La pornostar August Ames spinta al suicidio

| Era una delle promesse dell’industria hard americana: ufficialmente si è suicidata impiccandosi, ma il sospetto è che sia stata vittima di haters spietati. Un giornalista indaga da tempo sul suo caso

+ Miei preferiti
August Ames, pseudonimo di Mercedes Grabowski, classe 1994 da Antigonish, Canada, era troppo bella e troppo disinibita per passare inosservata. Le origini polacche e afroamericane le regalano una bellezza statuaria che colpisce: lavora come cameriera, insegnante di Zumba e in un centro abbronzatura, ma nel 2013 debutta come attrice porno. Diventa una delle promesse dell’hard, seguitissima e con una carriera che non sembra avere ostacoli, a parte una polemica in cui finisce forse involontariamente, quando dichiara di non voler lavorare in film porno con un attore gay. Malgrado sia dichiaratamente bisessuale, le piovono addosso accuse di omofobia e diventa vittima di decine di haters che le augurano la morte.

È uno choc, quando la mattina del 6 dicembre 2017, August Ames viene ritrovata all’interno di un parco pubblico di Camarillo, in California: la morte viene classificata come suicidio, e il medico legale firma il certificato di decesso per soffocamento da impiccagione.

Ma i misteri della morte di August sono tanti, e nel tempo le congetture e le ipotesi sono state diverse. Jon Ronson, un giornalista americano che anche su richiesta di Kevin Moore, produttore e marito di Ames, non ha mai smesso di indagare su quella morte sospetta, ha raccolto indizi che a breve saranno pubblicati in un podcast per “Audibile”.

Intitolata “The last days of August” (Gli ultimi giorni di August), l’inchiesta promette di svelare “la storia mai raccontata prima” di un possibile collegamento fra la morte della giovane pornostar e un “personaggio oscuro” che sulla morte della pornostar saprebbe molto più di quel che ha raccontato.

Jon Ronson è riuscito a contattare anche Jessica Drake, una pornostar collega di August, che ha rivelato l’ultimo tweet della Ames in cui mandava a quel paese tutti quanti: il giorno dopo era stata ritrovata priva di vita nel parco di Camarillo.

Il sospetto è che August Ames sia rimasta vittima di un feroce attacco di cyberbullismo che avrebbe minato la sua già delicata situazione psichica. La ragazza soffriva di crisi depressive e accusava un disturbo bipolare, due problemi che trattava in modo riservato perché nel mondo del porno mostrare la propria fragilità può significare rimetterci la carriera.

Nella sua breve carriera, August Ames ha partecipato ad oltre 290 pellicole hard: fra il 2015 e il 2017 ha vinto numerosi premi assegnati dall’industria americana del porno.

Galleria fotografica
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 1
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 2
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 3
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 4
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 5
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 6
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 7
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 8
La pornostar August Ames spinta al suicidio - immagine 9
Cold Case
Il macabro mistero della nave fantasma
Il macabro mistero della nave fantasma
La nave olandese "Ourang Medan", affonda nel '48 nello stretto di Malacca. I corpi dei marinai avevano bocca e occhi spalancati, in un'espressione di terrore. Un documento CIA: "E' la chiave dei molti misteri insoluti"
Il serial killer disegna i volti
delle donne che ha ucciso
Il serial killer disegna i volti<br>delle donne che ha ucciso
L'Fbi diffonde 34 immagini dei volti di donne uccise dal 1970 al 2005 emersi dalla memoria dell'assassino, autore di 90 delitti e già condannato a morte, con la speranza che familiari o amici possano riconoscerle
Simon era fuggito, ritrovato 20 anni dopo
Simon era fuggito, ritrovato 20 anni dopo
Il caso di Simon Lembi aveva riempito le cronache del Belgio: svanisce nel nulla nel 1999 e di lui non si sa più nulla. Vent’anni dopo, è stato ritrovato
"Ted Bundy, il mio eterno e orribile incubo"
"Ted Bundy, il mio eterno e orribile incubo"
La sua ex fidanzata, oggi 71enne, racconta per la prima volta la relazione con uno dei serial killer più prolifici e crudeli della storia, autore di decine di omicidi di donne, stupratore e necrofilo. "Era un uomo così gentile..."
nella scomparsa dei Maiorana'>L'ombra di Matteo Messina Denaro
nella scomparsa dei Maiorana
Lnella scomparsa dei Maiorana' class='article_img2'>
Padre e figlio svaniti nel nulla nell'agosto 2007 da Palermo, un altro figlio suicida nel 2009. La compagna del manager aveva confidato a due testi che aveva una relazione con un "potentissimo boss di Trapani". E' l'imprendibile Matteo?
Delitto Pecorelli, riaperte le indagini
Delitto Pecorelli, riaperte le indagini
La sorella del giornalista Mino Pecorelli, ucciso dopo gli articoli sul sequestro Moro pubblicati dalla sua rivista OP, ha affidato a un avvocato il compito di presentare un esposto: "Abbiamo nuovi elementi, voglio solo la verità"
"Abbattei io l'aereo del segretario ONU"
"Abbattei io l
Un pilota della Raf avrebbe abbattuto nell'Africa del Sud, settembre 1961, l'aereo Onu su cui viaggiavano il segretario generale Dag Hammarskjöld e altre 15 persone. Non sarebbe stato un incidente ma un omicidio. Lo rivela il Guardian
"Ho ucciso JonBenet ma fu un incidente..."
"Ho ucciso JonBenet ma fu un incidente..."
Un pedofilo in carcere ha scritto a un amico per confessare il delitto della reginetta di bellezza di 6 anni, uccisa in Colorado nel Natale 1996. "E caduta e ha battuto la testa, non volevo ucciderla". Riparte l'inchiesta
Diffamazione, 750 milioni di dollari al fratello di JonBenet Ramsey
Diffamazione, 750 milioni di dollari al fratello di JonBenet Ramsey
Nel 2016 la CBS aveva trasmesso un'inchiesta-tv sul caso della reginetta di bellezza JonBenet, 6 anni, uccisa nel 1996, accusando il fratello di essere l'assassino. Ma era stato scagionato nel 2008. Risarcimento record
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito
Caso Ragusa, nuovi sospetti sul marito
Due fotografi videro nel 2013 Antonio Logli gettare in un cassonetto lontano da casa degli scatoloni. Furono avvertiti anche i carabinieri. Mistero sul contenuto