A.A.A., piloti Mercedes cercasi (astenersi perditempo)

| Le tecnologie delle monoposto Mercedes di F1 arrivano sulle strade di tutti i giorni: si chiama la AMG Project One, il mostruoso sogno su ruote che celebra 50 anni di adrenalina. Allo stand del marchio tedesco anche due visioni della mobilità futura

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

AMG Project One

Non poteva che essere Lewis Hamilton, il pilota Mercedes in testa al Campionato F1, a svelare la AMG Project One. La mostruosa creatura da 1000 CV e 350 km/h che celebra i 50 anni di AMG, l'atelier delle declinazioni più sportive del marchio tedesco.

Prodotta in soli 275 esemplari, tutti già ordinati (3 finiranno in Italia, ma nessuno sa in quale garage) malgrado i 2 milioni di 275mila euro necessari. In pratica, una vera Formula 1 con omologazione stradale fatta apposta per sognare, che riallaccia i ponti con il passato attraverso la mitica apertura ad ali di gabbiano ma si lancia nel futuro grazie al V6 turbo 1.6 litri da 680 CV (la stessa power unit delle monoposto da F1), allenato per lavorare in sinergia con quattro motori elettrici da 120 CV ciascuna, per un totale di 1000 CV o poco più, e un cambio elettroattuativo a otto rapporti.

Tutto il resto è piacere, allo stato puro: scocca in fibra di carbonio, linee pulitissime con le uniche concessioni di un alettone posteriore e una presa d'aria sul tetto.

 

EQ A Concept

Prototipo di hatchback tre porte per una finestra sul futuro secondo Mercedes già prevista per l'entrata in produzione. Linee morbide e accomodanti su misure che ricalcano quelle della Classe A (4,28 metri di lunghezza, 1,81 di larghezza e 1,43 di altezza), cerchi in lega da 20" e fari laser a fibra ottica. Il cofano è occupato da due motori elettrici, uno per asse, che insieme sviluppano 272 CV (200 kW) e 500 Nm di coppia massima. Un look accomodante che nasconde prestazioni notevoli: 5 secondi per coprire lo scatto 0-100 optando per le modalità "Sport" e "Sport Plus", per un'autonomia dichiarata di 400 km. Alle batterie modulari agli ioni di litio bastano 10 minuti per recuperare 100 di percorrenza in più.

 

GLC F-Cell

Non c'è solo l'elettrico, nelle idee di Mercedes c'è la nuova generazione della tecnologia fuel cell, le celle a combustibile su cui il mondo dell'auto tenta da tempo di trovare un'applicazione che abbia un senso. In pratica, un combinatore di due gas (idrogeno e ossigeno) che reagiscono producendo energia elettrica.

L'esperimento di Mercedes, applicato sul crossover GLC, si basa su un powertrain plug-in hybrid da 200 CV che riceve potenza da due percorsi diversi: batterie e idrogeno. Più precisamente, batterie al litio da 13,8 kW, che assicurano 49 km di autonomia, e due serbatoi di idrogeno da 4,4 kg in grado di garantire 437 km di autonomia. L'obiettivo è aumentare i tempi di percorrenza e rendere più agile il movimento.

Tre modalità di guida (Eco, Comfort e Sport) e quattro parametri di funzionamento: Hybrid, F-Cell, Battery e Charge. La prima combina i due tipi energia, attingendo dall'idrogeno e dalle batterie.

 

Classe X

Primo pick up griffato con la celebre stella a tre punte, parente nobile del Nissan Navara, il Classe X (5,34 metri di lunghezza e 3,15 di passo), è disponibile con trazione posteriore o integrale inseribile attraverso il bloccaggio del differenziale posteriore. In attesa dell'arrivo di una variante dotata di trazione integrale permanente 4Matic equipaggiata con il 3.6 V6 da 258 CV, attualmente la scelta si limita ad solo motore, il 2.3 turbodiesel ma in due varianti di potenza: 163 o 190 CV.

Biografie - anniversari
Addio a Ennio Fantastichini
Addio a Ennio Fantastichini
Il popolare attore protagonista di numerosi film di successo, si è arreso alla leucemia
Bernardo Bertolucci, addio all'ultimo imperatore
Bernardo Bertolucci, addio all
Si è spento a 77 anni uno dei più grandi e celebrati maestri del cinema italiano: una carriera lunga oltre mezzo secolo disseminata di capolavori destinati alla storia della settima arte. Fondamentale l’incontro con Pier Paolo Pasolini
La mia vita con i Queen
La mia vita con i Queen
Intervista a Peter Hince, storico “road manager” della band britannica che ha raccontato in un libro la sua esperienza al fianco del gruppo di Freddie Mercury, scomparso 27 anni fa
La notte che si è portata via River Phoenix
La notte che si è portata via River Phoenix
Venticinque anni fa se ne andava uno dei più promettenti talenti di Hollywood. Samantha Mathis, la sua fidanzata di allora, racconta gli ultimi anni del ragazzo che odiava la celebrità
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Se ne andava 49 anni fa lo scrittore che ha tolto ogni alibi all’insoddisfazione dei giovani, dando il via alla Beat Generation. Un anticonformista di talento, che aveva scelto la strada per raccontare un’America poco presentabile
Addio a Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada
Addio a Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada
Esagerato, sbruffone, simpatico, aveva costruito un impero sul sesso e sognava la carriera politica. Aveva iniziato dal basso, finendo per parlare del suo mestiere strano perfino nelle università di mezzo mondo
Elon Musk, il genio ribelle
Elon Musk, il genio ribelle
Vulcanico, assetato di vita, geniale, ma anche sfrontato, ironico, pasticcione. Ritratto del fondatore di idee come Tesla e SpaceX, lanciate verso un futuro che ogni tanto vede solo lui
29 settembre, seduto in quel caffè...
29 settembre, seduto in quel caffè...
La leggenda di “29 Settembre”, uno dei brani più celebri della coppia Mogol-Battisti, portato al successo dall’Equipe 84
11 SETTEMBRE, PER SEMPRE
11 SETTEMBRE, PER SEMPRE
Diciassette anni dopo, l’area dove sorgevano le Twin Tower è un giardino pulito, ordinato e circondato di grattacieli nuovissimi. Sottoterra, un museo raccoglie cimeli e testimonianze di quel giorno
11 settembre 2001, la timeline di una tragedia
11 settembre 2001, la timeline di una tragedia
Minuto per minuto, la sequenza del peggior attentato della storia: dall’imbarco dei dirottatori al crollo delle due torri gemelle del World Trade Center