Appalti e decine di cantieri, la Tav ora parte davvero

| I No Tav lanciano uova contro la polizia. Il presidente Dario Gallina: "Importanti ricadute economiche per tutto il territorio"

+ Miei preferiti

 Sono 81 i bandi di gara articolati su 12 cantieri operativi tra Italia e Francia per la realizzazione della sezione transfrontaliera della linea Torino-Lione che, secondo le stime, riguarderanno oltre 20mila imprese e 8mila lavoratori, diretti e indiretti. In particolare gli appalti lanciati tra il 2017 e il 2019 hanno un valore di 5,5 miliardi di euro, come previsto dal planning del Grant Agreement sottoscritto con l'Unione Europea. I numeri dei lavori dell'opera sono stati illustrati questa mattina all'Unione Industriale di Torino nel corso di "TELT at Work", la prima tappa del roadshow informativo che si replicherà a Lione il prossimo 21 giugno e toccherà poi le principali capitali europee. Attivisti No Tav dell'area dei centri sociali e di alcuni comitati di Val Susa e Torino, hanno inscenato una manifestazione di protesta all'esterno del Centro Congressi di via Vela. Non più di un centinaio di persone che, alle 12, hanno tentato di forzare i blocchi delle forze dell'ordine per avvicinarsi al meeting. Ci sono stati brevi contatti ma senza feriti. Un piccolo corteo s'è poi snodato verso corso Ferraris ma di nuovo senza incidenti.

La presentazione è stata organizzata dal promotore pubblico italo-francese in collaborazione con Unione Industriale e Ance Collegio Costruttori di Torino, Confindustria e Ance Piemonte, Transpadana. Ad aprire la giornata: il Commissario di Governo, Paolo Foietta, i presidenti di Unione Industriale, Dario Gallina, ANCE Torino, Alessandro Cherio, e TELT, Hubert du Mesnil. Presenti rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali, delle associazioni di categoria, tra cui API, CNA, Confagricoltura, e dei sindacati.

Gli aspetti tecnici, economici, normativi e le tempistiche dei bandi di gara, distinti per dimensione e tipologia, sono stati illustrati alla platea di oltre 230 imprese da Mario Virano, direttore generale di TELT, e approfonditi nei rispettivi ambiti di competenza da Maurizio Bufalini, direttore divisione tecnica, Marie Pierre Cordier, direttrice giuridica, e Alessandro Jannetti, direttore amministrazione e finanza, insieme a Jean-François Corté, presidente della Commissione Contratti

 

Gli 81 bandi sono distribuiti su 12 cantieri operativi: 9 per i lavori suddivisi per area geografica (tra le interconnessioni alla linea storica in Italia e in Francia) e 3 per le attività connesse (valorizzazione dei materiali di scavo, sicurezza, impianti e tecnologie). Nel dettaglio 45 gare riguardano le lavorazioni civili articolate su quattro fasce (fino a 5 milioni di euro, tra i 5 e i 50 milioni di euro, tra i 50 e i 500 milioni e tra i 500 milioni e il miliardo e 300 milioni euro) e 36 servizi di ingegneria. Secondo le rilevazioni statistiche fatte durante i cantieri per le gallerie geognostiche di Chiomonte e di Saint-Martin-La-Porte, si stima che i lavori coinvolgeranno, tra appalti e subappalti, circa 20mila imprese per contratti di ogni genere: da quelli minori alle opere più importanti. 

 

"La nuova linea ferroviaria Torino Lione oggi è una realtà in progress: i cantieri sono aperti e stanno partendo  i bandi per l'assegnazione dei lavori – ha ricordato Dario Gallina, presidente dell'Unione Industriale di Torino – Sono convinto che l'opera offrirà un sostanziale impulso all'integrazione con l'Europa in termini di trasporti, logistica e mobilità. Ma sono altresì convinto che l'opera avrà ricadute economiche ed occupazionali significative per la nostra area offrendo altresì la concreta opportunità alle nostre imprese di lavorare anche oltre confine".

"Per il tessuto imprenditoriale delle costruzioni la linea non è importante solo per l'infrastruttura in sé ma per le ricadute in termini di riqualificazione e attrazione di investimenti stranieri – ha commentato Alessandro Cherio, presidente di ANCE Torino – Sappiamo che saranno realizzati molti lavori propedeutici, accessori e complementari per i quali sarà indispensabile coinvolgere imprese attrezzate, strutturate, operanti sul territorio e quindi conoscitrici dello stesso. Fare in modo che le imprese locali non vengano scavalcate ma diventino parte integrante del progetto non significa fare del ‘localismo', ma dare alle imprese di Torino e provincia un'occasione di rilancio dopo quasi un decennio di crisi". 

