Francoforte, dove l'auto cambia pelle

| Energie alternative, connessioni in rete, tempi di ricarica e di percorrenza: il baricentro dell'automobile sta mutando velocemente, ed il salone tedesco ne è la prova tangibile

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

L'auto si sta trasformando, in modo evidente e strategicamente scaltro. Inutile insistere con i mulini a vento rappresentati dai carburanti tradizionali perché quelli, finisca o meno il petrolio, ormai il pianeta li guarda di traverso. E allora, dice il saggio, l'unica tecnica di sopravvivenza, in questo preciso periodo, prende magari nomi diversi (elettricità, ibrido, idrogeno) ma un solo obiettivo: cambiare pelle per continuare a rappresentare il sistema di mobilità prediletto dal genere umano.

Il salone di Francoforte è un po' tutto questo, al punto da far slittare a ruolo di comprimarie le oltre 300 anteprime, spesso davvero ghiotte, per lasciare spazio alle visioni dell'auto che verrà: sempre più connessa, ecologicamente rispettosa e, se proprio non è disturbo, che abbia almeno le forme di un suv, uno dei pochi segmenti su cui splende ancora il sole.

Concetti cardine che nessuno ha nascosto, partendo proprio da Volkswagen, che ha annunciato investimenti record sulla mobilità elettrica, sognando (o forse svelando) ad occhi aperti di immaginare i 300 modelli del gruppo in una versione elettrificata. Pronta a rilanciare Mercedes, che si dice al lavoro per mandare in pensione qualsiasi altro tipo di carburante da qui al 2015, e lasciare spazio solo all'elettrico. E poi tutti gli altri, a cascata, con prototipi e progetti di auto sempre più innamorate della natura.

E poi, come in ogni salone che si rispetti, chi c'è fa rumore, ma chi non c'è ne fa ancora di più. Se all'appello non manca nessuno dei marchi tedeschi, fa un po' effetto non leggere le tre lettere "FCA", rappresentate idealmente solo dai pezzi pregiati della collezione torinese, Ferrari e Maserati.

Nessuna traccia dei francesi di PSA, Peugeot e Citroën, che hanno scelto di mandare solo "DS", l'elegantona di famiglia, e neanche dei giapponesi Nissan, restii perfino a concedere la gita tedesca al premium brand Infiniti. Assenza quasi giustificata per Volvo, che da tempo ha scelto di concentrare le forze sull'appuntamento di Ginevra, e appena meno chiara per Tesla, che proprio in Germania sta vivendo un periodo di grande apprezzamento.

Biografie - anniversari
Il sacrificio di Marco Biagi
Il sacrificio di Marco Biagi
Temeva per la propria incolumità, ma gli era stata tolta la scorta. Aveva ragione: 17 anni fa, i terroristi delle BR lo aspettavano sotto casa, per punire il suo impegno di riformatore
Addio a Mario Marenco
Addio a Mario Marenco
Uno dei più conosciuti compagni della banda di Renzo Arbore è morto a 85 anni. Architetto di professione, nella carriera nel mondo dello spettacolo era riuscito a creare una galleria di personaggi surreali
Non solo Barbie
Non solo Barbie
La ricerca forsennata di notizie da urlare in poche righe che non mettano in cattiva luce e che non obblighino a faticose riflessioni e prese di posizione: ecco la realtà in cui fretta e superficialità ci stanno conducendo
Addio a Luke Perry
Addio a Luke Perry
Il celebre Dylan McKay di Beverly Hills 90210 è morto a causa dell’ictus che l’aveva colpito giorni fa in modo “devastante”. Aveva appena finito di girare alcune scene per il nuovo film di Quentin Tarantino
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Petri, quel poliziotto che morì da eroe
Emanuele Petri, il 2 marzo 2003, fu ucciso dal brigatista rosso Mario Galesi, a sua volta abbattuto da un altro agente. Il terrorista ferì un modo grave anche un terzo collega. E la sua complice fu arrestata.
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Addio all’uomo che ha inventato Ibiza
Tony Pike era una leggenda, un’icona, il cuore di Ibiza, l’isola delle Baleari che ha saputo trasformare in una delle località più in voga da decenni
15 anni senza il Pirata
15 anni senza il Pirata
La sera di San Valentino del 2004, Marco Pantani veniva ritrovato morto nella stanza di un hotel di Rimini. Era la fine della vita clamorosa e difficile di uno dei più grandi campioni del ciclismo
Jan Palach, il fuoco eterno
Jan Palach, il fuoco eterno
Cinquant’anni fa un giovane studente sceglie di darsi alle fiamme nel cuore di Praga: una protesa estrema contro la rassegnazione in cui stava piombando il suo paese
20 anni senza Faber
20 anni senza Faber
L’11 gennaio 1999 se ne andava uno dei più grandi cantautori italiani. Un poeta prestato alla musica, punto di riferimento per generazioni di artisti. È stato un uomo schivo, riservato, curioso e profondo, forse come pochi altri
Tutti gli addii del 2018
Tutti gli addii del 2018
Da Marina Ripa di Meana ad Andrea Pinketts: tutti i nomi delle celebrità italiane e straniere che quest’anno si porta via