Nanga Parbat, forse travolti
da una valanga enorme

| Ancora nessuna traccia di Daniele Nardi e Tom Ballard, dispersi da 10 giorni sulla "montagna assassina". Domenica segnalata una valanga sul Mummery preceduta da un grande boato. Domani nuove ricerche

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

Le autorità pakistane hanno ripreso le ricerche, dopo un'interruzione per inviare gli eclitteri su un'altra emergenza, di Daniele Nardi e del britannico Tom Ballard. I due scalatori risultano dispersi da una decina di giorbi. Secondo alcuni, i due sarebbero stati travolti nel corso della notte del 24 febbraio da "un'enorme valanga" il cui boato sarebbe stato avvertito anche in villaggi a grande distanza. Nardi e Ballard stavano tentando l'ascesa della "montagna assassina", la nona vetta più alta del mondo, per la via mai esplorata dello sperone Mummery. Il 28 febbraio un esperto scalatore pakistano, Ali Sadpara, aveva detto di aver visto da un elicottero militare pakistano su cui si trovava una tenda "invasa dalla neve" e "tracce di una valanga".
Ballard era figlio di Alison Hargreaves, morta nella discesa dal K2 nel 1995,  la prima donna a conquistare da sola l'Everest in stile alpino, senza bombole e sherpa.

Le Iene di Mediaset, che seguivano la spedizione sul Nanga Parbat da mesi,  hanno trasmesso un’intervista, poco prima della partenza per il Pakistan, di Daniel Nardi, in cui l’alpinista non solo non nasconde i pericoli di affrontare lo Sperone Mummery, da cui mai nessuno, nonostante le decine di tentativi, è mai uscito vivo, con una sola eccezione. Quella di Reinhold Messner che, nel 1970, dopo avere scalato il Nanga, stremato dalla fatica, con il fratello Gunther, per arrivare al più presto al campo base, deciso di affrontare il Mummery in discesa. Ebbene, Reinhold ci riuscì, Gunther morì travolto da una  valanga. 

Nardi, in un’intervista alle Iene, spiega bene qual’è stato lo spirito di un impresa che, se fosse riuscita, sarebbe entrata nella storia mondiale dell’alpinismo, inserendo così Nardi nell’Olimpo degli scalatori, e sicuro vincitore del Piolet d’Or, il massimo riconoscimento che corrisponde al premio Oscar per il cinema. Ci aveva provato altre volte e non si nascondeva la possibilità di non tornare più a casa, lasciando però un messaggio speciale per il figlio Mattia, nato a settembre, in cui lo invita, comunque, a “lottare sempre per un’idea”, a “crederci sempre” nonostante le conseguenze, anche le più estreme. Alla domanda se mai si sentisse un aspirante suicida, Daniele aveva risposto che no, affatto, che “credeva nella vita” ma anche nella sfide più affascinanti e anche pericolose. “La via del Mummery è la più elegante, la più breve per la vetta del Nanga Parbat. E voglio tentare di farla”. Poi l’elenco dei fattori più a rischio: valanghe, blocchi di ghiaccio, venti impetuosi. Poche parole su Tom Ballard: “E’ un grande scalatore, perfettamente allenato, e ha scelto di venire con me”.



Il 26 dicembre, alla vigilia della sfortunata spedizione, Daniele Nardi e altri compomenti del team avevano incontraro la comunità di Ser:"...I bambini? Sono tornati a casa felici di aver passato un pomeriggio felice, con penne e quaderni, qualche calzettone da calcio che gli facevano da pantaloni per quanto sono lunghi e le maglie luccicanti, originali, dell'Inter grazie all'amico Andrea Ranocchia che c'è le ha fatte donare. Karim quando mi incontra mi dice che i bambini erano strafelici di aver giocato con noi, che erano orgogliosi di indossare quelle maglie e che le avrebbero usate per giocare a Cricket lo sport nazionale.vVedere il sorriso stampato sul viso di tutti è stato di grande importanza per noi. Grazie ad Andrea ed a tutti quelli che hanno donato un soldo, una scarpa, o altro. Il progetto di solidarietà continuerà quindi se volete fare piccole donazioni fatelo, io ringrazio Tonino Di Blasi che ci ha permesso di acquistare, per ora, più di 400 quaderni, 100 penne e cibo per il villaggio di pastori".

