Tami, che il mare non ha voluto

| Nel 1983, finisce con il fidanzato Richard nel mezzo dell’uragano Raymond, con venti a 235 km/h. Lui muore, lei resiste 41 giorni: la sua storia, raccontata in un libro, sta per diventare un film

+ Miei preferiti
Tami e Richard avevano dalla vita tutto quello che si può sperare: 23 anni lei e 34 lui, erano riusciti a trasformare in un lavoro la loro passione per il mare. Riparavano imbarcazioni, e quando capitava si offrivano ben volentieri di consegnarle da altre parti. Era stato così anche nell’ottobre del 1983, quando i proprietari di “Hazana”, un lussuoso yacht, chiedono alla coppia di spostare l’imbarcazione da Tahiti a San Diego, in California: 4.000 miglia, circa 6.600 km che per Tami e Richard significano ancora una volta salpare e vivere come piace a loro, sul mare.

Non sapevano, che ad attenderli dopo tre settimane di navigazione ci sarebbe stato “Raymond”, uno dei peggiori uragani di sempre, un’onda tropicale che partita dal Nicaragua che nel giro di quattro giorni avrebbe raggiunto il massimo della sua potenza distruttrice a 800 miglia da San Diego, con venti pari a 235 km/h. Per Tami e Richard è l’inizio di una disperata lotta alla sopravvivenza: gli alberi si spezzano, lo yacht si ribalta e Richard sparisce fra le onde, risucchiato dal mare. Tami si rifugia sottocoperta, perde i sensi e riapre gli occhi dopo più di un giorno di totale incoscienza.

Ha una profonda ferita alla testa e perde sangue da più parti: sono ore difficili, è quasi decisa a lasciarsi andare per raggiungere il suo Richard sul fondo del mare e chiuderla così.

Quando è ormai pronta ad affidarsi alle onde, sente netta e scandita la voce di Richard e quelle dei suoi genitori: le chiede di resistere, di stringere i denti, di continuare a vivere. Tami le ascolta e resiste, neanche lei sa come: fra i resti trova un orologio e il sestante, mangia quello la furia dell’uragano ha risparmiato, frutta in scatola e sardine, trova il modo di liberare la cabina dall’acqua, usa i testi di una vela per spostarsi. 41 giorni e 1.500 miglia dopo si avvicina alle coste dell’isola di Hilo, alle Hawaii: quando la nave di soccorso si avvicina, è ridotta allo stremo delle forze, aggrappata a quel che resta dello yacht.

Anni dopo, Tami Oldham Ashcraft racconterà la sua esperienza in un libro, “Red Sky in Mourning”, pubblicato in 15 paesi e tradotto in otto lingue: “Mentre la nave di soccorso stava arrivando, ho capito che quel viaggio che aveva contro ogni probabilità di sopravvivenza mi ha insegnato una cosa che non scorderò mai: anche nei momenti più bui, non siamo mai soli”.

Superare la perdita del fidanzato, Richard Sharp, e riprendere una vita normale è costata fatica: oggi Tami vive sull’isola di San Juan, si è sposata, ha due figli e continua ad uscire in mare. La sua storia è diventata un film, “Adrift” (alla deriva), che uscirà negli Stati Uniti il prossimo 1° giugno.

Galleria fotografica
Tami, che il mare non ha voluto - immagine 1
Cinema
Due amici chiamati Stanlio & Ollio
Due amici chiamati Stanlio & Ollio
La coppia comica più celebre del cinema americano, rivive in un biopic che racconta il crepuscolo della carriera, della vita e di un’amicizia profonda. L’incredibile la somiglianza degli attori che li interpretano
Avatar2 esplorerà il mondo marino
Avatar2 esplorerà il mondo marino
Quattro i sequel del film di Cameron del 2009 che ha il record degli incassi più alti nella storia di Hollywood, dal 2020 al 2025. Al centro l'acqua, il mare e le esplorazioni. Di nuovo con Winslet e Weaver
Tarantino e Manson, immagini sovrapposte
Tarantino e Manson, immagini sovrapposte
Il regista alle prese con la strage di Bel Air. Le prime indiscrezioni sul copione rivelano un forte imprinting ideologico, con un cast di attori semplicemente eccezionale. Mancherà Burt Reynolds, scomparso a settembre
Verne Troyer si è suicidato
Verne Troyer si è suicidato
L'attore, morto il 21 aprile dopo una cura di disintossicazione, fu stroncato da un'overdose di psicofarmaci e alcol. Il commosso ricordo di colleghi e artisti Usa. Aveva recitato in "Austin Powers" e nella saga di Harry Potter
Johnny English: la spia che si incasinava
Johnny English: la spia che si incasinava
Nel terzo capitolo del “franchise” costola del successo planetario di Mr. Bean, Rowan Aktinson torna nei panni dell’improbabile agente segreto. E questa volta deve combattere con il progresso
L'addio di Capitan America
L
Chris Evans, l’attore che dal 2011 interpreta il supereroe a stelle e strisce, ha dichiarato sui social che il contratto con la Marvel è scaduto e la sua avventura nei panni di “Cap” si chiude con “Avengers 4”
La responsabilità di dover decidere
La responsabilità di dover decidere
Arriva nelle sale “The Children Act - il verdetto”, la vicenda di un giudice inglese chiamato a emettere una sentenza sulla vita o la morte di un adolescente. Lo interpreta Emma Thompson, affiancata da un cast altrettanto intenso
È rinata una stella
È rinata una stella
A star is born, a Venezia accompagnato da un diluvio di applausi, è il quarto remake di una delle più celebri pellicole di Hollywood. Rispolverata da Bradley Cooper per il debutto come regista, ha come protagonista un’intensa Lady Gaga
Fukunaga dirige 007, la prima nel 2020
Fukunaga dirige 007, la prima nel 2020
E Daniel Craig sarà ancora, per l'ultima volta, 007. Il regista di "True Detective" è uno specialista di effetti speciali e di riprese innovative. Gli auguri del cast
Sulla mia pelle, sulla nostra pelle
Sulla mia pelle, sulla nostra pelle
La redazione di Ism ha visto il film dedicato alla tragica morte di Stefano Cucchi. Una ricostruzione sobria e severa. Il ruolo della sorella Ilaria e della famiglia. E dei carabinieri che hanno detto la verità