La bestia è quasi libera

| Mini John Cooper Works GP Concept: ovvero una Mini come non si era mai vista. Pronta per la pista e attrezzata in ogni dettaglio per le gare, arriva a Francoforte in versione studio, anche se dall'aria molto definitiva

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Della Mini ha solo il nome e il design caratteristico, che filtra ancora fra la fibra di carbonio. Ma per il resto, di "mini" - nel senso di minimo - questa volta non c'è nient'altro, anzi. Ma è meglio sforzarsi di normalizzare la salivazione, perché al momento trattasi di uno studio, per quanto estremo e realistico, relegato dal vulcanico marchio controllato da BMW alla voce "concept", definizione che a volte (come forse in questo caso), significa mostriamola in giro e vediamo l'effetto che fa.

L'ispirazione, per nulla nascosta, è quella delle corse, un universo parallelo al mondo reale fatto di adrenalina e bandiere a scacchi, inseguito ad arte con una serie di spoiler, minigonne, prese d'aria e appendici aerodinamiche e dettagli vietati a chi su un'auto preferisce l'anonimato. Una show car che ha anche una dedica precisa: i 50 anni dalla vittoria della Mini (quella prima maniera, ovvio) al Rally di Montecarlo, mettendo in riga uno stuolo di macchine e piloti dati per favoriti.

Ma in fondo sulla Mini John Cooper Works GP Concept non c'è dettaglio che non sia un omaggio, come i gruppi ottici posteriori, che ricordano la "Union Jack", la bandiera inglese, anche se di anglosassone la Mini non ha più nulla, a parte i ricordi. Perfino il numero sulla fiancata, "0059", si riferisce all'anno di nascita del progetto, il 1959.

L'interno è privo di ogni orpello superfluo, sostituito da rollbar, estintore, sedili racing e cinture a cinque punti di ancoraggio, a cui aggiungere il cambio con paddle al volante e la strumentazione, pensata per fornire indicazioni sul tracciato.

All'appello mancano le specifiche tecniche, anche se qualcuno ipotizza almeno la presenza del 2 litri turbo ipervitaminizzato fino alla soglia dei 300 CV.

Biografie - anniversari
20 anni senza Faber
20 anni senza Faber
L’11 gennaio 1999 se ne andava uno dei più grandi cantautori italiani. Un poeta prestato alla musica, punto di riferimento per generazioni di artisti. È stato un uomo schivo, riservato, curioso e profondo, forse come pochi altri
Tutti gli addii del 2018
Tutti gli addii del 2018
Da Marina Ripa di Meana ad Andrea Pinketts: tutti i nomi delle celebrità italiane e straniere che quest’anno si porta via
Addio a Pinketts, il re del noir milanese
Addio a Pinketts, il re del noir milanese
Lo scrittore si è spento a 57 anni all’ospedale Niguarda di Milano. Una vita avventurosa e sempre sopra le righe, la scoperta del genere noir e alla fine il male che lui riusciva anche a prendere in giro
La storia segreta di miss Computer
La storia segreta di miss Computer
Il nome di Evelyn Berezin è meno noto di molti altri guru dell’informatica, ma se oggi abbiamo davanti gli occhi un computer, il merito è solo suo
Addio a Ennio Fantastichini
Addio a Ennio Fantastichini
Il popolare attore protagonista di numerosi film di successo, si è arreso alla leucemia
Bernardo Bertolucci, addio all'ultimo imperatore
Bernardo Bertolucci, addio all
Si è spento a 77 anni uno dei più grandi e celebrati maestri del cinema italiano: una carriera lunga oltre mezzo secolo disseminata di capolavori destinati alla storia della settima arte. Fondamentale l’incontro con Pier Paolo Pasolini
La mia vita con i Queen
La mia vita con i Queen
Intervista a Peter Hince, storico “road manager” della band britannica che ha raccontato in un libro la sua esperienza al fianco del gruppo di Freddie Mercury, scomparso 27 anni fa
La notte che si è portata via River Phoenix
La notte che si è portata via River Phoenix
Venticinque anni fa se ne andava uno dei più promettenti talenti di Hollywood. Samantha Mathis, la sua fidanzata di allora, racconta gli ultimi anni del ragazzo che odiava la celebrità
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Se ne andava 49 anni fa lo scrittore che ha tolto ogni alibi all’insoddisfazione dei giovani, dando il via alla Beat Generation. Un anticonformista di talento, che aveva scelto la strada per raccontare un’America poco presentabile
Addio a Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada
Addio a Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada
Esagerato, sbruffone, simpatico, aveva costruito un impero sul sesso e sognava la carriera politica. Aveva iniziato dal basso, finendo per parlare del suo mestiere strano perfino nelle università di mezzo mondo