Xmotion, fra oriente e occidente

| Il concept Nissan esposto a Detroit nasconde la prossima cifra stilista del marchio giapponese. Una showcar realizzata attingendo a piene mani della tradizione artigianale nipponica

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Squadrata, affilata, futuribile, muscolosa, tagliente: difficile centrare al primo colpo una definizione per “Xmotion”, una delle concept che stanno attirando maggiormente l’attenzione del Salone di Detroit. La pronuncia, per cominciare: per quella piccola mania di sintetizzare un concetto con una lettera, va letto “Cross Motion”. Quindi il segreto: Xmotion non è solo un esercizio di show car, ma l’anticipazione delle linee stilistiche a cui sta lavorando Nissan.

L’idea è quella di un suv compatto, sussurrando nel vento qualche accenno alla prossima “Juke”, ad esempio, anche se le misure del concept sono ben più imponenti (4,6 metri di lunghezza), e lo spazio interno è decisamente abbondante, tanto da permettere tre file di sedili.

Nei comunicati ufficiali, l’impatto visivo di Xmotion viene sintetizzato al meglio: “Le forme e le proporzioni sono audaci e potenti, contrastano con quelle dell’artigianato giapponese in chiave contemporanea”. In fondo, a guardarla bene, qualche somiglianza con l’elmo dei nobili Samurai si intravede. Ma Nissan è ormai un marchio raffinato, che sa permettersi il lusso di fondere oriente e occidente senza scontentare nessuno. Con un’aggravante stilistica in più: non dimenticare mai gli stilemi del marchio, i punti fissi che devono rendere una Nissan riconoscibile.

Un esempio è la griglia “V-Motion”, un punto fisso dello stile del marchio, a cui rubano l’attenzione gli insoliti passaruota squadrati che incorniciano i cerchi da 21”. Curioso il tetto apribile a scomparsa e i gruppi ottici posteriori ispirati ai puzzle in legno giapponesi. Perfino le tinte della carrozzeria, sono un richiamo all’Oriente: argento perlato con zone in trama di carbonio e dettagli rossi, colore che indica la forza delle tradizioni.

L’interno, è un tuffo nei paesaggi giapponesi, con la plancia centrale che richiama l’idea di un ponte realizzato con la tecnica “kanawa tsugi” utilizzata per templi e santuari. È anche così per il quadro strumenti, questa volta ispirato alla “kigumi”, tradizionale tecnica di falegnameria nipponica.

Poi arriva la tecnologia, spinta al massimo fino a sfiorare il concetto di “multisala”: sette schermi digitali, fra cui uno specchietto hi-tech sul cielo dell’abitacolo, comandabili vocalmente, con i gesti o i movimenti degli occhi.

Mancano all’appello, ma è normale, le squisitezze tecniche: l’unica conferma è la presenza dell’Intelligente All Wheel Drive e dei sistemi di guida autonoma ProPilot di livello 4, pronti a sostituirsi al guidatore in tutto e per tutto.

Galleria fotografica
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 1
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 2
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 3
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 4
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 5
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 6
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 7
Xmotion, fra oriente e occidente - immagine 8
Auto & moto
Sport Glide, mezza custom e mezza cruiser
Sport Glide, mezza custom e mezza cruiser
Va bene nei percorsi misti sotto la spinta del 108 e spinge in autostrada. Ala di pipistrello davanti, sospensioni posteriori nascoste. E' l'ultima nata e piace già molto ai fan del marchio
Dove nascono gli ingegneri dell’auto di domani
Dove nascono gli ingegneri dell’auto di domani
Si è conclusa l’edizione 2018 della Formula SAE Italy in cui giovani da ogni parte del mondo hanno messo in pista i prototipi che hanno progettato e costruito e sono stati valutati da un pool di giudici
Z-Scooter, il segway nostalgico
Z-Scooter, il segway nostalgico
Un’azienda spagnola ha realizzato un dispositivo di trasporto personale su cui lo scudo anteriore è identico a quello della storica Vespa
Formula SAE, il campionato dei team universitari
Formula SAE, il campionato dei team universitari
Devono pensare a tutto, dal design ai costi, ma da lì in poi sono liberi di iscriversi ad una delle categorie di un evento, sapiente mix di adrenalina, tecnica e preparazione. La prossima settimana tappa italiana all’autodromo di Varano
Ai topi piacciono le Toyota
Ai topi piacciono le Toyota
È successo in America, dove intere colonie di roditori si sono accanite sui rivestimenti del cablaggio elettrico a base di soia delle auto di moltissimi automobilisti
Dazi Ue, attacco mortale all'Harley Davidson
Dazi Ue, attacco mortale all
Previsti aumenti del 25 per cento dopo l'analoga decisione degli Usa. Oltre alle moto di Milwaukee, presi di mira una lunga serie di prodotti. Fans Hd sotto choc, saltano molte compravendite
Tesla in fiamme, sabotatore in fabbrica
Tesla in fiamme, sabotatore in fabbrica
Le Tesla che prendono fuoco o impazziscono? Elon Musk ha risolto il caso: tutta colpa di un sabotatore
Un’altra Tesla va a fuoco
Un’altra Tesla va a fuoco
Questa volta a bordo c’era Michael Morris, regista marito dell’attrice Mary McCormack, che ha diffuso un video. L’ennesimo caso di un’anomalia che è già costata qualche vita
Montezemolo, incontro con Corinne Schumacher
Montezemolo, incontro con Corinne Schumacher
La famiglia del grande pilota tedesco a Colonia per l'inaugurazione del museo dedicato a Michael. Incontro commovente
Troppi killer in moto, stop al secondo passeggero
Troppi killer in moto, stop al secondo passeggero
In Costa Rica in sei mesi 35 delitti ad opera di assassini in motocicletta. Il governo pronto a misure severe. Tra le ipotesi un solo guidatore. Il ministro per la Sicurezza: "Non demonizziamo i biker, ma situazione grave"