Porsche Taycan, il puledro elettrico

| In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020

+ Miei preferiti
Taycan: abituiamoci al nome, perché ne sentiremo parlare. È la prima Porsche 100% elettrica creata a Zuffenhausen, lo storico quartier generale dove si guarda al futuro dei sogni su ruote. Il nome è stato svelato poche ore fa nel corso delle celebrazioni per i 70 anni del marchio: il modo migliore per unire quel che è stato con ciò che sarà.

Di Taycan, per adesso, si sa poco, la rotta di avvicinamento al 2020, data di uscita confermata, è ancora lunga, e la sapienza messa da parte in 70 anni ha insegnato che centellinare significa tenere alta la curiosità. Basata sul prototipo “Mission-E”, la Taycan sarà in grado di coprire 482 km con una ricarica, che si abbassano a 386 sfruttando la modalità di ricarica veloce in 15 minuti.

Sempre restando nel campo delle ipotesi, la potenza dei motori elettrici a magneti permanenti dovrebbe assicurare 440 kW, l’equivalente di 600 CV, con scatto 0-100 km/h in 3,5 secondi (12 netti per toccare i 200) e velocità massima fissata a 250 km/h.

Il programma di elettrificazione della gamma, illustrato da Oliver Blume, CEO di Porsche, prevede un investimento di sei miliardi di euro entro il 2022, compreso l’adeguamento dell’impianto produttivo di Zuffenhausen, con l’obiettivo di produrre 20.000 esemplari all’anno della nuova sportiva.

A proposito: Taycan è un termine asiatico con cui si indica un “puledro vivace”. Quasi inutile ricordare che al centro esatto del simbolo Porsche c’è un cavallo rampante.

Galleria fotografica
Porsche Taycan, il puledro elettrico - immagine 1
Porsche Taycan, il puledro elettrico - immagine 2
Car Industry
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500
L'auto ha imparato il cinese
L
Uno dopo l’altro, i principali marchi automobilistici che formano l’intricata galassia cinese. Quasi tutti vantano joint-venture, collaborazioni e partecipazioni con i brand europei
Alfa Romeo vola in Germania
Alfa Romeo vola in Germania
Nello scenario dell’addio di Marchionne, entra in scena il destino del marchio di Arese, che fa gola ai tedeschi di VW da tempo. Sarebbe il quarto marchio italiano dopo Italdesign, Lamborghini e Ducati: Italia-Germania 0-4
Volvo XC 40 Car of the Year 2018
Volvo XC 40 Car of the Year 2018
Il piccolo suv venuto dal freddo batte la concorrenza e convince i giurati del premio, assegnato a poche ore dall’inizio del Salone di Ginevra. Delusione per l’Alfa Stelvio, ultima delle sette candidate
Tutti i dubbi sullo
spin-off Magneti Marelli
Tutti i dubbi sullo<br>spin-off Magneti Marelli
Moody’s boccia l’operazione e Piazza Affari la festeggia: la verità sta forse nel mezzo. È uno dei primi passaggi dello spezzatino finale di Marchionne, pronto a vendere ogni singolo pezzo dell’ex impero. Fiat compresa?
Salone di Ginevra 2018, record di anteprima mondiali
Salone di Ginevra 2018, record di anteprima mondiali
Sta per partire l’88esima edizione della più popolare e seguita kermesse automobilistica. Tante le novità, ma di peso anche le assenze
E Cupra diventa un brand
E Cupra diventa un brand
Da badge riservato alle versioni più sportive di Seat, a vero e proprio marchio. L’ad De Meo non nasconde ambizioni future: “È l’inizio di una storia ancora tutta da scrivere”