Addio a Tom Wolfe, l'incubo degli ipocriti

| Si è spento a 87 anni lo scrittore americano capace di coniare termini come “Radical Chic”: un uomo gentile dall’aspetto dandy, fustigatore dei peggiori atteggiamenti borghesi. Il successo mondiale con "Il falò delle vanità", nel 1987

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
L’ambizione, il razzismo, la lussuria, la spregiudicatezza e l’avidità della New York anni Ottanta, quella intrisa dall’edonismo reaganiano e dall’ultimo, fortunato decennio che la storia dell’Occidente ricordi. È il succo del suo romanzo più celebre, “The Bonfire of the Vanity”, il falò delle vanità, un titolo così forte da diventare un modo di dire ovunque. Ma Tom Wolfe, andato via per sempre a 87 anni nel chiuso di un ospedale di Manhattan per le complicazioni di una polmonite, di definizioni al mondo ne aveva regalate parecchie. “Radical chic”, ad esempio, il finto buonismo di un’élite che ha talmente tanto fra le mani da finire con l’appoggiare chi non ha nulla e per questo vorrebbe fare la rivoluzione. Una definizione che aveva coniato nel 1970, finendo fra gli altezzosi invitati ad un party di Felicia, moglie del compositore Leonard Bernstein ma soprattutto finanziatrice delle “Black Panther”, l’ala violenta della protesta nera. Wolfe non ci aveva visto più, raccontando sulle pagine del “New York Magazine” lo stridente e ridicolo contrasto fra le tartine al caviale dei camerieri in guanti bianchi e il bugiardo interesse degli invitati verso la causa degli afroamericani.

Erano i primi passi del “New Journalism” di cui Tom Wolfe sarebbe stato il padre putativo, quella forma di espressione che si nutre di generi ed espedienti diversi, infischiandosene delle lunghezze imposte dai quotidiani, a cui preferiva di gran lunga magazine e riviste. Uno stile che adottano autori come Truman Capote, Normal Mailer, Gay Telese e perfino Oriana Fallaci.

Thomas Kennerly Wolfe era nato a Richmond, Virginia, nel marzo del 1930. Studia a “Yale” e nel 1957, a 27 anni, si avvicina al giornalismo: qualche mese di palestra allo “Springfield Union” per poi passare al “Washington Post” e in seguito al “New York Herald Tribune” e ad “Esquire”. Ma a lui piace scrivere libri, senza limiti di battute: il primo esce nel 1965, “The Kandy-Kolored Tangerine-Flake Streamline Baby”, in realtà una raccolta dei suoi articoli, ma una prima dose di successo arriva nel 1970 con “racidal Chic & Mau-Mauing the Flak Catchers”, nato sulla scia dell’articolo in cui raccontava l’assurda festa a casa Bernstein. Il suo è uno stile eclettico, graffiante e vivace in cui ogni personaggio può contare su un profilo psicologico pescato da Wolfe nell’infinita galleria dell’umanità varia che aveva conosciuto in vita sua.

Nel 1985 inizia “The Bonfire of the Vanities”, che sarà completato soltanto due anni dopo: è il successo planetario, consacrato anche dal film omonimo, uscito nel 1990 con la regia di Brian De Palma e interpretato da Tom Hanks, Bruce Willis, Melanie Griffith e Morgan Freeman.

Nel 2006 ha ricevuto il “Jefferson Lecture in the Humanities”, il più alto riconoscimento americano assegnato a coloro che hanno raggiunto traguardi significativi nelle discipline umanistiche.

Biografie - anniversari
Jan Palach, il fuoco eterno
Jan Palach, il fuoco eterno
Cinquant’anni fa un giovane studente sceglie di darsi alle fiamme nel cuore di Praga: una protesa estrema contro la rassegnazione in cui stava piombando il suo paese
20 anni senza Faber
20 anni senza Faber
L’11 gennaio 1999 se ne andava uno dei più grandi cantautori italiani. Un poeta prestato alla musica, punto di riferimento per generazioni di artisti. È stato un uomo schivo, riservato, curioso e profondo, forse come pochi altri
Tutti gli addii del 2018
Tutti gli addii del 2018
Da Marina Ripa di Meana ad Andrea Pinketts: tutti i nomi delle celebrità italiane e straniere che quest’anno si porta via
Addio a Pinketts, il re del noir milanese
Addio a Pinketts, il re del noir milanese
Lo scrittore si è spento a 57 anni all’ospedale Niguarda di Milano. Una vita avventurosa e sempre sopra le righe, la scoperta del genere noir e alla fine il male che lui riusciva anche a prendere in giro
La storia segreta di miss Computer
La storia segreta di miss Computer
Il nome di Evelyn Berezin è meno noto di molti altri guru dell’informatica, ma se oggi abbiamo davanti gli occhi un computer, il merito è solo suo
Addio a Ennio Fantastichini
Addio a Ennio Fantastichini
Il popolare attore protagonista di numerosi film di successo, si è arreso alla leucemia
Bernardo Bertolucci, addio all'ultimo imperatore
Bernardo Bertolucci, addio all
Si è spento a 77 anni uno dei più grandi e celebrati maestri del cinema italiano: una carriera lunga oltre mezzo secolo disseminata di capolavori destinati alla storia della settima arte. Fondamentale l’incontro con Pier Paolo Pasolini
La mia vita con i Queen
La mia vita con i Queen
Intervista a Peter Hince, storico “road manager” della band britannica che ha raccontato in un libro la sua esperienza al fianco del gruppo di Freddie Mercury, scomparso 27 anni fa
La notte che si è portata via River Phoenix
La notte che si è portata via River Phoenix
Venticinque anni fa se ne andava uno dei più promettenti talenti di Hollywood. Samantha Mathis, la sua fidanzata di allora, racconta gli ultimi anni del ragazzo che odiava la celebrità
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Se ne andava 49 anni fa lo scrittore che ha tolto ogni alibi all’insoddisfazione dei giovani, dando il via alla Beat Generation. Un anticonformista di talento, che aveva scelto la strada per raccontare un’America poco presentabile