Buio pesto sul mercato dell’auto

| Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
“Senza un accordo, imporremmo dazi sulle auto europee”: il freschissimo tweet di Donald Trump si aggiunge a numeri che hanno tolto il sonno agli analisti. Dopo l’entusiasmante corsa di agosto, con un +9,65%, il mercato auto ripiomba nel buio, chiudendo il mese di settembre con un preoccupante -25,37%: 124.967 immatricolazioni, che significano ben 42mila in meno rispetto ad un anno fa.

Difficile dire con esattezza a cosa sia dovuta la contrazione, ognuno ha la sua formula: qualcuno parla di una nuova ventata d’aria densa di incertezze che spinge le famiglie a tenersi in garage l’auto vecchia, secondo altri la battaglia economica appena iniziata fra l’Italia e la UE fa temere rappresaglie che peseranno sulle tasche degli italiani, altri ancora sono propensi a optare per una grande confusione generata dalle normative antinquinamento che limitano la circolazione, condannando a morte il diesel attraverso una vera campagna di demonizzazione.

Comunque la si guardi, è una debacle che guasta un’annata avviata verso una chiusura quantomeno confortante, con numeri che per i primi nove mesi parlavano di 1.491.261 unità, “solo” il 2,8% in meno del 2017.

Il diesel, c’era da aspettarselo, sono quelli che pagano di più: -38% in settembre per un -9% annuo, il 47,6% del mercato, una cifra così bassa non si vedeva da almeno un decennio. Meno eclatante il crollo delle auto a benzina, che in settembre contiene la flessione in un -6% mantenendo il segno più – anche se di poco – nei conti annuali, dove registra il +2%. Le uniche a crescere sono le elettriche, che per quanto guadagnino terreno restano comunque una fettina del mercato che da sola non basta a dare sollievo ai numeri.

Cala anche l’usato, mercato che in genere nei periodi di crisi vive un fermento, con 339.354 passaggi di proprietà, il 7,94% in meno del 2017.

Nel dettaglio, i marchi italiani mettono insieme 28.554 immatricolazioni: il -39,8% e una quota di mercato del 22,8%. FCA si salva in zona Cesarini con la Fiat Panda e la 500, che insieme mantengono lo scettro di più vendute nel segmento delle utilitarie con il 49%. Tengono duro anche la Tipo, primo modello fra le medie-inferiori, e l’Alfa Romeo Stelvio, primo dei Suv di taglia media.

Il calo è a doppia cifra per tutti: Mercedes si ferma al -10,24% e Audi al -51,17%. Dal segno meno si salvano solo in due: Kia, che chiude con il +11,19% e Volvo, +38,90%.

L’Anfia il Centro Studi Promotor tendono a gettare acqua sul fuoco, parlando di una contrazione fisiologica che dovrebbe normalizzarsi nel quarto trimestre, assorbendo lo stock di vetture immatricolate Euro 6B, e di un moderato ottimismo dei concessionari per i prossimi mesi.

Car Industry
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500
L'auto ha imparato il cinese
L
Uno dopo l’altro, i principali marchi automobilistici che formano l’intricata galassia cinese. Quasi tutti vantano joint-venture, collaborazioni e partecipazioni con i brand europei
Alfa Romeo vola in Germania
Alfa Romeo vola in Germania
Nello scenario dell’addio di Marchionne, entra in scena il destino del marchio di Arese, che fa gola ai tedeschi di VW da tempo. Sarebbe il quarto marchio italiano dopo Italdesign, Lamborghini e Ducati: Italia-Germania 0-4
Volvo XC 40 Car of the Year 2018
Volvo XC 40 Car of the Year 2018
Il piccolo suv venuto dal freddo batte la concorrenza e convince i giurati del premio, assegnato a poche ore dall’inizio del Salone di Ginevra. Delusione per l’Alfa Stelvio, ultima delle sette candidate
Tutti i dubbi sullo
spin-off Magneti Marelli
Tutti i dubbi sullo<br>spin-off Magneti Marelli
Moody’s boccia l’operazione e Piazza Affari la festeggia: la verità sta forse nel mezzo. È uno dei primi passaggi dello spezzatino finale di Marchionne, pronto a vendere ogni singolo pezzo dell’ex impero. Fiat compresa?