La Maratona di Boston, cinque anni dopo

| Viaggio nei magazzini dove si conservano i reperti e le testimonianze del giorno del 2013 in cui due fratelli di origine cecena decisero di spargere il sangue di chi era lì per fare festa

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Cinque anni fa, il 15 aprile del 2013, due bombe macchiano di sangue la Maratona di Boston, la più antica gara al mondo, una tradizione iniziata nel 1897 che tradizionalmente coincide con il “Patriot Day”. Una festa popolare che ogni anno, da sempre, attira migliaia di persone da tutto il mondo: famiglie, sportivi e semplici curiosi.

Alle 14:50 ora locale, a più di due ore di distanza dall’arrivo dei primi atleti, nei pressi del traguardo di Boylston Street, non distante da Copley Square, due pentole a pressione riempite con esplosivo, chiodi, pezzi di ferro e sfere metalliche esplodono a 12 secondi di distanza una dall’altra: a terra restano tre morti e 264 feriti.

Quattro giorni dopo, la polizia individua due sospetti: Džochar e Tamerlan Anzorovič Carnaev, due fratelli di origine cecena di 20 e 27 anni, giunti negli Stati Uniti come rifugiati nel 2002. Quando l’FBI annuncia nomi e volti dei ricercati, i due uccidono un ufficiale di polizia nei pressi del “MIT”, rubano un Suv e iniziano la fuga. A Watertown, nei dintorni di Boston, aprono il fuoco contro la polizia: Tamerlan, il più grande dei due, muore sotto il fuoco degli agenti. Džochar al contrario riesce a fuggire: al termine di un’imponente caccia all’uomo sarà ritrovato all’interno di una barca, nel cortile di una villetta, a poca distanza.

Accusato di uso di armi di distruzione di massa, omicidio doloso e omicidio colposo, l’8 aprile 2015, quasi due anni dopo la strage, al termine di quattordici ore di camera di consiglio, Tamerlan Džochar viene condannato alla pena capitale dalla giuria popolare dello stato del Massachusetts. Nel corso degli interrogatori, confessa che insieme al fratello stavano progettando un altro attentato, questa volta a Times Square, nel cuore di New York. Un mese dopo la condanna a morte, Tamerlan ha voluto chiedere perdono alle famiglie delle vittime: “Mi dispiace per le vite che ho distrutto, per la sofferenza che ho causato e per i danni irreparabili che ho provocato. Prego per il vostro conforto e la vostra guarigione”.

Nella ricorrenza del quinto anniversario della strage, il “Boston Globe”, il più diffuso quotidiano del New England americano, ha avuto accesso ai magazzini della “Iron Mountain”, un’azienda di Northborough, e agli archivi della città, a West Roxbury, dove sono conservati con ogni cura i reperti di quel giorno tragico e le migliaia di testimonianze lasciate sul luogo dell’attentato, un memoriale sorto spontaneamente fatto di messaggi, peluche, maglie sportive, fasce, scarpe, bandiere, pettorali, disegni, crocifissi e resti di candele. I dipendenti si sono offerti volontari per riunire e catalogare i reperti, mentre altri si occupavano di trascrivere le migliaia di messaggi, fra cui quello dei familiari di Jesus Sanchez, uno dei passeggeri del volo “United 175” partito dall’aeroporto Logan e finito contro la torre sud del World Trade Center di New York.

In quattro scatole altrettante croci, quelle con i nomi delle vittime: Lu Lingzi, 20 anni, prossima alla specializzazione alla Boston University, Martin Richard, un bimbo di 8 anni, Krystle Campbell, 29 anni, e Collier Sena, l’agente ucciso dai due fratelli Carnaev. Un luogo diventato in qualche modo sacro, che raccoglie e conserva le storie di gente che quel giorno ha incrociato il proprio destino con la follia di due giovani, convinti da un’ideologia folle e assassina che la via più semplice per il paradiso fosse uccidere chi li aveva accolti e ospitati.

La strage della “Boston Marathon”, nel 2016 ha ispirato il film “Patriots Day” (Boston: caccia all’uomo), pellicola interpretata da Mark Wahlberg e tratta dal libro “Boston Strong”, scritto da Casey Sherman e Dave Wedge. E un altro film dedicato a quel giorno è già annunciato: la storia di Jeff Bauman, giovane di 29 anni che nell’esplosione ha perso entrambe le gambe, ma non la voglia di vivere.

Galleria fotografica
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 1
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 2
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 3
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 4
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 5
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 6
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 7
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 8
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 9
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 10
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 11
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 12
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 13
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 14
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 15
La Maratona di Boston, cinque anni dopo - immagine 16
Biografie - anniversari
La storia segreta di miss Computer
La storia segreta di miss Computer
Il nome di Evelyn Berezin è meno noto di molti altri guru dell’informatica, ma se oggi abbiamo davanti gli occhi un computer, il merito è solo suo
Addio a Ennio Fantastichini
Addio a Ennio Fantastichini
Il popolare attore protagonista di numerosi film di successo, si è arreso alla leucemia
Bernardo Bertolucci, addio all'ultimo imperatore
Bernardo Bertolucci, addio all
Si è spento a 77 anni uno dei più grandi e celebrati maestri del cinema italiano: una carriera lunga oltre mezzo secolo disseminata di capolavori destinati alla storia della settima arte. Fondamentale l’incontro con Pier Paolo Pasolini
La mia vita con i Queen
La mia vita con i Queen
Intervista a Peter Hince, storico “road manager” della band britannica che ha raccontato in un libro la sua esperienza al fianco del gruppo di Freddie Mercury, scomparso 27 anni fa
La notte che si è portata via River Phoenix
La notte che si è portata via River Phoenix
Venticinque anni fa se ne andava uno dei più promettenti talenti di Hollywood. Samantha Mathis, la sua fidanzata di allora, racconta gli ultimi anni del ragazzo che odiava la celebrità
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Jack Kerouac, per sempre sulla strada
Se ne andava 49 anni fa lo scrittore che ha tolto ogni alibi all’insoddisfazione dei giovani, dando il via alla Beat Generation. Un anticonformista di talento, che aveva scelto la strada per raccontare un’America poco presentabile
Addio a Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada
Addio a Dennis Hof, il re dei bordelli del Nevada
Esagerato, sbruffone, simpatico, aveva costruito un impero sul sesso e sognava la carriera politica. Aveva iniziato dal basso, finendo per parlare del suo mestiere strano perfino nelle università di mezzo mondo
Elon Musk, il genio ribelle
Elon Musk, il genio ribelle
Vulcanico, assetato di vita, geniale, ma anche sfrontato, ironico, pasticcione. Ritratto del fondatore di idee come Tesla e SpaceX, lanciate verso un futuro che ogni tanto vede solo lui
29 settembre, seduto in quel caffè...
29 settembre, seduto in quel caffè...
La leggenda di “29 Settembre”, uno dei brani più celebri della coppia Mogol-Battisti, portato al successo dall’Equipe 84
11 SETTEMBRE, PER SEMPRE
11 SETTEMBRE, PER SEMPRE
Diciassette anni dopo, l’area dove sorgevano le Twin Tower è un giardino pulito, ordinato e circondato di grattacieli nuovissimi. Sottoterra, un museo raccoglie cimeli e testimonianze di quel giorno