Black Panther, esordio da 360 milioni di dollari

| Sbanca il botteghino il film Usa del regista Coogler. Recensioni entusiastiche, eccezionale risposta del pubblico. Al centro una trama controversa e affascinante. Incassi record

+ Miei preferiti

Black Panther, produzione Marvel Cinematic Universe, ha sbancato il botteghino americano con cifre da record sopra ogni aspettativa. Nel weekend film di Ryan Coogler ha portato nelle casse statunitensi la cifra monster di 192 milioni di dollari, diventando non solo il miglior risultato di un weekend invernale di sempre, ma il quinto esordio migliore nella storia del box-office americano. In tutto il mondo, Black Panther ha già incassato oltre 361 milioni di dollari e deve ancora uscire in ricchi mercati come quello cinese e quello giapponese. Nella classifica dei migliori esordi della Marvel, Black Panther si posiziona secondo, subito dietro al - finora - inarrivabile The Avengers  (207 milioni). Protagonista del film Chadwick Boseman nei panni di T'Challa, re di Wakanda e membro degli Avengers. Nel cast Michael B. Jordan interpreta il villain Erik Killmonger. Il film Black Panther che negli States è diventato un caso che va molto oltre l’aspetto artistico e tecnico. Qui si parla di razza, di predominio, di giusta rivolta, se è giusto per il bene comune, agire, semplificando, in modo criminale se non scarsamente etico. Può una comunità uccidere, sterminare, in nome della propria sopravvivenza o del proprio benessere? La trama. Tornato a casa dopo la morte di suo padre, T.Challa sale al trono come nuovo re del Wakanda. Tuttavia, quando due nemici si alleano per detronizzarlo, T'Challa è costretto a indossare le vesti di Pantera Nera e allearsi con la CIA e le Dora Milaje, le forze speciali del Wakanda, per salvare il suo paese e il mondo intero. E scrive, su The wrap.com, il supercritico Alonso Duralde: “Una volta che i personaggi diventavano stelle affermate nel mondo del fumetto, gli editori creavano titoli antologici come "Superman Family" o "Archie's Gals and Pals", permettendo così ai lettori di ottenere non solo nuove storie sul personaggio titolo, ma anche racconti accessori su, per esempio, Lois Lane o Principal Weatherbee. Lo faccio perché "Black Panther" fa un grande lavoro introducendo nell' orbita i personaggi di supporto affascinanti che a malapena riesce a trovare il tempo di scavare nel suo presunto protagonista.…”. Poi l’analisi.

T.CHALLA PERSONAGGIO COLLERALE MARVEL

Il Black Panther nero (interpretato da Chadwick Boseman) era stato introdotto all' universo cinematografico Marvel in una breve apparizione in "Capitano America: Guerra Civile", in cui suo padre, il re T' Chaka della nazione africana di Wakanda, è stato assassinato. Questa avventura solista, diretta da Ryan Coogler (che ha scritto insieme a Joe Robert Cole,"American Crime Story: The People vs. O. J.". Simpson "), circonda il nostro eroe con un tale formidabile cadre di ragazze e compagni - e lo circonda per un pezzo del terzo atto - che gli viene quasi spinto sullo sfondo. All' apertura del film, il principe T' Challa di Boseman torna a Wakanda, dove subentra al padre sia sul trono che come detentore dei poteri della pantera nera. Questo è uno dei pochi supereroi che è anche un capo di stato.) Ciò che rende insolito "Black Panther" è che non ci sono ostacoli personali che il nostro eroe deve superare; è pronto, disposto e capace di ereditare entrambi i titoli, senza bisogno di superare l' hubris o paura o arroganza. Per fortuna, ci è stato risparmiato l' ennesimo viaggio di un altro eroe riluttante in stile Joseph Campbell.

Ciò che sta dietro a T' Challa è la dura realtà della politica e della statualità, mentre impara un segreto oscuro dal passato di suo padre. Wakanda, si vede, è stato costruito dove un meteorite fatto di puro vibranio (il metallo da cui lo scudo del capitano America è stato forgiato) si è schiantato. I Wakandan sono tecnologicamente avanzati, ma hanno mantenuto la loro ricchezza e magia un segreto dal mondo.

INTERROGATIVI GLOBALI E DRAMMATICI

“Una delle trame più drammatiche - e rilevanti - che il film esplora è se le società avanzate debbano o meno alla comunità globale condividere le loro scoperte piuttosto che mantenere la propria taglia a se stesse. (O come chiede un personaggio, mettendoci un punto non troppo bello, costruiamo ponti o erigiamo barriere? L' ex fidanzata Nakia di T' Challa (Lupita Nyong' o), una spia che vediamo per prima cosa liberare le donne catturate e i bambini soldato, pensa che sia dovere di Wakanda usare le sue risorse per aiutare i meno fortunati”, analizza Duralde. E quando si presenta un criminale assassino con l' accattivante soprannome di Killmonger (Michael B. Jordan), vuole anche che Wakanda condivida la sua ricchezza, mettendo le sue armi high-tech nelle mani dei rivoluzionari neri di tutto il mondo. Abbastanza, tutto questo, per sollevare un caso che va ben oltre al film, presto nelle sale italiane. 

LE RECENSIONI USA

The Guardian – “Voglio storie dove Black Panther si avventura fuori da Wakanda e spero che Nakia abbia un film tutto suo. La cosa intrigante di Black Panther è che non sembra un film di supereroi, ma un film fantasy romantico eccitante, sovversivo e divertente.”

