Happy birthday, Jimi

| Avrebbe compiuto 75 anni oggi Jimi Hendrix, uno dei più grandi chitarristi della storia, morto a soli 28 anni in una stanza di un hotel di Londra

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

"La luce che brilla più forte dura la metà". È come se l'avesse saputo, Jimi, che il destino era appostato nei corridoi del "Samarkand Hotel", al 22 di Lansdowne Crescent, Londra. Era la mattina del 18 settembre del 1970, quando lo trovano cadavere. Stava preparando il nuovo album, "Cry of love", pubblicato l'anno successivo e schizzato ai primi posti delle classifiche Billboard. Secondo i referti ufficiali a ucciderlo sarebbe stato un cocktail letale di alcool e tranquillanti. Non era il primo, non sarebbe stato l'ultimo.

James Marshall Hendrix era figlio di Seattle, la città che tanti decenni dopo avrebbe fatto da culla al "grounge" e ad un altro fenomeno andato via troppo presto di nome Kurt Cobain. Per l'anagrafe, a cui certe cose non importano, Jimi era l'errore di calcolo di James e Lucille, due giovani afro-americani: la mamma, appena diciassettenne se ne sarebbe andata quando lui aveva 16 anni. È il padre a crescerlo e a vivere i primi passi della leggenda, aiutandolo a costruire qualcosa di simile ad una chitarra usando una scatola per sigari.

Nel 1959, Hendrix forma un gruppo e tocca per la prima volta le tavole del palcoscenico: è quello il mondo in cui vuole vivere. Molla la scuola e fa esperienza in tutte le band che gli capitano, tanto non trova nessuno a dirgli di no, perché con la chitarra ci sa fare davvero. Ma siccome nulla accade per caso, è un arresto per furto d'auto, con pena di otto settimane da scontare in un campo di addestramento militare, a mettere Billy Cox sulla strada di Jimi. Billy è un bassista: i due formano un gruppo e attraversano l'America per arrivare a Nashville, la capitale della musica country. Suonano nei locali per paghe da fame, Hendrix partecipa anche a incisioni come session, poi inizia a girovagare per gli States, in cerca di una scusa buona per fermarsi. La trova a New York, dove la scena musicale sta vivendo un momento di grande fermento. Hendrix rimedia paga e scrittura dalla "Isley Brothers Band", ma soprattutto resta fulminato dallo stile di Bob Dylan.

Ma per arrivare a qualcosa che abbia l'inconfondibile odore del successo Jimi deve aspettare il 1966, quando crea il suo vero primo gruppo: una band che costringe perfino la distratta New York ad accorgersi che un talento è arrivato in città. Hendrix incontra e fa amicizia con un altro dei suoi idoli, Frank Zappa, trovando la strada giusta anche per farsi ricevere dal manager e dal produttore dei Rolling Stones. Lo ascoltano, ma sbadigliando rispondono che non la cosa non gli interessa.

Deluso e amareggiato, Hendrix lascia New York per Londra, dove gli assicurano che Eric Clapton, all'epoca chitarrista dei "Cream", non è affatto difficile da avvicinare. Ritrovato slancio ed entusiasmo per la musica, Jimi fa le valigie e crea un altro progetto, i "Jimi Hendrix Experience", un impasto sonoro di grande impatto formato dalla sua chitarra, dal basso di Noel Redding e dall'indiavolata batteria di Mitch Mitchell.

È fatta: sono gli "Who" a convincere la loro casa discografica che Hendrix è un talento che vale la pena mettere sotto contratto. Ha un aspetto selvaggio, violenta letteralmente le sue chitarre con i distorsori e i suoni dei pickup contro gli amplificatori, quelli che tutti gli altri considerano rumori. Suona con i denti, contro l'asta del microfono e quando ha finito dà fuoco alla chitarra, perché ha dato tutto quel poteva e merita la pace.

La consacrazione arriva sul palco del "Monterey International Pop Festival", uno degli eventi più celebri dell'estate dell'amore del 1967 sulla costa californiana.

Due anni dopo è nella line-up del Festival di Woodstock, l'appuntamento musicale più celebre della storia. La sua esibizione, due ore di musica, si chiude con "Star-Spangled Banner", l'inno americano, suonato alternando i suoni della sua Fender a suoni e rumori di bombardamenti. Il 30 agosto del 1970 è anche fra gli artisti del Festival dell'Isola di Wight, mentre manager e produttori si lisciano le mani in attesa di un tour europeo che promette il tutto esaurito ovunque, vista la celebrità che ormai precede Jimi Hendrix, quello che tutti chiamano il più grande chitarrista della storia.

Il 6 settembre di quell'anno, sale sul palco di un altro festival, quello di Fehmarn, in Germania: è la sua ultima esibizione dal vivo.

Era nato il 27 settembre del 1942: esattamente 75 anni fa. Ma la mattina del 18 settembre 1970, di anni ne aveva solo 28.

Biografie - anniversari
La storia segreta di miss Computer
La storia segreta di miss Computer
Il nome di Evelyn Berezin è meno noto di molti altri guru dell’informatica, ma se oggi abbiamo davanti gli occhi un computer, il merito è solo suo
Addio a Ennio Fantastichini
Addio a Ennio Fantastichini
Il popolare attore protagonista di numerosi film di successo, si è arreso alla leucemia
Bernardo Bertolucci, addio all'ultimo imperatore
Bernardo Bertolucci, addio all
Si è spento a 77 anni uno dei più grandi e celebrati maestri del cinema italiano: una carriera lunga oltre mezzo secolo disseminata di capolavori destinati alla storia della settima arte. Fondamentale l’incontro con Pier Paolo Pasolini
La mia vita con i Queen
La mia vita con i Queen
Intervista a Peter Hince, storico “road manager” della band britannica che ha raccontato in un libro la sua esperienza al fianco del gruppo di Freddie Mercury, scomparso 27 anni fa
La notte che si è portata via River Phoenix
La notte che si è portata via River Phoenix
Venticinque anni fa se ne andava uno dei più promettenti talenti di Hollywood. Samantha Mathis, la sua fidanzata di allora, racconta gli ultimi anni del ragazzo che odiava la celebrità
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Se ne andava 49 anni fa lo scrittore che ha tolto ogni alibi all’insoddisfazione dei giovani, dando il via alla Beat Generation. Un anticonformista di talento, che aveva scelto la strada per raccontare un’America poco presentabile
Addio a Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada
Addio a Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada
Esagerato, sbruffone, simpatico, aveva costruito un impero sul sesso e sognava la carriera politica. Aveva iniziato dal basso, finendo per parlare del suo mestiere strano perfino nelle università di mezzo mondo
Elon Musk, il genio ribelle
Elon Musk, il genio ribelle
Vulcanico, assetato di vita, geniale, ma anche sfrontato, ironico, pasticcione. Ritratto del fondatore di idee come Tesla e SpaceX, lanciate verso un futuro che ogni tanto vede solo lui
29 settembre, seduto in quel caffè...
29 settembre, seduto in quel caffè...
La leggenda di “29 Settembre”, uno dei brani più celebri della coppia Mogol-Battisti, portato al successo dall’Equipe 84
11 SETTEMBRE, PER SEMPRE
11 SETTEMBRE, PER SEMPRE
Diciassette anni dopo, l’area dove sorgevano le Twin Tower è un giardino pulito, ordinato e circondato di grattacieli nuovissimi. Sottoterra, un museo raccoglie cimeli e testimonianze di quel giorno