Non solo imprese giudicati folli, caccia agli sponsor e competizione sfrenata. Daniele Nardi non ha mai voltato la testa dall'altra parte, quando attraversava Paesi ricchi di contraddizioni come il Pakistan. Amava la pace, l'amore tra i popoli. in modo semplice. Anche solo per tirare due calci a una palla assieme a un gruppo di bambini, lungo le strade polverose che portano gli Ottomila.

 
Galleria fotografica
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme - immagine 1
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme - immagine 2
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme - immagine 3
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme - immagine 4
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme - immagine 5
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme - immagine 6
Nanga Parbat, forse travolti<br>da una valanga enorme - immagine 7
Asia
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
Riportare Tom e Daniele a casa? Doloroso dilemma
L'alpinista Simone Moro pronto a tentare l'impresa di recuperare i corpi ma solo se è la volontà delle famiglie. Indiscrezione dal Cai: finanzieremo l'operazione. Padre e sorella di Tom: "Resti lassù". Famiglia Nardi: "Nessuna decisione"
Libera killer del gas nervino
Libera killer del gas nervino
Una delle due donne vietnamite accusate di aver ucciso con il gas nervino il fratellastro di Kim Jong-un nell'aeroporto di Kuala Lumpur, assieme a una complice, lascia il carcere: "Bella sorpresa, non me l'aspettavo"
NANGA PARBAT COME MOBY DICK
Daniele e Tomek emuli di Achab
NANGA PARBAT COME MOBY DICK<br>Daniele e Tomek emuli di Achab
I corpi di Daniele Nardi, Tom Ballard e Tomek Mackiewicz, morto nel 2018 sul Nanga, riposano nel cuore dei ghiacciai eterni. La parabola dell'alpinista polacco forse spiega le ragioni oscure e irrazionali di una scelta per molti suicida
"Caro Daniele, eri così prudente e scrupoloso"
"Caro Daniele, eri così prudente e scrupoloso"
Lo straziante addio di Stefania, la fidanzata di ToM Ballard e il vivido ritratto di Claudio Nardi dell'amico Bruno Diotiallevi. La lettera a Daniele del suo meteorologo Filippo Thierry: "Incidente in parete". Il report di Txikon
"DANIELE E TOM ABBRACCIATI
PER SEMPRE SUL GHIACCIAIO"
"DANIELE E TOM ABBRACCIATI<br>PER SEMPRE SUL GHIACCIAIO"
L'alpinista Alex Txikon interrompe le ricerche di Daniele e Tom dopo una marcia di 32 km dal Mummery al campo base. Impossibile recuperare i corpi dei forti rocciatori dispersi dal 24 febbraio. Il dolore delle famiglie
Ancora veleni dal Nanga Parbat: insulti all'alpinista Simone Moro
Ancora veleni dal Nanga Parbat: insulti all
Mentre proseguono senza esito le ricerche di Nardi e Ballard, dispersi da 7 giorni, Simone Moro, uno dei grandi dell'alpinismo mondiale, ha eliminato un post su FB in cui celebrava la conquista della vetta nel 2016. Insulti e polemiche
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele"
"Basta polemiche, preghiamo per Tom e Daniele"
L'alpinista Simone Moro, bersagliato dagli haters, risponde a tono su Facebook. Intanto il basco Alex Txikon ha concluso senza esiti la prima giornata di ricerche, sfidando i pericoli del Mummery. Domani si ricomincia
IL FANTASMA DI MUMMERY
e l'inquietante profezia su Daniele
IL FANTASMA DI MUMMERY<br>e l
Lo scalatore aveva rivelato di avere avuto una visione dello scalatore inglese ucciso da una valanga nel 1895 sul Nanga Parbat: "Perché sei venuto a trovarmi?...". Le 68 vittime della "montagna assassina". La strage dei Talebani
Daniele e Tom, attesa angosciosa
rinviata la spedizione francese
Daniele e Tom, attesa angosciosa<br>rinviata la spedizione francese
Riprendono le operazioni di soccorso, gli alpinisti russi rinunciano a causa delle valanghe. Niente soldi, non parte la missione francese con i droni. Trattativa conclusa solo dopo ore
Alcol al metanolo, morti 133 indiani
Alcol al metanolo, morti 133 indiani
Stroncati nell'Assam da una miscela velenosa prodotta illegalmente dal racket che contrabbanda i liquori a prezzi irrisori. Pochi mesi fa altri 80 morti. La guerra dello Stato contro i produttori-pirata