella di Tom: "Resti lassù". Famiglia Nardi: "Nessuna decisione"
Libera killer del gas nervino
Libera killer del gas nervino
Una delle due donne vietnamite accusate di aver ucciso con il gas nervino il fratellastro di Kim Jong-un nell'aeroporto di Kuala Lumpur, assieme a una complice, lascia il carcere: "Bella sorpresa, non me l'aspettavo"
NANGA PARBAT COME MOBY DICK
Daniele e Tomek emuli di Achab
NANGA PARBAT COME MOBY DICK<br>Daniele e Tomek emuli di Achab
I corpi di Daniele Nardi, Tom Ballard e Tomek Mackiewicz, morto nel 2018 sul Nanga, riposano nel cuore dei ghiacciai eterni. La parabola dell'alpinista polacco forse spiega le ragioni oscure e irrazionali di una scelta per molti suicida
"Caro Daniele, eri così prudente e scrupoloso"
"Caro Daniele, eri così prudente e scrupoloso"
Lo straziante addio di Stefania, la fidanzata di ToM Ballard e il vivido ritratto di Claudio Nardi dell'amico Bruno Diotiallevi. La lettera a Daniele del suo meteorologo Filippo Thierry: "Incidente in parete". Il report di Txikon
"DANIELE E TOM ABBRACCIATI
PER SEMPRE SUL GHIACCIAIO"
"DANIELE E TOM ABBRACCIATI<br>PER SEMPRE SUL GHIACCIAIO"
L'alpinista Alex Txikon interrompe le ricerche di Daniele e Tom dopo una marcia di 32 km dal Mummery al campo base. Impossibile recuperare i corpi dei forti rocciatori dispersi dal 24 febbraio. Il dolore delle famiglie
Nanga Parbat, forse travolti
da una valanga enorme
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme
Ancora nessuna traccia di Daniele Nardi e Tom Ballard, dispersi da 10 giorni sulla "montagna assassina". Domenica segnalata una valanga sul Mummery preceduta da un grande boato. Domani nuove ricerche
Ancora veleni dal Nanga Parbat: insulti all'alpinista Simone Moro
Ancora veleni dal Nanga Parbat: insulti all
Mentre proseguono senza esito le ricerche di Nardi e Ballard, dispersi da 7 giorni, Simone Moro, uno dei grandi dell'alpinismo mondiale, ha eliminato un post su FB in cui celebrava la conquista della vetta nel 2016. Insulti e polemiche
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele"
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele"
L'alpinista Simone Moro, bersagliato dagli haters, risponde a tono su Facebook. Intanto il basco Alex Txikon ha concluso senza esiti la prima giornata di ricerche, sfidando i pericoli del Mummery. Domani si ricomincia