Il premio della pernacchia

| Non solo Oscar: nelle stesse ore delle statuette, da un’altra parte si assegnano i premi alle peggiori interpretazioni e ai film da dimenticare

+ Miei preferiti
Serve qualche giorno, a Hollywood, per riprendersi dalla pioggia di statuette. Ma finita l’euforia (o la delusione), tutti vanno a controllare di non essere finiti nella win-list di un altro premio di cui nessuno parla, ma che tutti temono.

In effetti, puntuali come sempre, ad un giorno di distanza dalla notte degli Oscar, è andato in scena l’appuntamento con i “Razzie Award”, 38esima edizione del premio assegnato dalla “Golden Rasperry” (l’Accademia del Lampore dorato), ai film e gli attori peggiori dell’anno. Opere destinate a passare alla storia per evidente bruttezza o interpretazioni da dimenticare.

Per la verità, quest’anno il materiale non mancava davvero. A trionfare, come peggior pellicola, è stato “Emoji – accendi le emozioni” (The Emoji Movie), film d’animazione diretto da Tony Leondis che pretende di dare vita agli emoji, le faccine degli smartphone ormai usate per comunicare emozioni e stati d’animo. Un vero capolavoro che si porta a casa il titolo di peggior film, peggior regista, peggior sceneggiatura e peggior “combo” (la combinazione di emoji).

Di tutto il rispetto la categoria di attore dell’anno, conquistata da uno degli intoccabili di Hollywood: Tom Cruise. Nel film “La Mummia” (The Mummy), la sua interpretazione di Nick Morton, sergente dell’esercito americano che scoperchia inavvertitamente una tomba maledetta, gli è valsa la pernacchia d’oro. A fare compagnia a Tom, come peggior attore non protagonista, spunta Mel Gibson, un altro mostro sacro di Hollywood, poco convincente in “Daddy’s Home 2”, scombicchierata commedia scomparsa quasi subito dalle sale.

 

Razzie Awards 2018

Peggior film

Emoji! Il film

Baywatch

50 sfumature di grigio

The Mummy

Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior attrice

Tyler Perry, Boo! 2: A Medea Halloween
Katherine Heigl, Unforgettable

Dakota Johnson, 50 sfumature di grigio

Jennifer Lawrence, Madre!

Emma Watson, The Circle

Peggior attore

Tom Cruise, The Mummy

Johnny Depp, Pirati dei Caraibi: La vendetta di Salazar

Jamie Dornan, 50 sfumature di grigio

Zac Efron, Baywatch

Mark Wahlberg, Daddy’s Home 2 e Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior attore non protagonista

Mel Gibson, Daddy’s Home 2

Javier Bardem, Madre! e Pirati dei Caraibi: la vendetta di Salazar

Russell Crowe, The Mummy

Josh Duhamel, Transformers: L’ultimo cavaliere

Anthony Hopkins, Collide e Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior attrice non protagonista

Kim Basinger, 50 sfumature di grigio

Sofia Boutella, The Mummy

Laura Haddock, Transformers: L’ultimo cavaliere

Goldie Hawn, Fottute!

Susan Sarandon, A Bad Moms Christmas

Peggior combinazione

Qualsiasi coppia di emoji odiose, Emoji! Il film

Ogni combinazione di due personaggi, due sex toy o due posizioni sessuali in 50 sfumature di grigio

Ogni combinazione di due umani, due robot o due esplosioni in Transformers: L’ultimo cavaliere

Johnny Depp e le sue mosse da ubriaco in Pirati dei Caraibi: La vendetta di Salazar

Tyler Perry e il suo vestito e la parrucca in Boo! 2: A Madea Halloween

Peggior sequel, remake o svilimento

50 sfumature di grigio

Baywatch

Boo! 2: A Medea Halloween

The Mummy

Transformers: L’ultimo cavaliere

Peggior regista

Anthony (Tony) Leonidis, Emoji! Il film

Darren Aronofsky, Madre!

Michael Bay, Transformers: L’ultimo cavaliere

James Foley, 50 sfumature di grigio

Alex Kurtzman, The Mummy

Peggior sceneggiatura

Emoji! Il film

Baywatch

50 sfumature di grigio

The Mummy

Transformers: L’ultimo cavaliere

Articoli correlati
CINEMA
La mafia non tira più, flop Travolta
La mafia non tira più, flop Travolta
Brutto esordio nella sale Usa per il film "Gotti" interpretato da Travolta. Incasso misero, solo 1 milione 67 mila dollari in 503 sale. Mai così male da 30 anni a oggi
Top Gun 2, Maverick sta tornando
Top Gun 2, Maverick sta tornando
Lo ha annunciato lo stesso Tom Cruise con un tweet: 32 anni dopo, le avventure del pilota scavezzacollo sono pronte a riempire nuovamente le sale
Anthony Hopkins e la figlia perduta
Anthony Hopkins e la figlia perduta
Da vent’anni, Abigail, nata dal primo matrimonio, non vuole avere contatti con il padre. Lui, davanti ai microfoni, confessa di essersi rassegnato: “Non posso obbligarla”
Dogman, niente sequestro per Garrone
Dogman, niente sequestro per Garrone
La famiglia de "Er pugile" si era ritenuta offesa dalla ricostruzione dell'omicidio di Gianfranco Ricci, ritenuta non verosimile e offensiva. Ma i giudici hanno respinto la richiesta. Film nelle sale
L’ultimo segreto di Whitney
L’ultimo segreto di Whitney
Un docu-film presentato fuori concorso a Cannes svela che la grande cantante americana da piccola fu costretta a subire le violenze di una cugina, Dee Dee Warwick, la sorella di Dionne
I denti finti di Jerry Lewis all’asta
I denti finti di Jerry Lewis all’asta
Fanno parte di un consistente lotto di abiti, oggetti, orologi e ricordi appartenuti al celebre comico scomparso meno di un anno fa. Una pacchia per i collezionisti
Se il bianco non è il simbolo del candore
Se il bianco non è il simbolo del candore
Il tema tragico de "I segreti di Wind River", thriller ambientato in una riserva indiana immersa nella neve, dove non ci sono buoni o cattivi ma uomini perduti e un' agente intelligente e sensibile. Regia di Sheridan
Tami, che il mare non ha voluto
Tami, che il mare non ha voluto
Nel 1983, finisce con il fidanzato Richard nel mezzo dell’uragano Raymond, con venti a 235 km/h. Lui muore, lei resiste 41 giorni: la sua storia, raccontata in un libro, sta per diventare un film
"Il limite della realtà è l'immaginazione"
"Il limite della realtà è l
L'assunto di Spielberg nel film "Ready Player One". Una storia proiettata nel futuro ma con le radici negli Anni '80. Cultura pop e citazioni
Mamma, ti ordino di chiamarmi Lady Bird
Mamma, ti ordino di chiamarmi Lady Bird
Autobiografia da Oscar sullo sfondo di Sacramento, la regista Gerwig racconta molto di sé ma anche delle nevrosi della società Usa di ogni tempo. Una studentessa alle prese con il rifiuto di patria e famiglia