L’abominevole Nissan delle nevi

| Un curioso esercizio di stile realizzato per il salone di Chicago, ha trasformato la coupé giapponese in una motoslitta

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Nevica? E chissenefrega. Anzi, il capriccio del tempo può anche trasformarsi in un piacevole diversivo. È un po’ questo, il senso di “370Zki”, la celebre roadster Nissan trasformata in una motoslitta e svelata in questi giorni al “Chicago Auto Show”. Un semplice esercizio di stile, per adesso non destinato alla produzione, che in realtà replica esperimenti simili su Pathfinder, Murano e Rogue. Ed è un peccato, perché per stessa ammissione di Michael Bunce, vice presidente Nissan North America, il concept è stato testato abbondantemente sulle piste del Wyoming.

Al posto delle ruote, la 370Zki monta cingoli anteriori e posteriori, con assetto rialzato di 7,5 cm per fare posto a molle, freni e impianto di scarico di dimensioni maggiori. A dare enfasi all’allestimento anche il body wrap personalizzato, con i fari colorati di giallo per ricordare degli occhiali da sci.

Tecnicamente, nulla cambia rispetto alla “370Z”: motore V6 da 3,7 litri con 330 CV e cambio automatico a sette rapporti.

Galleria fotografica
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 1
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 2
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 3
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 4
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 5
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 6
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 7
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 8
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 9
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 10
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 11
L’abominevole Nissan delle nevi - immagine 12
Car Industry
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500
L'auto ha imparato il cinese
L
Uno dopo l’altro, i principali marchi automobilistici che formano l’intricata galassia cinese. Quasi tutti vantano joint-venture, collaborazioni e partecipazioni con i brand europei
Alfa Romeo vola in Germania
Alfa Romeo vola in Germania
Nello scenario dell’addio di Marchionne, entra in scena il destino del marchio di Arese, che fa gola ai tedeschi di VW da tempo. Sarebbe il quarto marchio italiano dopo Italdesign, Lamborghini e Ducati: Italia-Germania 0-4
Fiat: the china affair
Fiat: the china affair
ESCLUSIVO - Sarebbe tutto pronto per la cessione del marchio Fiat ad un gruppo orientale. Oltre alla chiusura della Lancia, il possibile lo scorporo dall’affare della gamma 500, insieme ad Alfa Romeo e Maserati
Volvo XC 40 Car of the Year 2018
Volvo XC 40 Car of the Year 2018
Il piccolo suv venuto dal freddo batte la concorrenza e convince i giurati del premio, assegnato a poche ore dall’inizio del Salone di Ginevra. Delusione per l’Alfa Stelvio, ultima delle sette candidate
Tutti i dubbi sullo
spin-off Magneti Marelli
Tutti i dubbi sullo<br>spin-off Magneti Marelli
Moody’s boccia l’operazione e Piazza Affari la festeggia: la verità sta forse nel mezzo. È uno dei primi passaggi dello spezzatino finale di Marchionne, pronto a vendere ogni singolo pezzo dell’ex impero. Fiat compresa?
Salone di Ginevra 2018, record di anteprima mondiali
Salone di Ginevra 2018, record di anteprima mondiali
Sta per partire l’88esima edizione della più popolare e seguita kermesse automobilistica. Tante le novità, ma di peso anche le assenze
E Cupra diventa un brand
E Cupra diventa un brand
Da badge riservato alle versioni più sportive di Seat, a vero e proprio marchio. L’ad De Meo non nasconde ambizioni future: “È l’inizio di una storia ancora tutta da scrivere”
Denza 500, l’elettrica con autonomia record
Denza 500, l’elettrica con autonomia record
Nata da una joint venture fra i tedeschi di Daimler e i cinesi di BYD, per adesso è in vendita solo nei mercati orientali
Citroën, addio Picasso
Citroën, addio Picasso
La storica definizione delle monovolume francesi va in pensione, sostituita da “SpaceTourer”. Ufficialmente per dare identità al marchio, in via confidenziale perché costava troppo