Dacia Duster, il Suv low cost dall'aria premium

| Arriva la seconda generazione del suv franco-rumeno, irrobustito nell'immagine e con un lungo elenco di dettagli, fra quelli di serie e gli optional

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Grandi attenzioni per il modello che ha un merito assoluto: l'aver portato all'attenzione del mondo intero il marchio Dacia, rumeno per natali ma con l'accento francese dopo l'adozione del gruppo Renault. Un compito a cui il crossover ha assolto talmente bene da trasformarsi in un vero e proprio best seller delle vendite.

La seconda generazione debutta proprio in queste ore a Francoforte, con un look che si rinnova conservando i tratti che hanno convinto migliaia di automobilisti a scegliere il più celebre dei crossover low-cost. Molto, a livello stilistico, si è giocato sull'idea di robustezza che strizza l'occhio al fuoristrada: parabrezza avanzato, nuova calandra, gruppi ottici a led, protezioni sottoscocca più vistose.

Perfino più profonda la rivisitazione degli interni, con una plancia tutta nuova dominata dallo schermo che ospita il sistema di infotainment "Medianav Evolution", nuovi sedili e finalmente i portaoggetti che prima mancavano un po'.

Fra dotazioni e optional si amplia la scelta dei sistemi di assistenza, come Multiview Camera, Blind Sport Warning, clima automatico, sistema keyless, sensori fari, servosterzo elettrico.

Disponibile anche con trazione integrale, la nuova Duster si declina nei benzina SCe da 115 CV e TCe da 125, mentre per i diesel dCi da 90 CV e dCi da 110. Già previsto l'arrivo di una versione Gpl.

Biografie - anniversari
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo
Jan Palach, il fuoco eterno
Jan Palach, il fuoco eterno
Cinquant’anni fa un giovane studente sceglie di darsi alle fiamme nel cuore di Praga: una protesa estrema contro la rassegnazione in cui stava piombando il suo paese
20 anni senza Faber
20 anni senza Faber
L’11 gennaio 1999 se ne andava uno dei più grandi cantautori italiani. Un poeta prestato alla musica, punto di riferimento per generazioni di artisti. È stato un uomo schivo, riservato, curioso e profondo, forse come pochi altri
Tutti gli addii del 2018
Tutti gli addii del 2018
Da Marina Ripa di Meana ad Andrea Pinketts: tutti i nomi delle celebrità italiane e straniere che quest’anno si porta via
Addio a Pinketts, il re del noir milanese
Addio a Pinketts, il re del noir milanese
Lo scrittore si è spento a 57 anni all’ospedale Niguarda di Milano. Una vita avventurosa e sempre sopra le righe, la scoperta del genere noir e alla fine il male che lui riusciva anche a prendere in giro
La storia segreta di miss Computer
La storia segreta di miss Computer
Il nome di Evelyn Berezin è meno noto di molti altri guru dell’informatica, ma se oggi abbiamo davanti gli occhi un computer, il merito è solo suo
Addio a Ennio Fantastichini
Addio a Ennio Fantastichini
Il popolare attore protagonista di numerosi film di successo, si è arreso alla leucemia
Bernardo Bertolucci, addio all'ultimo imperatore
Bernardo Bertolucci, addio all
Si è spento a 77 anni uno dei più grandi e celebrati maestri del cinema italiano: una carriera lunga oltre mezzo secolo disseminata di capolavori destinati alla storia della settima arte. Fondamentale l’incontro con Pier Paolo Pasolini
La mia vita con i Queen
La mia vita con i Queen
Intervista a Peter Hince, storico “road manager” della band britannica che ha raccontato in un libro la sua esperienza al fianco del gruppo di Freddie Mercury, scomparso 27 anni fa
La notte che si è portata via River Phoenix
La notte che si è portata via River Phoenix
Venticinque anni fa se ne andava uno dei più promettenti talenti di Hollywood. Samantha Mathis, la sua fidanzata di allora, racconta gli ultimi anni del ragazzo che odiava la celebrità