Anarchici, tre attentati per solidarietà a Cospito-Beniamino

| Una pista torinese nelle indagini sui ripetitori tv sabotati a Genova, filo rosso tra le cellule Fai-Fri di Torino e Genova

+ Miei preferiti
Tra fine inverno e primavera tre i raid contro i ripetitori telefonici sulle alture genovesi. La Digos ha accertato che si tratta di "azioni dirette" dell'area anarchica per solidarietà agli arrestati dell'operazione Scripta Manent, attualmente sotto processo nbell'aula bunker del Tribunale di Torino. La procura di Genova contesta il reato con "finalità di terrorismo". L'indagine è coordinata dal pm Federico Manotti ed è sui sabotaggi a ripetitori della telefonia mobile, l'ultimo avvenuto l'8 maggio in via Codeviola, frazione San Gottardo, Valbisagno. Gli anarchici avevano tagliato i cavi mettendo fuori uso l'antenna di "Wind Tre", nello stesso modo dei due precedenti attentati. Il 12 maggio sul sito "Croce nera anarchica", nella sezione "azioni dirette - rivendicazioni" la rivendicazione: «Genova Valbisagno: sabotato ripetitore in solidarietà col prigioniero Alfredo Cospito, in sciopero della fame contro la censura a cui sono sottoposti gli arrestati dell'operazione "Scripta manent". Rompiamo l'isolamento». Altri due episodi identici erano avvenuti il 15 e il 22 febbraio a Trasta in Valpolcevera, il secondo a Staglieno. con identitca rivendicazione anarchica, nel nomr di due detenute in Grecia e una decica a d Alfredo Cospito e agli altri arrestati..  "Scripta manent" è il nome dell'indagine coordinata dal pm Roberto Maria Sparagna ha chiesto l'arresto di sette appartenenti alla Federazione anarchica informale, accusati di aver fatto esplodere quattro ordigni di notevole potenziale: due nel quartiere Crocetta di Torino, il 5 marzo 2007, e due di fronte alla caserma allievi carabinieri di Fossano (Cuneo) il 2 giugno 2006. Ai raid liguri avrebbero partecipato anche elementi torinesi delle Cellule di Fuoco della Federazione Informale, molto radicata anche a Genova, dove, nel maggio 2012, fu "gambizzato" a colpi di pistola l'ad di Ansaldo Roberto Adinolfi dagli anarchici Alfredo Cospito e Nicola Gai, condannati rispettivamente a 9 e 10 anni di carcere.

Cronaca
"Un burattino nella mani dell'assassina"
"Un burattino nella mani dell
E' disperato Angelo Pezzotta, l'imprenditore che ha portato, bendata con un foulard, Stefania Crotti nelle mani dell'assassina, pure catechista, di Stefania Crotti. "Non me lo perdonerà mai". Sabato i funerali a Gorlago
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
Il piccolo Piper su cui viaggiava l’attaccante appena acquistato da Cardiff City è svanito dai radar ieri sera, mentre sulla Manica si abbattevano venti e forti piogge. Le autorità: nessuna speranza di trovare sopravvissuti
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Sotto accusa un cuoco inglese che avrebbe ripetutamente picchiato, sino alla morte, la figliastra di appena 2 anni. Erin è morta in ospedale per lesioni alla testa ma poche settimane prima aveva subito una frattura spinale e a un braccio
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Nel 1985, l'uomo aveva stuprato e ucciso un bimbo di 17 mesi. Condannato all'ergastolo, era stato liberato. Ai vicini aveva detto una bugia sui reati commessi. Smascherato da Google, è stato pugnalato a morte con 150 coltellate
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Una donna indonesiana arrestata dopo una lite. Lei voleva vedere il contenuto dello smartphone, ma lui si è rifiutato. Lo ha cosparso di benzina e poi gli ha dato fuoco con l'accendino. Morto
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Misterioso delitto a Melbourne, una 21enne rapita, stuprata e pugnalata a morte mentre telefonava alla sorella che ha sentito in diretta il momento in cui è stata aggredita. La polizia: "Forse aggressione sessuale"