"Ritengo – ha affermato Fabio Ravanelli, presidente di Confindustria Piemonte – che questo evento sia un'ulteriore dimostrazione che  la Lione Torino è una realtà indiscutibile, dopo oltre 25 anni di un dibattito democratico che ha riscontrato la condivisione dell'Europa, di Francia e Italia, delle regioni Piemonte e Auvergne Rhone Alpes e della maggior parte delle comunità locali direttamente interessate dall'opera. Un'opera che supporterà le economie e i territori del Corridoio Mediterraneo per centinaia di anni, come ha fatto egregiamente il traforo del Frejus inaugurato nel 1871 e che quindi - in questa prospettiva - sarà in grado ampiamente di reggere a qualunque analisi costi benefici. Ora si tratta di riuscire a coinvolgere efficacemente nella realizzazione del tunnel il nostro sistema delle imprese, non dimenticando di lavorare anche per un uso concreto delle risorse complementari, destinate ai territori".

"Dopo 26 anni dal primo dibattito italo-francese, dove venne presentato lo studio di fattibilità della linea, finalmente abbiamo l'onore di assistere all'avvio di una grande opera utile al nostro territorio e alla nazione – ha evidenziato Giuseppe Provvisiero, presidente di ANCE Piemonte – Un'opera strategica che rappresenta un'irripetibile occasione di sviluppo in termini di competitività e di crescita del tessuto economico, grazie all'effetto anticongiunturale che agisce sulla crescita dei territori e sulle loro capacità di sostenere il sistema produttivo, migliorando anche la qualità della vita della collettività. Siamo lieti che in questa grande infrastruttura TELT abbia prestato la dovuta attenzione a favorire il coinvolgimento delle imprese locali per la realizzazione dell'opera".

"Con la presentazione delle gare del tunnel di base della Torino-Lione, parte la realizzazione della tratta più importante del Corridoio Mediterraneo, unica e fondamentale arteria ferroviaria europea a Sud delle Alpi – ha dichiarato Franco Miller, Presidente di Transpadana – E' un'occasione straordinaria, anche in virtù dell'opportuna diversificazione dei tagli degli appalti operata da TELT, per l'intero sistema delle imprese che aderisce a Transpadana, nata 27 anni fa proprio per promuovere la realizzazione della connessione transalpina, che sono certo fungerà da stimolo e traino per il completamento del corridoio ad est di Brescia".

 

 

"Le piccole e medie imprese dei territori interessati da grandi opere generalmente hanno come loro orizzonte di attesa i lavori in subappalto – ha sottolineato Mario Virano, direttore generale di TELT – invece l'idea della Società è di avere un numero significativo di gare rivolte proprio a questo sistema. Abbiamo quindi deciso di attivare una tornata di bandi di pezzatura medio piccola, che normalmente sono molto interessanti per le PMI: TELT sta infatti per lanciare numerosi contratti fino a 50 milioni di euro, oltre a quelli molto grandi fino a 1,3 miliardi". 


Cronaca
Strage di ragazzi
sfiorata a San Donato Milanese
Strage di ragazzi<br>sfiorata a San Donato Milanese
L’autista senegalese dello scuolabus ha fato fuoco al mezzo: l'intervento dei carabinieri ha permesso ai ragazzi di mettersi in salvo senza conseguenze. L’uomo voleva vendicare le morti in mare di cui accusa Di Maio e Salvini
In manette Marcello De Vito
il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito<br>il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Solidarietà totale alla parlamentare grillina (al di là delle idee politiche), vittima di una campagna diffamatoria di rara violenza e volgarità. Nel video porno c'è una donna tatuata e con una voce totalmente diversa
Ikea furti e ricettazione, 10 licenziati
Ikea furti e ricettazione, 10 licenziati
Accade a Corsico, i dipendenti avrebbe venduto a parenti e amici mobili e altro cambiando i codici a barre con il prezzo di bottiglie d'acqua e oggetti di scarso valore. Provvedimenti disciplinari per altri 22
Gli otto italiani vittime del volo ET302
Gli otto italiani vittime del volo ET302
Sono soprattutto volontari di Ong, i nostri connazionali morti nel tragico schianto di questa mattina. Istituita una commissione d’inchiesta, le famiglie avvisate dalla Ethiopian Airlines