Volvo XC 40 Car of the Year 2018

| Il piccolo suv venuto dal freddo batte la concorrenza e convince i giurati del premio, assegnato a poche ore dall’inizio del Salone di Ginevra. Delusione per l’Alfa Stelvio, ultima delle sette candidate

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Dopo le emozioni dell’Oscar e l’abbuffata elettorale, per la verità non ancora conclusa, abbiamo anche l’Auto dell’Anno 2018. Secondo la decisione dei 60 membri della giuria, il titolo va alla “Volvo XC40”, il suv più piccolo della gamma del marchio svedese, idealmente piazzato a colmare i vuoto fra le sorelle, XC 90 e XC60.

È l’annuncio dato da Franck Jansen, presidente del premio “Car of the Year”: per Volvo si tratta della prima vittoria del titolo nella sua storia. La XC40 ha dominato con 325 punti, seguita da Seat Ibiza (242), BMW Serie 5 (226), Kia Stinger (204), Citroën C3 Aircross (171), Audi A6 (196) e Alfa Romeo Stelvio (1963). Le delusione italiana riguarda proprio il Suv Alfa Romeo, per tanti il modello che meritava il titolo.

La migliore dell’anno

Nel 1964, quando l’automobile aveva ancora bisogno di “endorsement”, quattro riviste europee specializzate in automotive stringono un accordo e inventano un premio da assegnare alla miglior novità su ruote dell’anno. Sono l’olandese “AutoVisie”, l’italiana “Quattroruote”, la tedesca “Stern” e svedese “Vi Bilägare”: la prima edizione va alla berlina di classe “Rover 2000”, che chissà per quale arcano precede l’elegantissima “Mercedes 600”. Terzo posto per l’inguardabile “Hillman Imp”. A giudicare i vari modelli è chiamata una giuria di giornalisti specializzati.

Nel tempo, il premio ha conquistato una notevole notorietà e un piccolo regolamento di ammissione: per entrare nel novero, i nuovi modelli devono essere stati commercializzati in almeno cinque paesi europei, e i criteri di giudizio seguono diversi parametri di valutazione, dal design, al rapporto qualità-prezzo.

Dopo una prima scrematura, solo sette modelli sono ammessi alla fase finale, con la fase della proclamazione della vincitrice che da sette anni a questa parte va in scena il giorno antecedente alle giornate stampa del Salone di Ginevra.

A vincere il maggior numero di edizione è il marchio Fiat (9), seguito da Renault (6), Ford (5), Opel (5) e Volkswagen (4). Una sola vittoria per Lancia, Mercedes-Benz e Porsche.

Articoli correlati
Car Industry
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Carlos Ghosn ha lasciato la Renault
Formalizzate le dimissioni da presidente e CEO del marchio francese, in parte controllato dallo Stato. Renault aveva resistito al licenziamento immediato da parte di Nissan e Mitsubishi
Ford e Volkswagen
il matrimonio del secolo
Ford e Volkswagen<br>il matrimonio del secolo
Ufficializzata dal palcoscenico di Detroit l’alleanza fra Wolfsburg e Dearborn: si parte con pick-up, van ed elettriche, ma l'intento è di creare un colosso globale
Buio pesto sul mercato dell’auto
Buio pesto sul mercato dell’auto
Una flessione improvvisa del -25,37%, dovuta ad una congiuntura di nuvole nere e pensieri nefasti, ha guastato la ripresa dell’automobile. Per qualcuno è una pausa fisiologica
Porsche Taycan, il puledro elettrico
Porsche Taycan, il puledro elettrico
In occasione dei 70 anni del marchio, svelato il nome e qualche dettaglio della nuova Porsche 100% elettrica. Sarà in vendita dal 2020
Hyundai scala FCA
Marchionne ha detto no
Hyundai scala FCA<br> Marchionne ha detto no
Lo ha rivelato, per l’ennesima volta, un quotidiano economico asiatico. La condizione sarebbe una discesa del valore in borsa. Secca smentita di Hyundai, segue il "no" del Ceo Fca. Ma non è tutto chiaro
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
Dieselgate, il giallo della fabbrica dei veleni
La storia completa del peggior scandalo automobilistico di sempre: dal compito di tre studenti universitari alle tante class action, per finire con le manette e le multe colossali. E non è ancora finita
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Marchionne: “Fiat non si vende” ma i dubbi restano tutti
Il numero uno di FCA tenta di rassicurare i mercati ma leggendo bene lascia la porta aperta a qualsiasi futuro. Quasi certo lo spin-off della gamma 500
L'auto ha imparato il cinese
L
Uno dopo l’altro, i principali marchi automobilistici che formano l’intricata galassia cinese. Quasi tutti vantano joint-venture, collaborazioni e partecipazioni con i brand europei
Alfa Romeo vola in Germania
Alfa Romeo vola in Germania
Nello scenario dell’addio di Marchionne, entra in scena il destino del marchio di Arese, che fa gola ai tedeschi di VW da tempo. Sarebbe il quarto marchio italiano dopo Italdesign, Lamborghini e Ducati: Italia-Germania 0-4
Tutti i dubbi sullo
spin-off Magneti Marelli
Tutti i dubbi sullo<br>spin-off Magneti Marelli
Moody’s boccia l’operazione e Piazza Affari la festeggia: la verità sta forse nel mezzo. È uno dei primi passaggi dello spezzatino finale di Marchionne, pronto a vendere ogni singolo pezzo dell’ex impero. Fiat compresa?