Dacia Duster, il Suv low cost dall'aria premium

| Arriva la seconda generazione del suv franco-rumeno, irrobustito nell'immagine e con un lungo elenco di dettagli, fra quelli di serie e gli optional

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Grandi attenzioni per il modello che ha un merito assoluto: l'aver portato all'attenzione del mondo intero il marchio Dacia, rumeno per natali ma con l'accento francese dopo l'adozione del gruppo Renault. Un compito a cui il crossover ha assolto talmente bene da trasformarsi in un vero e proprio best seller delle vendite.

La seconda generazione debutta proprio in queste ore a Francoforte, con un look che si rinnova conservando i tratti che hanno convinto migliaia di automobilisti a scegliere il più celebre dei crossover low-cost. Molto, a livello stilistico, si è giocato sull'idea di robustezza che strizza l'occhio al fuoristrada: parabrezza avanzato, nuova calandra, gruppi ottici a led, protezioni sottoscocca più vistose.

Perfino più profonda la rivisitazione degli interni, con una plancia tutta nuova dominata dallo schermo che ospita il sistema di infotainment "Medianav Evolution", nuovi sedili e finalmente i portaoggetti che prima mancavano un po'.

Fra dotazioni e optional si amplia la scelta dei sistemi di assistenza, come Multiview Camera, Blind Sport Warning, clima automatico, sistema keyless, sensori fari, servosterzo elettrico.

Disponibile anche con trazione integrale, la nuova Duster si declina nei benzina SCe da 115 CV e TCe da 125, mentre per i diesel dCi da 90 CV e dCi da 110. Già previsto l'arrivo di una versione Gpl.

Biografie - anniversari
Addio a Kofi Annan
Addio a Kofi Annan
Dal 1997 al 2006 ha guidato le Nazioni Unite come segretario generale: durante i suoi due mandati tanti i fatti internazionali con cui ha dovuto fare i conti
È morto Claudio Lolli
È morto Claudio Lolli
Il cantautore bolognese, considerato uno dei più impegnati, si è spento a 68 anni per una lunga malattia. Il suo ultimo album era uscito grazie ad una campagna crowdfunding
I 40 anni di Louise Brown, la prima bimba in provetta
I 40 anni di Louise Brown, la prima bimba in provetta
Compleanno tondo per la protagonista di un caso che alla fine degli anni Settanta ha diviso in due il mondo intero. Oggi è la madre di due bambini nati in modo naturale, ma sulla sua vicenda ha scritto un libro
Addio a mister “Good Morning Vietnam”
Addio a mister “Good Morning Vietnam”
Il sergente Adrian Cronauer, di stanza a Saigon, aveva saputo trasformare il suo saluto insolito in uno dei pochi momenti piacevoli per i Marines in Vietnam
Le nuove verità su Bruce Lee
Le nuove verità su Bruce Lee
A 45 anni dalla morte, sta per uscire una nuova biografia del re del Kung Fu, in cui si apre una nuova pista per la misteriosa morte
Raffaella Carrà, i 75 anni di una vera icona pop
Raffaella Carrà, i 75 anni di una vera icona pop
Emiliana verace, toglie il sonno agli italiani con l’ombelico e il “Tuca Tuca”, ma da quel momento attraversa i decenni mostrando un talento riconosciuto ovunque nel mondo
Enzo Tortora, 30 anni di ingiustizie
Enzo Tortora, 30 anni di ingiustizie
Il 18 maggio del 1988 se ne andava uno dei presentatori più amati della televisione italiana: accusato e condannato per reati mai commessi, ha pagato a caro prezzo l’approssimazione della giustizia italiana
Addio a Tom Wolfe, l'incubo degli ipocriti
Addio a Tom Wolfe, l
Si è spento a 87 anni lo scrittore americano capace di coniare termini come “Radical Chic”: un uomo gentile dall’aspetto dandy, fustigatore dei peggiori atteggiamenti borghesi. Il successo mondiale con "Il falò delle vanità", nel 1987
L’ultimo ruolo di Robin Williams
L’ultimo ruolo di Robin Williams
A quattro anni dal suicidio dell’attore, un libro raccoglie le testimonianze di chi gli era più vicino: la malattia lo stava piegando, e da grande attore ha preferito decidere lui quando spegnere le luci
Peppino Impastato, per sempre scomodo
Peppino Impastato, per sempre scomodo
Quarant’anni fa, mentre l’Italia piange Moro, in Sicilia fanno fuori un giovane che aveva scelto di combattere la mafia con l’ironia e la cultura