Basterà un solo pedale per accelerare e fermarsi

| Si chiama e-Pedal, è un sistema elettronico ideato da Nissan che riunisce in un colpo solo le funzioni di acceleratore e freno

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Perché avere due pedali, quando se può usare solo uno? Se la diffusione del cambio automatico ha mandato in pensione la vecchia e cara frizione meccanica, i giapponesi di Nissan hanno pensato di fare lo stesso con uno dei due rimasti: freno e acceleratore.

La novità, che potrebbe rivoluzionare le abitudini pedestri del mondo dell'auto, è definita senza mezzi termini "Una tecnologia rivoluzionaria che cambierà radicalmente l'esperienza di guida". Il sistema, battezzato "e-Pedal", debutterà a breve sulla nuova "Leaf", acronimo di "Leading, Environmentally friendly, Affordable, Family car" (più o meno "Auto familiare amica dell'ambiente, economica e accessibile"), una berlina a due volumi e cinque porte full electric introdotta sui mercati nel 2010 giunta ormai alla seconda generazione. Il sistema a controllo elettronico e-Pedal racchiude in un solo e unico pedale la funzione di acceleratore e quella di freno, consentendo di rallentare e fermarsi anche in salita senza alcun problema. Una soluzione, assicurano alla Nissan, "che permette di coprire il 90% dei compiti del conducente, reso libero dai compiti più noiosi e stressanti, soprattutto in condizioni di traffico cittadino".

Il pensiero, del tutto corretto, corre immediatamente ad incanalare la novità tecnologica nelle caselle di avvicinamento alla guida autonoma.

Car Industry
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500
L'auto ha imparato il cinese
L
Uno dopo l’altro, i principali marchi automobilistici che formano l’intricata galassia cinese. Quasi tutti vantano joint-venture, collaborazioni e partecipazioni con i brand europei
Alfa Romeo vola in Germania
Alfa Romeo vola in Germania
Nello scenario dell’addio di Marchionne, entra in scena il destino del marchio di Arese, che fa gola ai tedeschi di VW da tempo. Sarebbe il quarto marchio italiano dopo Italdesign, Lamborghini e Ducati: Italia-Germania 0-4
Volvo XC 40 Car of the Year 2018
Volvo XC 40 Car of the Year 2018
Il piccolo suv venuto dal freddo batte la concorrenza e convince i giurati del premio, assegnato a poche ore dall’inizio del Salone di Ginevra. Delusione per l’Alfa Stelvio, ultima delle sette candidate