L’abominevole Nissan delle nevi

| Un curioso esercizio di stile realizzato per il salone di Chicago, ha trasformato la coupé giapponese in una motoslitta

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Nevica? E chissenefrega. Anzi, il capriccio del tempo può anche trasformarsi in un piacevole diversivo. È un po’ questo, il senso di “370Zki”, la celebre roadster Nissan trasformata in una motoslitta e svelata in questi giorni al “Chicago Auto Show”. Un semplice esercizio di stile, per adesso non destinato alla produzione, che in realtà replica esperimenti simili su Pathfinder, Murano e Rogue. Ed è un peccato, perché per stessa ammissione di Michael Bunce, vice presidente Nissan North America, il concept è stato testato abbondantemente sulle piste del Wyoming.

Al posto delle ruote, la 370Zki monta cingoli anteriori e posteriori, con assetto rialzato di 7,5 cm per fare posto a molle, freni e impianto di scarico di dimensioni maggiori. A dare enfasi all’allestimento anche il body wrap personalizzato, con i fari colorati di giallo per ricordare degli occhiali da sci.

Tecnicamente, nulla cambia rispetto alla “370Z”: motore V6 da 3,7 litri con 330 CV e cambio automatico a sette rapporti.

Galleria fotografica
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 1
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 2
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 3
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 4
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 5
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 6
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 7
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 8
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 9
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 10
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 11
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 12
Car Industry
FCA e PSA verso la fusione?
FCA e PSA verso la fusione?
L’entusiasmo del gruppo francese (e il silenzio degli italiani), porta comunque bene al gruppo italiano, che fa un balzo in avanti in borsa. Insieme darebbero vita al quarto colosso mondiale
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500
L'auto ha imparato il cinese
L
Uno dopo l’altro, i principali marchi automobilistici che formano l’intricata galassia cinese. Quasi tutti vantano joint-venture, collaborazioni e partecipazioni con i brand europei
Alfa Romeo vola in Germania
Alfa Romeo vola in Germania
Nello scenario dell’addio di Marchionne, entra in scena il destino del marchio di Arese, che fa gola ai tedeschi di VW da tempo. Sarebbe il quarto marchio italiano dopo Italdesign, Lamborghini e Ducati: Italia-Germania 0-4