"Shape of Water" il bene anche dalla palude

| Il regista-attore Usa Benicio Del Toro presenta "Shape of Water", un film inquietante su una misteriosa creatura nata in una laguna. Ma il tema è la paura degli estranei, un fenomeno di ogni tempo. L'intervista a The Wrap.com

+ Miei preferiti
Per parlare di mostri, hai bisogno di mostri ". Sono state alcune delle parole di apertura del regista Guillermo del Toro dopo la proiezione di TheWrap del suo film "The Shape of Water" venerdì. The Shape of Water è un racconto romantico che sembra facile da amare e capire, poco più di una fiaba. Ma del Toro, con 13 nomination per l'Oscar, spiega se è vero che è ambientato nel 1962, in realtà si rivolege agli uomini del nostro tempo. "Shape of water" è una parabola che analizza la paura degli estranei e al nostro essere divisi sulla conoscenza e sulle idee che nel 1962, a proposito di conoscenza del diverso, erano in allora  come lo sono oggi. "
"Penso che ora siamo in un momento molto pericoloso. Abbiamo sacrificato e sostituito l' intelligenza al cinismo. Abbiamo incredibilmente paura di essere emotivi ", ha detto Del Toro a Steve Pond di TheWrap. "Non siamo mai stati così vicini e così lontani. E ci vengono continuamente ripetute le molte ragioni per cui l'"altro" è da biasimare ". Il mostro in questione in "The Shape of Water" è una misteriosa creatura marina che emerge direttamente dalla laguna nera. Come la creatura anfibio dimostra la sua intelligenza, lui e una donna muta di nome Eliza (Sally Hawkins) lentamente finiscono per amarsi a vicenda. Del Toro spiega che il suo film è pieno di "altri", quelle persone senza nome che sono spesso perseguitate oggi e che erano certamente ai margini della società nel 1962 ma anche oggi.
Oltre al personaggio muto di Hawkins, c' è un uomo gay anziano e artista in difficoltà interpretato da Richard Jenkins, uno scienziato interpretato da Michael Stuhlbarg la cui fame di conoscenza è ignorata, e Octavia Spencer come una donna che cerca di trovare il suo ruolo a casa e al lavoro. Insieme, queste persone proiettano i loro bisogni e i loro desideri su questa creatura e lottano per salvarlo, solo perché il mostro si riveli come un messia e li salvi alla fine. Per circa due terzi del film, la creatura è invisibile e  tutti pensano, anche con timore, come dovrebbe essere, "e poi si definisce nell' ultima parte del film ", ha detto il Toro. Egli è "l' altro" come si fa, ed è salvato dagli altri, dall' invisibile, dal silenzioso, dall' anonimo, che si unisce per salvarlo ".
In definitiva,"The Shape of Water" è un film sui rapporti per gli altri e con gli altri. Del Toro ha spiegato perché, in un mondo in cui il discorso si perde dopo pochi tweet online, un film horror e una fiaba ambientata nell' era della Guerra Fredda è stato il modo migliore per trasmettere un messaggio molto attuale per i contemporanei. Ognuno si sta spostando in periferia, ci sono auto a tema jet, famiglia nucleare, c' è una TV in ogni camera da letto. C' è la sensazione che apparteniamo alla promessa del futuro. La realtà è che se si scava un po', ci si rende conto che è un momento incredibilmente divisivo. Se si trattasse del genere sbagliato, della preferenza sessuale sbagliata o dello standard economico sbagliato, ci si sarebbe trovati in difficoltà. Se si approfondisce un po', si scopre che, ed è un modo perfetto per parlare ora ".
Il 2017 è stato un anno importante per i film di genere. Il film horror "Get Out" è stato anche nominato per Best Picture, e altre gemme del genere come "The Babadook","It Follows" stanno cercando di trasmettere un messaggio, uno qualsiasi, al pubblico.. "The Shape of Water" sembra sottolineare il felice momento attuale dell' orrore nella cultura pop. Ma il del Toro ha detto che ora più che mai è importante che guardiamo ai mitisti e narratori per affrontare questi grandi problemi attraverso le favole e la parabola. "Forse troppo tardi non riusciamo a superare questa situazione come specie ", ha detto a TheWrap. Può essere troppo tardi, e negli ultimi secondi della nostra esistenza come specie su questo pianeta, ci renderemo conto che forse non c' era nessun altro. Eravamo e siamo soli nell'universo.
Galleria fotografica
"Shape of Water" il bene anche dalla palude - immagine 1
CINEMA
Shark sbrana anche il botteghino
Shark sbrana anche il botteghino
Il film horror sale in vetta alla classifica dei film più visti, al secondo Ocean's 8 poi gli altri con i big di Hollywood. Il video-trailer. Cinema italiano non pervenuto
"OO7, 007...è un n-word...un nero!"
"OO7, 007...è un n-word...un nero!"
Fa discutere in Inghilterra l'ipotesi che il prossimo James Bond, dopo Daniel Craig, possa essere interpretato dall'attore di colore Idris Elba. Il precedente di Mel Brooks
L'eroina di Superman s'è uccisa
L
Margot Kidder fu protagonista del film Superman poi ebbe una carriera alterna ma importante. E' morta a maggio, uccisa da un'overdose di droga e alcol. La figlia: "Gesto volontario"
Ciao indimenticabile Jimmy il Fenomeno
Ciao indimenticabile Jimmy il Fenomeno
E' morto Luigi Origene Soffrano, in arte Jimmy il Fenomeno, aveva 86 anni. Ha recitato in 150 film, con la sua maschera unica e simbolo del cinema '70 e '80. Fu partner dei grandi della commedia all'italiana
Tom Cruise, re degli incassi globali con Fallout
Tom Cruise, re degli incassi globali con Fallout
L'incredibile successo dell'attore 55enne che s'è fratturato una caviglia nel corso delle riprese per non farsi sostituire dagli stunt-man. Il flop del film oleografico su Trump. I critici gli hanno dato zero
Robert Redford non reciterà più
Robert Redford non reciterà più
Ha compiuto giorni fa 80 anni e continuerà ad occuparsi di regia. "Ora voglio fare solo ciò che sento, non voglio dipendere più da nessuno"
Fallout, Tom Cruise sempre più impossibile
Fallout, Tom Cruise sempre più impossibile
L'attore 55enne si lancia con un paracadute ad apertura ritardata in una sequenza da infarto. Nessuna controfigura. La scena ripetuta più volte, in un crescendo di tensione. Parla il regista. Incassi record
I cento anni di Ingmar Bergman
I cento anni di Ingmar Bergman
Bologna aveva ricordato a giugno il grande maestro di cinema con una rassegna dei suoi film più importanti e anche sconosciuti. Successo della rassegna "Il Cinema Ritrovato"
Elvis e quel che resta dell’America
Elvis e quel che resta dell’America
Un road movie attraverso gli States sulla Rolls-Royce del Re del rock’n’roll. La metafora del sogno americano, del tutto identica all’esistenza folgorante e poi distrutta di Elvis Presley
La mafia non tira più, flop Travolta
La mafia non tira più, flop Travolta
Brutto esordio nella sale Usa per il film "Gotti" interpretato da Travolta. Incasso misero, solo 1 milione 67 mila dollari in 503 sale. Mai così male da 30 anni a oggi