Xmotion, fra oriente e occidente

| Il concept Nissan esposto a Detroit nasconde la prossima cifra stilista del marchio giapponese. Una showcar realizzata attingendo a piene mani della tradizione artigianale nipponica

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Squadrata, affilata, futuribile, muscolosa, tagliente: difficile centrare al primo colpo una definizione per “Xmotion”, una delle concept che stanno attirando maggiormente l’attenzione del Salone di Detroit. La pronuncia, per cominciare: per quella piccola mania di sintetizzare un concetto con una lettera, va letto “Cross Motion”. Quindi il segreto: Xmotion non è solo un esercizio di show car, ma l’anticipazione delle linee stilistiche a cui sta lavorando Nissan.

L’idea è quella di un suv compatto, sussurrando nel vento qualche accenno alla prossima “Juke”, ad esempio, anche se le misure del concept sono ben più imponenti (4,6 metri di lunghezza), e lo spazio interno è decisamente abbondante, tanto da permettere tre file di sedili.

Nei comunicati ufficiali, l’impatto visivo di Xmotion viene sintetizzato al meglio: “Le forme e le proporzioni sono audaci e potenti, contrastano con quelle dell’artigianato giapponese in chiave contemporanea”. In fondo, a guardarla bene, qualche somiglianza con l’elmo dei nobili Samurai si intravede. Ma Nissan è ormai un marchio raffinato, che sa permettersi il lusso di fondere oriente e occidente senza scontentare nessuno. Con un’aggravante stilistica in più: non dimenticare mai gli stilemi del marchio, i punti fissi che devono rendere una Nissan riconoscibile.

Un esempio è la griglia “V-Motion”, un punto fisso dello stile del marchio, a cui rubano l’attenzione gli insoliti passaruota squadrati che incorniciano i cerchi da 21”. Curioso il tetto apribile a scomparsa e i gruppi ottici posteriori ispirati ai puzzle in legno giapponesi. Perfino le tinte della carrozzeria, sono un richiamo all’Oriente: argento perlato con zone in trama di carbonio e dettagli rossi, colore che indica la forza delle tradizioni.

L’interno, è un tuffo nei paesaggi giapponesi, con la plancia centrale che richiama l’idea di un ponte realizzato con la tecnica “kanawa tsugi” utilizzata per templi e santuari. È anche così per il quadro strumenti, questa volta ispirato alla “kigumi”, tradizionale tecnica di falegnameria nipponica.

Poi arriva la tecnologia, spinta al massimo fino a sfiorare il concetto di “multisala”: sette schermi digitali, fra cui uno specchietto hi-tech sul cielo dell’abitacolo, comandabili vocalmente, con i gesti o i movimenti degli occhi.

Mancano all’appello, ma è normale, le squisitezze tecniche: l’unica conferma è la presenza dell’Intelligente All Wheel Drive e dei sistemi di guida autonoma ProPilot di livello 4, pronti a sostituirsi al guidatore in tutto e per tutto.

Galleria fotografica
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 1
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 2
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 3
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 4
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 5
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 6
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 7
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 8
Auto & moto
"Blue Edition”, altro che Harley Davidson
"Blue Edition”, altro che Harley Davidson
Un esemplare unico da 1,6 milioni di euro, costato 2.500 ore di lavoro e impreziosito da un costosissimo cronografo e una pietra da 5,4 carati
BMW M3 CS, l’ultima rabbia
BMW M3 CS, l’ultima rabbia
La final edition della più recente M3, in tiratura limitata a 1.200 esemplari: 460 CV e 280 km/h di velocità massima. Dedicata ai veri intenditori
Tesla S, ancora uno schianto mortale
Tesla S, ancora uno schianto mortale
Incidente a San Francisco, l'auto elettrica finita contro una recinzione. Non ancora certo se l'auto-pilot fosse inserito o no. Morto il conducente.
Moto, calano le immatricolazioni ma boom elettrico
Moto, calano le immatricolazioni ma boom elettrico
In Europa meno 6% di immatricolazioni, ma i modelli elettrici in salita del 50%. Anche in Italia vendite in crescita, quasi il 60% in più
IndyCar 2021, aeroplani in gara
IndyCar 2021, aeroplani in gara
Auto equipaggiato con motori sovralimentati da 900 cavalli. Accordo tra i costruttori Generale Motors e Honda. Gare ancora più spettacolari, primi test nel 2020
Il ritorno del mitologico Hummer
Il ritorno del mitologico Hummer
Si chiama “Mil-Spec Hummer H1 Launch Edition”: è la copia aggiornata e rivista del primo Hummer, quello di origine militare
Nuova Mini, cosa cambia e quanto costa
Nuova Mini, cosa cambia e quanto costa
Nuovi motori e nuove tecnologie, versione da 18 mila ai 42mila della Cooper Works Pro
Tesla S si ribalta e s'incendia, autista morto
Tesla S si ribalta e s
Incidente in Svizzera dopo lo schianto in Usa, morto il tedesco alla guida. Forse era stato inserito l'auto-pilot
Il robot Tesla non ha visto il camion
Il robot Tesla non ha visto il camion
Schianto di una Testa S con autopilota a Jordan, Utah. Ha tamponato un camion del vigili del fuoco fermo a un semaforo. Indagano polizia e agenzie federali per la sicurezza.
Rubata Alfa del 1942, un complotto
Rubata Alfa del 1942, un complotto
Doveva partecipare mercoledì alla Mille Miglia, il proprietario lancia un appello su Facebook per ritrovarla