A Venaria entra in scena il Minculpop? Se vuoi lo streaming, decidono i grillini

| Opposizione pronte a una protesta ad oltranza. Lunedì cambia il regolamento comunale , per l'opposizione un attacco in piena regola alle regole della democrazia

+ Miei preferiti
Roventi polemiche per l'ipotesi di cambiare il regolamento del Consiglio Comune di Venaria. Cioè come vorrebbero modificarlo i grillini. Questione di democrazia, di tutela del diritto dei cittadini di seguire i lavori del Consiglio stesso, osserva molto critica la minoranza, attraverso il capo-gruppo Salvatore Ippolito. Perchè i cambiamenti, almeno ad un primo esame sommario, sembrerebbero allontanarsi anni luce da uno dei postulati grillini ripetuti nel corso degli anni, dai primi meet up, come un mantra: la trasparenza delle sedute pubbliche, il famoso streaming, cioè trasmettere in diretta senza alcuna limitazione, su una radio, un file-audio, gli interventi di amministratori e consiglieri. Adesso appare in pericolo proprio questo aspetto.
Ecco i cambiamenti annunciati dai grillini che governano il Comune della Reggia.
Art 7 comma 5 Autorizzare le emittenti telefoniche e televisioni a nome e per conto del Presidente del Consiglio grillino
Insomma, senza l'autorizzazione M5s niente riprese tv o registrazioni, misure che colpirebbero in pieno la libertà di stampa sancita dall'art. 21 del dettato costituzionale.

Art 15 comma 2 abolire i gruppi esistenti in consiglio senza la rappresentanza  Una classica misura anti-dissenso specie per proteggere le file dei grillini, dove questo fenomeno è assai accentuato. Il dimissionario verrebbe condannato al più totale isolamento e nell'impossibilità di svolgere il proprio mandato.

Art 33 comma d  Le mozioni discuterle nell'arco di 4 mesi o mai. In questo modo basterebbe lasciarle dormire in un cassetto per il tempo stabilito dal comma d e cadrebbero definitivamente nell'oblio.

Art 40 comma 1 Modifica dei consiglieri per la validità del numero legale delle sedute  da 13 a 11 compreso il sindaco. Un altro provvedimento anti (probabile) dissenso interno, nella più perfetta sintonia con i cari vecchi partiti della prima repubblica.

Art 53  comma 4/ 8  diminuire i tempi di discussione  da 10 minuti a  6 min da 5 minuti a  3 minuti. Un'altra vistosa limitazione della democrazia, certi temi, di natura tecnico-legale hanno bisogno di tempo per essere illustrati a dovere, anche nell'interesse del pubblico. Riducendo i tempi in modo così vistoso viene meno un principio democratico di grandissimo valore.

Art 60 comma 2  l'interrogazione deve essere scritta con carattere 12 e un massimo di righe 40. Questa misura ricorda tanto certe circolari dell'odiato ed esecrabile ventennio, quando il segretario del partito imponeva per iscritto misure bizzarre, tipo "è poco romano salutare romanamente stando seduti", oppure "E' vietato, descrivendo la figura femminile, utilizzare le parole 'vitino di vespa'", in quanto contrarie all'immagine ufficiale della donna fattrice. Lo stile, sia detto sorridendo e con un  po' di ironia per sdrammatizzare, è quello.
Tutta l'opposizione, da sinistra a destra, passando per gli indipendenti, è pronta a proteste anche creative, ora allo studio e per ora ora segrete per non rovinare la sorpresa. Di certo è che, dopo le dimissioni a catena, i penosi scambi di battute via chat tra sindaco ed ex grillini, l'atmosfera a Venaria è sempre incandescente. Il Consiglio è convocato per lunedì. Pronto un esposto per denunciare all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte, "l'attacco alla libertà di stampa", conclude l'opposizione.

Cronaca
"La barbarie in nome di Salvini"
"La barbarie in nome di Salvini"
Il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, prima dell'udienza sulla revoca degli arresti attacca il ministro dell'Interno. "Spero di tornare libero"
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Armi paracadutate durante la guerra civile, conservate in un tubo di cemento poi sepolto in un campo. Sono intervenuti gli artificieri
Coppia investita da gommone-pirata
Coppia investita da gommone-pirata
Erano a bordo di un gozzo a motore quando sono stati investiti da un gommone con tre persone a bordo che, invece di soccorrere i feriti, uno grave, sono fuggiti. Le indagini della Capitaneria. E' accaduto a Posillipo
"Conteso tra moglie e amante
avevo scelto la famiglia"
"Conteso tra moglie e amante<br>avevo scelto la famiglia"
Fabrizio Pasini abbandona la prima versione e spiega perché ha ucciso Manuela Bailo: "Mia moglie mi telefonava, lei urlava, ho perso la testa". Un femminicidio da manuale. Ma l'assassino mente ancora
Modena, forse è un serial killer
Modena, forse è un serial killer
I carabinieri riaprono il fascicolo di una 75enne uccisa a bastonate in un parco, confronto con il Dna di Raffaele Esposito, in cella per avere ucciso una prostituta
Bossetti, ergastolo definitivo
Bossetti, ergastolo definitivo
Il procuratore: "L'ha lasciata morire da sola". Gli avvocati: "Negato un secondo esame del Dna, processo viziato dai media". Il muratore uccise Yara il 26 febbraio 2011. La Cassazione conferma le condanne di 1 e 2 grado
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Pene quasi dimezzate rispetto alle richieste del pm: 20 mesi a Nicoletta Dosio. Fuori dal tribunale un presidio, all’interno anche la consigliera regionale M5S Frediani
In carcere come transgender, aggredisce quattro donne
In carcere come transgender, aggredisce quattro donne
Un caso che sta facendo discutere l’Inghilterra e mettendo in discussione l’intero sistema carcerario inglese: un uomo di 52 anni ottiene di scontare la pena in un carcere femminile e tenta di stuprare alcune detenute
Stupro di Firenze, condannato un carabiniere
Stupro di Firenze, condannato un carabiniere
Marco Camuffo aveva richiesto il rito abbreviato, per Pietro Costa, il più giovane dei due, il processo inizierà il prossimo mese di maggio. I due ex carabinieri sono accusati di aver violentato due studentesse americane
"Hanno picchiato Stefano perché si ribellava"
"Hanno picchiato Stefano perché si ribellava"
Colpo di scena nel processo Cucchi, un carabiniere accusa due colleghi del pestaggio. I superiori sapevano. Gli avvocati: "Per anni ha detto cose diverse". La famiglia: "Caduto il muro"