Il premio della pernacchia

| Non solo Oscar: nelle stesse ore delle statuette, da un’altra parte si assegnano i premi alle peggiori interpretazioni e ai film da dimenticare

+ Miei preferiti
Serve qualche giorno, a Hollywood, per riprendersi dalla pioggia di statuette. Ma finita l’euforia (o la delusione), tutti vanno a controllare di non essere finiti nella win-list di un altro premio di cui nessuno parla, ma che tutti temono.

In effetti, puntuali come sempre, ad un giorno di distanza dalla notte degli Oscar, è andato in scena l’appuntamento con i “Razzie Award”, 38esima edizione del premio assegnato dalla “Golden Rasperry” (l’Accademia del Lampore dorato), ai film e gli attori peggiori dell’anno. Opere destinate a passare alla storia per evidente bruttezza o interpretazioni da dimenticare.

Per la verità, quest’anno il materiale non mancava davvero. A trionfare, come peggior pellicola, è stato “Emoji – accendi le emozioni” (The Emoji Movie), film d’animazione diretto da Tony Leondis che pretende di dare vita agli emoji, le faccine degli smartphone ormai usate per comunicare emozioni e stati d’animo. Un vero capolavoro che si porta a casa il titolo di peggior film, peggior regista, peggior sceneggiatura e peggior “combo” (la combinazione di emoji).

Di tutto il rispetto la categoria di attore dell’anno, conquistata da uno degli intoccabili di Hollywood: Tom Cruise. Nel film “La Mummia” (The Mummy), la sua interpretazione di Nick Morton, sergente dell’esercito americano che scoperchia inavvertitamente una tomba maledetta, gli è valsa la pernacchia d’oro. A fare compagnia a Tom, come peggior attore non protagonista, spunta Mel Gibson, un altro mostro sacro di Hollywood, poco convincente in “Daddy’s Home 2”, scombicchierata commedia scomparsa quasi subito dalle sale.

 

Razzie Awards 2018

Peggior film

Emoji! Il film

Baywatch

50 sfumature di grigio

The Mummy

Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior attrice

Tyler Perry, Boo! 2: A Medea Halloween
Katherine Heigl, Unforgettable

Dakota Johnson, 50 sfumature di grigio

Jennifer Lawrence, Madre!

Emma Watson, The Circle

Peggior attore

Tom Cruise, The Mummy

Johnny Depp, Pirati dei Caraibi: La vendetta di Salazar

Jamie Dornan, 50 sfumature di grigio

Zac Efron, Baywatch

Mark Wahlberg, Daddy’s Home 2 e Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior attore non protagonista

Mel Gibson, Daddy’s Home 2

Javier Bardem, Madre! e Pirati dei Caraibi: la vendetta di Salazar

Russell Crowe, The Mummy

Josh Duhamel, Transformers: L’ultimo cavaliere

Anthony Hopkins, Collide e Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior attrice non protagonista

Kim Basinger, 50 sfumature di grigio

Sofia Boutella, The Mummy

Laura Haddock, Transformers: L’ultimo cavaliere

Goldie Hawn, Fottute!

Susan Sarandon, A Bad Moms Christmas

Peggior combinazione

Qualsiasi coppia di emoji odiose, Emoji! Il film

Ogni combinazione di due personaggi, due sex toy o due posizioni sessuali in 50 sfumature di grigio

Ogni combinazione di due umani, due robot o due esplosioni in Transformers: L’ultimo cavaliere

Johnny Depp e le sue mosse da ubriaco in Pirati dei Caraibi: La vendetta di Salazar

Tyler Perry e il suo vestito e la parrucca in Boo! 2: A Madea Halloween

Peggior sequel, remake o svilimento

50 sfumature di grigio

Baywatch

Boo! 2: A Medea Halloween

The Mummy

Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior regista

Anthony (Tony) Leonidis, Emoji! Il film

Darren Aronofsky, Madre!

Michael Bay, Transformers: L’ultimo cavaliere

James Foley, 50 sfumature di grigio

Alex Kurtzman, The Mummy

Peggior sceneggiatura

Emoji! Il film

Baywatch

50 sfumature di grigio

The Mummy

Transformers: L’ultimo cavaliere

Articoli correlati
Cinema
Tarantino e Manson, immagini sovrapposte
Tarantino e Manson, immagini sovrapposte
Il regista alle prese con la strage di Bel Air. Le prime indiscrezioni sul copione rivelano un forte imprinting ideologico, con un cast di attori semplicemente eccezionale. Mancherà Burt Reynolds, scomparso a settembre
Verne Troyer si è suicidato
Verne Troyer si è suicidato
L'attore, morto il 21 aprile dopo una cura di disintossicazione, fu stroncato da un'overdose di psicofarmaci e alcol. Il commosso ricordo di colleghi e artisti Usa. Aveva recitato in "Austin Powers" e nella saga di Harry Potter
Johnny English: la spia che si incasinava
Johnny English: la spia che si incasinava
Nel terzo capitolo del “franchise” costola del successo planetario di Mr. Bean, Rowan Aktinson torna nei panni dell’improbabile agente segreto. E questa volta deve combattere con il progresso
L'addio di Capitan America
L
Chris Evans, l’attore che dal 2011 interpreta il supereroe a stelle e strisce, ha dichiarato sui social che il contratto con la Marvel è scaduto e la sua avventura nei panni di “Cap” si chiude con “Avengers 4”
La responsabilità di dover decidere
La responsabilità di dover decidere
Arriva nelle sale “The Children Act - il verdetto”, la vicenda di un giudice inglese chiamato a emettere una sentenza sulla vita o la morte di un adolescente. Lo interpreta Emma Thompson, affiancata da un cast altrettanto intenso
È rinata una stella
È rinata una stella
A star is born, a Venezia accompagnato da un diluvio di applausi, è il quarto remake di una delle più celebri pellicole di Hollywood. Rispolverata da Bradley Cooper per il debutto come regista, ha come protagonista un’intensa Lady Gaga
Fukunaga dirige 007, la prima nel 2020
Fukunaga dirige 007, la prima nel 2020
E Daniel Craig sarà ancora, per l'ultima volta, 007. Il regista di "True Detective" è uno specialista di effetti speciali e di riprese innovative. Gli auguri del cast
Sulla mia pelle, sulla nostra pelle
Sulla mia pelle, sulla nostra pelle
La redazione di Ism ha visto il film dedicato alla tragica morte di Stefano Cucchi. Una ricostruzione sobria e severa. Il ruolo della sorella Ilaria e della famiglia. E dei carabinieri che hanno detto la verità
Gli Incredibili 2, altri affari di famiglia
Gli Incredibili 2, altri affari di famiglia
A 14 anni dalla prima pellicola tornano sul grande schermo le avventure dei Parr, una famiglia di supereroi che lotta contro i cattivi e la quotidianità
Il messicano che parla toscano
Il messicano che parla toscano
Ritratto di Alfonso Cuarón, trionfatore della 75esima edizione del Festival del Cinema di Venezia con “Roma”. Nato a Città del Messico, lavora a Hollywood ma vive a Pietrasanta