All you need is terrain

| Nasce la Discovery SVX, il fuoristrada che non si spaventa di fronte a nulla, neanche se si tratta di lusso, prestazioni ed eleganza

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Bisognerà abituarsi alla sigla "SVX", che da qui in avanti farà da spartiacque fra le versioni "off-road oriented" e i modelli Land Rover più urbanizzati. Ad aprire la dinastia selvaggia è la Discovery SVX, la variante più estrema mai prodotta dell'iconica fuoristrada, giunta alla quinta generazione lo scorso anno, e pensata con uno specifico obiettivo: saper affrontare come si deve qualsiasi dispetto del terreno.

Insieme a Range Rover Sport SVR e la SV Autobiography, Discovery SVX è il terzo progetto realizzato dalla SVO, la Special Vehicle Operations, sezione specializzata di Land Rover nata per esaltare le doti all-terrain senza dimenticare che andare in cerca di guadi e sterrati, non significa rifiutare lusso ed eleganza, anzi.

Disponibile con un solo motore, il 5 litri V8 Supercharged da 525 CV e 625 Nm di coppia massima, la Discovery SVX vanta scocca in alluminio, sospensioni idrauliche, ammortizzatori a corsa lunga, cerchi in alluminio forgiato e la novità dell'Hydraulic Active Roll Control (H-ARC), sistema che aumenta l'articolazione delle ruote e il controllo dinamico, migliora la trazione in off-road e, per finire, riduce il rollio. Un sistema che affianca la trazione Terrain Response 2 tarata in modo specifico, insieme alle calibrazioni del cambio automatico a otto rapporti, all'Hill Descent Control, l'Electronic Stability Control  All-Terrain Progress Control e servosterzo elettrico.

Anche il look, raggiunto prendendo ispirazione dai veicoli utilizzati nel "Camel Trophy" e nel "G4 Challenge", ha un'aria aggressiva e selvaggia: paraurti esclusivi, piastre di protezione, ganci traino in grado di sopportare sei tonnellate, cofano antiriflesso e verricello elettrico posteriore.

Biografie - anniversari
La storia segreta di miss Computer
La storia segreta di miss Computer
Il nome di Evelyn Berezin è meno noto di molti altri guru dell’informatica, ma se oggi abbiamo davanti gli occhi un computer, il merito è solo suo
Addio a Ennio Fantastichini
Addio a Ennio Fantastichini
Il popolare attore protagonista di numerosi film di successo, si è arreso alla leucemia
Bernardo Bertolucci, addio all'ultimo imperatore
Bernardo Bertolucci, addio all
Si è spento a 77 anni uno dei più grandi e celebrati maestri del cinema italiano: una carriera lunga oltre mezzo secolo disseminata di capolavori destinati alla storia della settima arte. Fondamentale l’incontro con Pier Paolo Pasolini
La mia vita con i Queen
La mia vita con i Queen
Intervista a Peter Hince, storico “road manager” della band britannica che ha raccontato in un libro la sua esperienza al fianco del gruppo di Freddie Mercury, scomparso 27 anni fa
La notte che si è portata via River Phoenix
La notte che si è portata via River Phoenix
Venticinque anni fa se ne andava uno dei più promettenti talenti di Hollywood. Samantha Mathis, la sua fidanzata di allora, racconta gli ultimi anni del ragazzo che odiava la celebrità
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Se ne andava 49 anni fa lo scrittore che ha tolto ogni alibi all’insoddisfazione dei giovani, dando il via alla Beat Generation. Un anticonformista di talento, che aveva scelto la strada per raccontare un’America poco presentabile
Addio a Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada
Addio a Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada
Esagerato, sbruffone, simpatico, aveva costruito un impero sul sesso e sognava la carriera politica. Aveva iniziato dal basso, finendo per parlare del suo mestiere strano perfino nelle università di mezzo mondo
Elon Musk, il genio ribelle
Elon Musk, il genio ribelle
Vulcanico, assetato di vita, geniale, ma anche sfrontato, ironico, pasticcione. Ritratto del fondatore di idee come Tesla e SpaceX, lanciate verso un futuro che ogni tanto vede solo lui
29 settembre, seduto in quel caffè...
29 settembre, seduto in quel caffè...
La leggenda di “29 Settembre”, uno dei brani più celebri della coppia Mogol-Battisti, portato al successo dall’Equipe 84
11 SETTEMBRE, PER SEMPRE
11 SETTEMBRE, PER SEMPRE
Diciassette anni dopo, l’area dove sorgevano le Twin Tower è un giardino pulito, ordinato e circondato di grattacieli nuovissimi. Sottoterra, un museo raccoglie cimeli e testimonianze di quel giorno