Addio al colosso degli airbag

| La Takata, azienda leader nei sistemi di sicurezza passiva, ha chiesto ufficialmente il fallimento. Pesano 11 morti sospette e un pozzo senza fondo di debiti miliardari

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Si chiude nel peggiore dei modi, quella che secondo molti è uno dei peggiori capitoli nella storia recente dell'automobile: la "Takata", florida azienda giapponese con 46.000 dipendenti in tutto il mondo che aveva in mano il 20% del mercato mondiale degli airbag, ha aperto la procedura di fallimento presso i tribunali giapponesi e americani.

È l'ultimo atto di una discesa inarrestabile, iniziata nel 2013 e culminata con una pioggia di richieste di indennizzo che hanno raggiunto in un amen la cifra stellare di 8,03 miliardi di euro. Tutto inizia dall'accusa lanciata dalle autorità americane, che considerano l'azienda giapponese responsabile di 11 morti, avvenute in altrettanti incidenti stradali a causa di airbag dal funzionamento difettoso. Le indagini, hanno appurato che il deterioramento del gas propellente ha portato in diversi casi all'attivazione improvvisa della carica esplosiva che fa scattare l'airbag, con conseguenze drammatiche per gli automobilisti.

La procedura di fallimento arriva da una perdita di 700 milioni di dollari, che si aggiungono a debiti societari ormai superiori ai mille miliardi di Yen, più o meno 8,03 miliardi di euro. Nella migliore tradizione orientale, è stato Shigehisa Takada, presidente e CEO, a offrire pubblicamente le proprie dimissioni, seguite dall'annuncio di un supporto finanziario offerto dal governo per le 130 aziende satellite in qualche modo coinvolte nel crack.

Ai debiti, si sommano i danni subiti da dieci marchi automobilistici (BMW, Chrysler, Ford, General Motors, Honda, Mazda, Nissan, Mitsubishi, Subaru e Toyota) che hanno installato gli airbag Takata su venti milioni di veicoli (13,4 quelli a marchio Honda) dal 2008 in poi.

Shigehisa Takada, nipote del fondatore dell'azienda, aveva sostituito Stefan Stocker provando a mettere in atto una missione impossibile: convincere l'Nhtsa, l'ente statale americano per la sicurezza stradale, che il richiamo di 50 milioni di autoveicoli dovesse essere preso in carico dai rispetti marchi automobilistici.

Car Industry
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500
L'auto ha imparato il cinese
L
Uno dopo l’altro, i principali marchi automobilistici che formano l’intricata galassia cinese. Quasi tutti vantano joint-venture, collaborazioni e partecipazioni con i brand europei
Alfa Romeo vola in Germania
Alfa Romeo vola in Germania
Nello scenario dell’addio di Marchionne, entra in scena il destino del marchio di Arese, che fa gola ai tedeschi di VW da tempo. Sarebbe il quarto marchio italiano dopo Italdesign, Lamborghini e Ducati: Italia-Germania 0-4
Volvo XC 40 Car of the Year 2018
Volvo XC 40 Car of the Year 2018
Il piccolo suv venuto dal freddo batte la concorrenza e convince i giurati del premio, assegnato a poche ore dall’inizio del Salone di Ginevra. Delusione per l’Alfa Stelvio, ultima delle sette candidate
Tutti i dubbi sullo
spin-off Magneti Marelli
Tutti i dubbi sullo<br>spin-off Magneti Marelli
Moody’s boccia l’operazione e Piazza Affari la festeggia: la verità sta forse nel mezzo. È uno dei primi passaggi dello spezzatino finale di Marchionne, pronto a vendere ogni singolo pezzo dell’ex impero. Fiat compresa?
Salone di Ginevra 2018, record di anteprima mondiali
Salone di Ginevra 2018, record di anteprima mondiali
Sta per partire l’88esima edizione della più popolare e seguita kermesse automobilistica. Tante le novità, ma di peso anche le assenze