USA Today – “Sebbene i temi siano profondi, Black Panther è allo stesso tempo visivamente fantastico, con le giuste stravaganze, scene d’azione pazzesche con tanti effetti visivi, e la gloriosa Wakanda, la cui cultura è ricca di influenze africane ma proiettata verso ciò che potrebbe essere una città del futuro. Non aspettiamo troppo per un nuovo film.”

Collider – “Black Panther non è un trionfo solo perché è un film importante e senza precedenti, ma anche perché è un film di supereoi pazzesco e splendido da vedere. Un equilibrio delicato e impressionante. Ci sono dei difetti, ma sono frutto dello stile Marvel – il film dura 20 minuti di troppo e ci sono troppi villain minori, ma sono piccoli difetti che non distolgono l’attenzione dal successo di Coogler.”

The Times – “Benvenuti a Wakanda, piccola città dell’Africa orientale che ospita una civiltà monarchica e tribale ma altamente tecnologica. […] Questo è il modo giusto di fare il primo film di supereroi neri dell’era moderna.”

New York Times – “L’etnia è importante in Black Panther, molto importante non solo in termini manicheistici di buoni /cattivi, ma anche come modo di esplorare preoccupazioni umane più ampie come il passato, il presente e l’abuso di potere. Anche solo questo rende il film molto più riflessivo sul modo in cui funziona il mondo di un mucchio di film mainstream.”

Los Angeles Times – “Coogler tocca temi profondi come il razzismo e l’oppressione pur perseguendo l’obiettivo principale di un film Marvel, cioè intrattenere il grande pubblico. Il risultato è un film che funziona bene senza mai dimenticare la propria coscienza sociale.”

Independent – “Un film supereroistico che merita di essere visto due volte, cosa assai rara.”

Empire Online – “Come aveva già fatto Taika Waititi, Ryan Coogler dà un taglio autoriale al modello Marvel creando uno spettacolo africano che mette insieme intensità muscolare, stimolo intellettuale e divertimento.”

THR – “Con tempismo perfetto, la Marvel porta i supereroi in un dominio inedito, e questo è un bene per Black Panther.”

The Wrap – “Come molti dei migliori film Marvel, Black Panther non perde tempo cercando di preparare terreno per un film successivo (ma rimanete seduti durante i titoli di coda), e non dà per scontato che conosciate a memoria tutti e 17 i film usciti prima.”

Variety – “Al di là del significato storico, quello che vogliono sapere i fan Marvel è come si posiziona Black Panther nei confronti degli altri film. Ebbene, non solo tiene, ma migliora la formula.”

The Playlist – “Agli spettatori potrebbe importare poco delle domande politiche ed etiche lanciate dal film, ma la cosa positiva è che Black Panther è fatto per piacere al grande pubblico.”

Video
CINEMA
I cento anni di Ingmar Bergman
I cento anni di Ingmar Bergman
Bologna aveva ricordato a giugno il grande maestro di cinema con una rassegna dei suoi film più importanti e anche sconosciuti. Successo della rassegna "Il Cinema Ritrovato"
Elvis e quel che resta dell’America
Elvis e quel che resta dell’America
Un road movie attraverso gli States sulla Rolls-Royce del Re del rock’n’roll. La metafora del sogno americano, del tutto identica all’esistenza folgorante e poi distrutta di Elvis Presley
La mafia non tira più, flop Travolta
La mafia non tira più, flop Travolta
Brutto esordio nella sale Usa per il film "Gotti" interpretato da Travolta. Incasso misero, solo 1 milione 67 mila dollari in 503 sale. Mai così male da 30 anni a oggi
Top Gun 2, Maverick sta tornando
Top Gun 2, Maverick sta tornando
Lo ha annunciato lo stesso Tom Cruise con un tweet: 32 anni dopo, le avventure del pilota scavezzacollo sono pronte a riempire nuovamente le sale
Anthony Hopkins e la figlia perduta
Anthony Hopkins e la figlia perduta
Da vent’anni, Abigail, nata dal primo matrimonio, non vuole avere contatti con il padre. Lui, davanti ai microfoni, confessa di essersi rassegnato: “Non posso obbligarla”
Dogman, niente sequestro per Garrone
Dogman, niente sequestro per Garrone
La famiglia de "Er pugile" si era ritenuta offesa dalla ricostruzione dell'omicidio di Gianfranco Ricci, ritenuta non verosimile e offensiva. Ma i giudici hanno respinto la richiesta. Film nelle sale
L’ultimo segreto di Whitney
L’ultimo segreto di Whitney
Un docu-film presentato fuori concorso a Cannes svela che la grande cantante americana da piccola fu costretta a subire le violenze di una cugina, Dee Dee Warwick, la sorella di Dionne
I denti finti di Jerry Lewis all’asta
I denti finti di Jerry Lewis all’asta
Fanno parte di un consistente lotto di abiti, oggetti, orologi e ricordi appartenuti al celebre comico scomparso meno di un anno fa. Una pacchia per i collezionisti
Se il bianco non è il simbolo del candore
Se il bianco non è il simbolo del candore
Il tema tragico de "I segreti di Wind River", thriller ambientato in una riserva indiana immersa nella neve, dove non ci sono buoni o cattivi ma uomini perduti e un' agente intelligente e sensibile. Regia di Sheridan
Tami, che il mare non ha voluto
Tami, che il mare non ha voluto
Nel 1983, finisce con il fidanzato Richard nel mezzo dell’uragano Raymond, con venti a 235 km/h. Lui muore, lei resiste 41 giorni: la sua storia, raccontata in un libro, sta per diventare un film