Addio a Tom Wolfe, l'incubo degli ipocriti

| Si è spento a 87 anni lo scrittore americano capace di coniare termini come “Radical Chic”: un uomo gentile dall’aspetto dandy, fustigatore dei peggiori atteggiamenti borghesi. Il successo mondiale con "Il falò delle vanità", nel 1987

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
L’ambizione, il razzismo, la lussuria, la spregiudicatezza e l’avidità della New York anni Ottanta, quella intrisa dall’edonismo reaganiano e dall’ultimo, fortunato decennio che la storia dell’Occidente ricordi. È il succo del suo romanzo più celebre, “The Bonfire of the Vanity”, il falò delle vanità, un titolo così forte da diventare un modo di dire ovunque. Ma Tom Wolfe, andato via per sempre a 87 anni nel chiuso di un ospedale di Manhattan per le complicazioni di una polmonite, di definizioni al mondo ne aveva regalate parecchie. “Radical chic”, ad esempio, il finto buonismo di un’élite che ha talmente tanto fra le mani da finire con l’appoggiare chi non ha nulla e per questo vorrebbe fare la rivoluzione. Una definizione che aveva coniato nel 1970, finendo fra gli altezzosi invitati ad un party di Felicia, moglie del compositore Leonard Bernstein ma soprattutto finanziatrice delle “Black Panther”, l’ala violenta della protesta nera. Wolfe non ci aveva visto più, raccontando sulle pagine del “New York Magazine” lo stridente e ridicolo contrasto fra le tartine al caviale dei camerieri in guanti bianchi e il bugiardo interesse degli invitati verso la causa degli afroamericani.

Erano i primi passi del “New Journalism” di cui Tom Wolfe sarebbe stato il padre putativo, quella forma di espressione che si nutre di generi ed espedienti diversi, infischiandosene delle lunghezze imposte dai quotidiani, a cui preferiva di gran lunga magazine e riviste. Uno stile che adottano autori come Truman Capote, Normal Mailer, Gay Telese e perfino Oriana Fallaci.

Thomas Kennerly Wolfe era nato a Richmond, Virginia, nel marzo del 1930. Studia a “Yale” e nel 1957, a 27 anni, si avvicina al giornalismo: qualche mese di palestra allo “Springfield Union” per poi passare al “Washington Post” e in seguito al “New York Herald Tribune” e ad “Esquire”. Ma a lui piace scrivere libri, senza limiti di battute: il primo esce nel 1965, “The Kandy-Kolored Tangerine-Flake Streamline Baby”, in realtà una raccolta dei suoi articoli, ma una prima dose di successo arriva nel 1970 con “racidal Chic & Mau-Mauing the Flak Catchers”, nato sulla scia dell’articolo in cui raccontava l’assurda festa a casa Bernstein. Il suo è uno stile eclettico, graffiante e vivace in cui ogni personaggio può contare su un profilo psicologico pescato da Wolfe nell’infinita galleria dell’umanità varia che aveva conosciuto in vita sua.

Nel 1985 inizia “The Bonfire of the Vanities”, che sarà completato soltanto due anni dopo: è il successo planetario, consacrato anche dal film omonimo, uscito nel 1990 con la regia di Brian De Palma e interpretato da Tom Hanks, Bruce Willis, Melanie Griffith e Morgan Freeman.

Nel 2006 ha ricevuto il “Jefferson Lecture in the Humanities”, il più alto riconoscimento americano assegnato a coloro che hanno raggiunto traguardi significativi nelle discipline umanistiche.

Biografie - anniversari
Enzo Tortora, 30 anni di ingiustizie
Enzo Tortora, 30 anni di ingiustizie
Il 18 maggio del 1988 se ne andava uno dei presentatori più amati della televisione italiana: accusato e condannato per reati mai commessi, ha pagato a caro prezzo l’approssimazione della giustizia italiana
L’ultimo ruolo di Robin Williams
L’ultimo ruolo di Robin Williams
A quattro anni dal suicidio dell’attore, un libro raccoglie le testimonianze di chi gli era più vicino: la malattia lo stava piegando, e da grande attore ha preferito decidere lui quando spegnere le luci
Peppino Impastato, per sempre scomodo
Peppino Impastato, per sempre scomodo
Quarant’anni fa, mentre l’Italia piange Moro, in Sicilia fanno fuori un giovane che aveva scelto di combattere la mafia con l’ironia e la cultura
Archie, di nuovo con Nero Wolfe e il cuoco Fritz
Archie, di nuovo con Nero Wolfe e il cuoco Fritz
Morto Paolo Ferrari, 89 anni, indimenticabile Archie Goodwin, l'alter ego di Nero Wolf (Tino Buazzelli). Tra il '69 e l'81 interpretò il personaggio di Rex Stout in una celebre serie di gialli
Adele, i 30 anni di una voce leggendaria
Adele, i 30 anni di una voce leggendaria
Soffia sulle candeline una delle artiste più amate e premiate di sempre, capace di conquistare ogni classifica e ogni traguardo con appena tre album
Senna e Ratzenberger, l'ingiustizia della morte
Senna e Ratzenberger, l
Il pilota brasiliano e quello austriaco, uno famoso e l’altro no, muoiono ad un giorno di distanza nel GP di Imola del 1994. Anche quello che accade dopo, come in vita, avrà pesi e misure diverse
Addio a Stephen Hawking, genio sfortunato
Addio a Stephen Hawking, genio sfortunato
A 21 anni gli avevano dato due anni di vita: ne ha vissuti 76 prima di arrendersi. In mezzo un’esistenza vissuta in pieno fra studi, teorie e una malattia ha cui ha replicato colpo su colpo
Walking in Memphis
Walking in Memphis
REPORTAGE – Il National Civil Rights Museum che ha preso il posto del Lorraine Motel, l’albergo per neri in cui fu ucciso Martin Luther King
Amalia Earhart, bella coraggiosa e unica
Amalia Earhart, bella coraggiosa e unica
Oggi è la festa della donna, ISM la celebra rievocando Amalia Earhart, pilota d'aereo americana scomparsa nel 1937 durante una traversata nel Pacifico. Identificati i suoi resti proprio in queste ore
La Maratona di Boston, cinque anni dopo
La Maratona di Boston, cinque anni dopo
Viaggio nei magazzini dove si conservano i reperti e le testimonianze del giorno del 2013 in cui due fratelli di origine cecena decisero di spargere il sangue di chi era lì per fare festa